Tags: USA |

Un Powell ottimista e aggressivo sorprende tutti


"Sicuramente in pochi si aspettavano un Powell cosi ottimista e aggressivo", commenta Giuseppe Sersale, strategist di Anthilia Capital Partners SGR. Nel  breve discorso divulgato in anticipo rispetto alla testimonianza, il neo presidente ha descritto un'economia forte e ha espresso fiducia nel  ritorno dell'inflazione al target. Ha chiarito che la Fed favorirà detto ritorno, ma eviterà di far surriscaldare l'economia (smentendo alcune delle attese che circolavano sulla politica monetaria dei prossimi trimestri). Ha notato che, di recente, alcuni fattori macroeconomici sono diventati da negativi a positivi per la crescita, tra i quali ha citato espressamente la  politica fiscale. Secondo Sersale sono tre gli spunti hawkish venuti fuori dalla sezione di domande:
1. La  sua percezione dell'economia è  migliorata da dicembre scorso una dichiarazione che è stata presa dal mercato come un implicito endorsment di 4 rialzi nel 2018.
2. Una politica fiscale più espansiva implica, ceteris paribus una politica monetaria più restrittiva.
3.  Nonostante la recente volatilità, le condizioni finanziarie restano accomodative. In altre parole, sotto la sua guida, il supporto della Fed ai mercati (la cosiddetta 'Fed put') arriverà su livelli decisamente più bassi di quelli attuali.

"La reazione del mercato è stata coerente: robuste pressioni sulla curva dei tassi, dollaro che recupera contro tutte le principali divise, e un po' di pressione sull'azionario, specialmente dopo il  Q&A di Powell", spiega lo strategist. "Al  solito, le bizze di Wall Street hanno sabotato la chiusura europea, che sembrava diretta verso un insperato progresso. Di buono c'è che le banche hanno gradito le implicazioni per i tassi di interesse globali (Eurostoxx banks +0.75%)", conclude.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente