I fondi di Bnp Paribas con il Marchio Funds People


La casa francese BNP Paribas IP ha 14 fondi che rientrano nei rating di Funds People. Due sono Blockbuster. Si tratta del BNL Assetto Dinamico, un bilanciato aggressivo con un track record di cinque anni e un patrimonio di quasi 400 milioni di euro, e delBNL Azioni Europa Dividendo, un azionario europeo lanciato nel 2000 e con asset pari a 145 milioni di euro.

Gli altri 12 fondi presenti in lista guadagnano tutti il rating di Consistenti Funds People. Cinque investono sul mercato del fixed income. Nello specifico sono:

BNP Paribas L1 Bond Europe Plus – è un fondo gestito da Timothy Johnson, con un track record di oltre 10 anni, che generare plusvalenza investendo attivamente nei mercati obbligazionari europei e, secondariamente, in obbligazioni del mercato internazionale, mantenendo un profilo di rischio medio. Il comparto investe principalmente in obbligazioni investment grade denominate in varie divise e nei relativi strumenti legati ai tassi e alle divise. In particolare si intendono identificare e valorizzare le asimmetrie del mercato. La gestione del rischio avviene grazie ad un´ampia diversificazione e la distribuzione delle plusvalenze sul massimo ventaglio di fattori, sempre privilegiando i mercati europei.

Parvest Bond Euro Corporate – con 2,7 miliardi di euro di patrimonio il fondo investe almeno due terzi del proprio patrimonio in obbligazioni investment grade e/o titoli considerati equivalenti, denominati in euro ed emessi da società che hanno sede o che svolgono una parte significativa delle proprie attività in Europa e altresì in strumenti derivati su tale tipologia di attivi. Nel caso in cui i criteri di rating non siano più soddisfatti, il gestore procederà tempestivamente a rettificare la composizione del portafoglio nell’interesse degli azionisti. Il saldo residuo, ossia massimo un terzo del suo patrimonio, potrà essere investito in altri valori mobiliari, strumenti del mercato monetario, derivati o liquidità e, inoltre, entro un limite del 10% del patrimonio, in OICVM o OIC. Il comparto può detenere azioni o titoli equivalenti a seguito di operazioni societarie, quali la ristrutturazione del debito. Il fondo è gestito da Victoria Whitehead.

Parvest Bond Euro Government – lanciato nel 2001 e gestito da Claude Guérin, il comparto investe almeno due terzi del proprio patrimonio in obbligazioni e titoli considerati equivalenti alle obbligazioni denominati in euro ed emessi o garantiti da uno Stato membro dell’Unione Europea e altresì in strumenti derivati su tale tipologia di attivi. Il saldo residuo, ossia massimo un terzo del suo patrimonio, potrà essere investito in altri valori mobiliari, strumenti del mercato monetario, derivati o liquidità e, inoltre, entro un limite del 10% del patrimonio, in OICVM o OIC. Il prodotto ha un patrimonio di 1,8 miliardi di euro.

Parvest Bond World Corporate – si tratta di un obbligazionario corporate globale, lanciato nel 2008 con 228 milioni di euro di patrimonio. Il fondo investe almeno due terzi del proprio patrimonio in obbligazioni investment grade e/o titoli considerati equivalenti, emessi da società di qualsiasi Paese o in strumenti derivati su tale tipologia di attivi. Il saldo residuo, ossia massimo un terzo del suo patrimonio, potrà essere investito in altri valori mobiliari, strumenti del mercato monetario, derivati o liquidità e, inoltre, entro un limite del 10% del patrimonio, in OICVM o OIC. Dopo la copertura, l’esposizione del comparto a valute diverse dal dollaro non può essere superiore al 5%. Il gestore è Christophe Auvity.

Parvest Convertible Bond Europe Small Cap -  quest’anno compie dieci anni di vita. Gestito da Eric Bouthillier, investe almeno due terzi del portafoglio in obbligazioni convertibili di società europee le cui emissioni non abbiano superato i 300 milioni di euro. Il fondo ha un patrimonio di 228 milioni di euro.

I fondi azionari con il rating C di Funds People

Nel mercato equity invece troviamo il BNPP L1 Equity Euro. È un prodotto con un patrimonio di 4,1 miliardi di euro e un track record lungo, dato che è stato lanciato nel settembre del 1999. Il suo gestore, Andrew King, ha il compito di investire in azioni di società registrate nei Paesi dell’Ue. La gestione è attiva e ha la flessibilità di investire in titoli non compresi nell’indice di riferimento, l’MSCI EMU. 

Il Parvest Equity Europe Small Cap è un fondo che investe almeno due terzi del portafoglio in società con capitalizzazione inferiore alla capitalizzazione di mercato più elevata degli indici HSBC Smaller European Companies, Euro Stoxx Small y MSCI Europe SmallCap con sede in Europa. Il resto può essere investito in altri asset, inclusi strumenti monetari e derivati. E fino al 15% in strumenti di debito. Il fondo, gestito da Damien Kohler e con un track record di nove anni, ha un patrimonio quasi 2 miliardi di euro.

Il Parworld Quant Equity Europe Guru è un fondo gestito da Henri Fournier, con una stratgeia dinamica basata in uno stock picking quantitativo dell’azionario europeo. Investe in azioni emesse da società registrate in un Paese dello Spazio Economico Europeo e può ricorrere a derivati come swap di performance. Può investire in titoli che non rientrano nel benchmark, lo STOXX Europe 600. Il patrimonio sfiora il miliardo di euro.

Il Parvest Equity Russia Opportunities è invece un fondo che dal suo lancio, nel 2008, investe almeno il 75% degli asset in azioni di aziende russe. Il suo gestore è Dan Fredrikson. Il patrimonio è di 97 milioni di dollari. Il Parvest Equity BRIC, con cinque stelle Mornigstar, lanciato nel 2006 e gestito da Don Smith, investe almeno due terzi del proprio patrimonio in titoli azionari e/o titoli considerati equivalenti alle azioni, emessi da società che hanno sede legale o che svolgono una parte significativa delle proprie attività in Brasile, Russia, India, Cina, Hong Kong e/o Taiwan e, altresì, in strumenti derivati su tale tipologia di attivi. Il suo patrimonio ammonta a 66 milioni di dollari.

Il Parvest Global Environment invece investe sul settore dell’ecologia. Con un patrimonio di 374 milioni di euro è gestito da Hubert Aarts e ha un track record di cinque anni. Il fondo investe almeno due terzi del proprio patrimonio in società di qualsiasi Paese che svolgono una parte significativa delle proprie attività sui mercati ambientali (energie alternative, risparmio energetico, trattamento e distribuzione dell’acqua, controllo dell’inquinamento, gestione dei rifiuti e settori connessi o correlati) e che rispettano i principi di responsabilità sociale, responsabilità ambientale e corporate governance così come dettati dal Global Compact delle Nazioni Unite.

Infine abbiamo il Parworld Track North America che investe in azioni di società statunitensi, prevalentemente società a grande capitalizzazione, senza una particolare specializzazione per quanto riguarda lo stile di gestione (growth o value). Il fondo mira a replicare (con un margine di scostamento massimo pari all'1%) la performance dell'MSCI North America. Gestito da Jean Claude Leveque ha un patrimonio globale di 730 milioni di euro.

Altre notizie correlate


Prossimi eventi