Tags: ETF | Fondi Azionari |

Un esame dei cicli di ripresa dell'oro


Contributo a cura di Joe Foster, portfolio manager e strategist di VanEck. Contenuto sponsorizzato.

Sebbene gli effetti dell'ultima ondata di vendite e della pandemia non siano ancora evidenti, continuiamo a guardare con ottimismo alle prospettive a breve termine dell'oro e delle azioni aurifere. È relativamente facile spiegare le ragioni che giustificano gran parte dei movimenti dei prezzi dell'oro e riteniamo che le società aurifere continuino a esibire fondamentali solidi e valutazioni davvero interessanti. Quanto alla pandemia, le società stanno prendendo tutte le precauzioni necessarie. Sebbene prevediamo che alcune attività ne risentiranno, dai nostri colloqui con i management aziendali emerge che si sta compiendo ogni sforzo per garantire scorte, linee di fornitura, salute dei dipendenti e piani di backup con l'obiettivo di dare sostegno alla produzione.

Riportiamo di seguito una sintesi dei punti che abbiamo evidenziato.Riteniamo che le ragioni alla base delle recenti pressioni sul mercato dell'oro siano essenzialmente due.

  • Chiusura delle posizioni coperte nei fondi basati su strategie risk parity e su altri modelli di volatilità – Gli investimenti in oro, materie prime e reddito fisso sono in genere a leva nei modelli risk parity (in base alla loro volatilità sottostante relativa alle azioni), pertanto, l'ondata di liquidazioni in questi fondi ha portato a un eccesso di vendite forzate di questi attivi.
  • Liquidazioni per reperire liquidità. Nelle fasi ribassiste dei mercati è normale, soprattutto tra i fondi a leva, vendere per soddisfare le richieste di margini e reperire liquidità per coprire le perdite sui mercati azionari.

Riteniamo che dopo le crisi l'oro e le azioni aurifere tendano a recuperare più rapidamente rispetto al mercato in generale.

  • Più di recente, durante la crisi finanziaria del 2008, l'oro e le azioni aurifere hanno toccato il fondo e si sono riprese molto prima dell'S&P 500, recuperando le perdite più o meno quando l'S&P raggiungeva i minimi, a febbraio/marzo 2009. Ci sono voluti quasi due anni all'S&P 500 per riportarsi sui livelli pre-crisi.

Captura_de_pantalla_2020-04-17_a_las_15

Se guardiamo alle altre fasi ribassiste del passato vediamo che l'oro ha tenuto particolarmente bene, mentre le azioni aurifere, anche se hanno spesso subito flessioni sulla scia del mercato azionario più ampio, hanno complessivamente sovraperformato nell'arco di un ciclo completo (dal ribasso al recupero).

Captura_de_pantalla_2020-04-17_a_las_15

Riteniamo che, in linea generale, l'andamento delle azioni aurifere continui a essere fondamentalmente buono.

  • Non ci aspettiamo problemi creditizi, sebbene le misure poste in essere dalle aziende per ridurre i costi e la spesa per investimenti e per evitare di ripetere gli errori del passato potrebbero tradursi in un aumento addizionale medio del free cash flow di quasi il 40%, a fronte di una variazione del prezzo dell'oro da 1600 a 1800 dollari l'oncia (per le società senior e mid-tier).

Captura_de_pantalla_2020-04-17_a_las_15 

Informazioni importanti

Esclusivamente con finalità informativa e pubblicitaria.

Questo articolo di VanEck Investments Ltd. ha il solo intento di comunicare agli investitori informazioni generiche e preliminari e non deve essere considerato uno strumento per consulenza d'investimento, legale o fiscale. VanEck Investments Ltd e le relative consociate e affiliate (congiuntamente "VanEck") non si assumono responsabilità relativamente ad alcuna decisione di investimento, disinvestimento o mantenimento delle posizioni assunta dall’investitore sulla base del presente articolo. Le opinioni e i pareri espressi sono quelli dell'autore, ma non necessariamente corrispondono a quelli di VanEck. Le opinioni sono aggiornate alla data di pubblicazione dell'articolo e soggette a modifiche in base alle condizioni del mercato. Alcune dichiarazioni contenute nel presente documento possono costituire proiezioni, previsioni e altre dichiarazioni previsionali, che non riflettono i risultati effettivi. Le informazioni fornite da fonti terze sono ritenute affidabili, non sono state verificate in modo indipendente per accertarne l'accuratezza o la completezza e non possono essere garantite. L'investimento espone a rischi, compresa l'eventuale perdita di capitale. Nessuna parte di questo materiale può essere riprodotta in alcuna forma né citata in un'altra pubblicazione senza l'esplicita autorizzazione scritta di VanEck.

© VanEck Investments Ltd.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Il Covid-19 e gli impatti sull'oro

Nella correzione dei mercati del primo trimestre la domanda d'oro è aumentata, in particolare di ETF. Nel lungo termine l'interesse per il metallo prezioso potrebbe crescere come copertura dai rischi di inflazione. Quale ruolo riservare in portafoglio?

Anterior 1 2 Siguiente