Tags: Gestori |

Valentina Madama, Symphonia SGR: "Aggiungere valore attraverso screening quantitativo e analisi qualitativa”


Valentina Madama e il suo team di Symphonia SGR hanno il compito di selezionare e analizzare i fondi di terzi della società di gestione del gruppo Banca Intermobiliare, che vanta un patrimonio in gestione pari a circa 4,5 miliardi di euro. L’aspetto più rilevante del suo processo di selezione è l’elaborazione di un proprio data base nel quale affluiscono i dati sui fondi ed i suoi elementi più significativi. I fondi vengono sottoposti ad una serie di screening quantitativi e ad un’analisi qualitativa approfondita. Una volta selezionato, il fondo viene presentato al comitato investimenti, che si riunisce con cadenza mensile e dovrà dare la propria approvazione. In questa lista sono attualmente presenti circa 400 fondi, sottoposti ad un monitoraggio costante.

Per Valentina Madama è importante che il data base sia uno strumento dinamico, nel quale registrare le informazioni da utilizzare anche per avere accesso ad un tracking qualitativo della storia del fondo. Il compito più gravoso del processo di analisi è quello di costruire peer group più precisi possibili, per poter dividere le classi di attivi in cluster distinti. Questo processo è fondamentale poiché nella costruzione dei portafogli impedisce di duplicare le fonti di rischio. Per la componente qualitativa, si utilizzano fondamentalmente indici di efficienza come l’Information Ratio o lo Sharpe Ratio, mentre per le analisi più di breve periodo si considera anche il posizionamento in quartili e i dati rolling per poter identificare le inversioni di tendenza nei momenti critici.

Madama è inoltre co-gestore, insieme al responsabile degli investimenti azionari internazionali dell’organizzazione, di uno dei due fondi di fondi di diritto italiano gestiti da Symphonia: un fondo di fondi flessibile che investe in azioni e obbligazioni di mercati emergenti. Secondo il suo parere di analista e gestore, tra i fondi emergenti, sopratutto per quelli che investono in Cina, il compito del fund selector può aggiungere molto valore e quindi vale la pena puntare sulla gestione attiva, molto più che in Brasile o Corea. Per ora, tuttavia, consiglia di non sovresporre nel 2014 Peora, tuttavia, consiglia di non sovraponderare nel 2014.

Professionisti
Società

Notizie correlate