L'errore di pensare che le obbligazioni siano sempre sicure e che il mercato azionario sia sempre rischioso


Il reddito fisso per i più cauti e l’azionario solo per coloro che accettano di correre più rischi. È la regola implicita che determina l'asset allocation tradizionale. Ma è ancora valida questa massima? “Chi ritiene di essere diversificato avendo bond e titoli azionari si sbaglia di grosso", afferma Philip Saunders, co-responsabile dei multi-asset growth di Investec AM.

L'esperto ricorda un caso estremo, quello del 2008 in cui l’high yield si trasformò in un portafoglio azionario . "Le obbligazioni non sono necessariamente asset class prive di rischio", spiega. E così si riflette nel grafico qui sotto. Anche le società con rating A-AAA statunitensi hanno registrato un drawdown massimo del 16%.

Captura_de_pantalla_2019-11-12_a_las_18

Fonte: Investec AM.

Saunders insiste sulla necessità di affrontare le correlazioni di un portafoglio in maniera individuale. "Perché in questo mondo, la diversificazione è l'ultimo free lunch rimasto", afferma Saunders. E in un mondo in cui le banche centrali, a loro avviso, hanno sostanzialmente ucciso i rendimenti del reddito fisso, forse il ruolo difensivo di un portafoglio non dovrebbe più dipendere esclusivamente dall’obbligazionario tradizionale.

Un portafoglio suddiviso al 50-50 tra obbligazioni e azioni sta perdendo la sua capacità di tenuta. Siamo in un mercato che è ancora classificato come rialzista e le forti correzioni stanno diventando sempre più frequenti. È vero che è il bull market più lungo degli ultimi tempi, ma nei due precedenti non vi era alcuna correzione del 10%, né negli anni '90 né negli anni 2000, mentre nel 2018 ce ne è stata una. Questo forte calo si aggiunge ai sei arresti del 5% nell'ultimo decennio.

Captura_de_pantalla_2019-11-12_a_las_18

Fonte: Investec AM.

E quali possono essere queste idee difensive? Il co-gestore dell'Investec GSF Global Multiasset Income, fondo con rating Consistente Funds People, predilige in questo momento l’uso di opzioni e futures, nonché valute rifugio come lo yen. "Si tratta di essere di mentalità aperta", dice.

Per generare redditività, raccomanda di guardare alle azioni, dove il premio per il rischio è rimasto stabile mentre nel caso delle obbligazioni, considerare quelle dove il premio è precipitato. "Non si tratta più solo di decidere tra equity e fixed income, ma anche di considerare il potenziale rendimento che un'attività può offrire", afferma. "In un mondo affamato di beta, le migliori opportunità sono nei dettagli".

Professionisti
Società

Notizie correlate