BNP Paribas Asset Management

Parvest Bond Euro Corporate

ISIN: LU0131210360

Categoria Morningstar: Obbligazionari Euro

Società: BNP Paribas Asset Management

Il comparto investe almeno due terzi del proprio patrimonio in obbligazioni investment grade e/o titoli considerati equivalenti, denominati in EUR ed emessi da società che hanno sede o che svolgono una parte significativa delle proprie attività in Europa e altresì in strumenti derivati su tale tipologia di attivi. Nel caso in cui i criteri di rating non siano più soddisfatti, il gestore procederà tempestivamente a rettificare la composizione del portafoglio nell’interesse degli azionisti. Il saldo residuo, ossia massimo un terzo del suo patrimonio, potrà essere investito in altri valori mobiliari, strumenti del mercato monetario, derivati o liquidità e, inoltre, entro un limite del 10% del patrimonio, in OICVM o OIC. Il comparto può detenere azioni o titoli equivalenti a seguito di operazioni societarie, quali la ristrutturazione del debito.

Rendimento annuale: Fondo
1 anno: -0,07
3 anni: 1,91
5 anni: 2,98
Inizio: 3,74
2018: -1,19
2017: 2,55
2016: 3,91
2015: -0,45
2014: 8,52
Rendimento: Categoria
1 anno: -0,13
3 anni: 1,87
5 anni: 2,79
Inizio: -
2018: -1,14
2017: 2,36
2016: 4,11
2015: -0,54
2014: 6,91
Rendimento: Percentil
1 anno: 44
3 anni: 51
5 anni: 33
Inizio: -
2018: 66
2017: 38
2016: 60
2015: 39
2014: 25
3 anni
Volatilità: 3,20
Ratio Sharpe: 0,51
Correlazione: 98,53
Beta: 1,13
Alfa: -0,80
Tracking error: 0,66
Info Ratio: -0,83

Fonte. Morningstar | Categoria: EUR Corporate Bond | DATA: 2018-06-14


Notizie correlate

Investire nei corporate bond

Anche se, dal punto di vista della valutazione, non si tratta di un asset estremamente economico, i gestori intravedono la possibilità di ritorni positivi e un certo margine di riduzione dei differenziali. Sono i fondi di corporate bond. Con il debito sovrano che offre rendimenti minimi, la ricerca dello yield ha portato gli investitori a dirigersi verso questo tipo di asset, e ciò ha fatto sì che i fattori tecnici continuino ad essere favorevoli. Si tratta di scegliere le aziende giuste, con bilanci solidi e che si muovano bene nell’attuale contesto di recupero e crescita moderata.