Un engagement per la parità di genere e la lotta al cambiamento climatico


Contributo a cura di Harriet Parker, investment manager del team di Liontrust Sustainable Investments, Liontrust. Contenuto sponsorizzato.

L’engagement è parte integrante del nostro processo di investimento permettendo di focalizzarci su azioni e obbligazioni di alta qualità. In sintesi, il processo mira a un miglioramento delle azioni in portafoglio: l’impegno su questioni chiave sociali, ambientali e di governance (ESG) ci fornisce una maggiore consapevolezza e ci aiuta a identificare le aziende leader, oltre ad essere utilizzato come leva per incoraggiare migliori modelli di business.

Il nostro team si è impegnato su queste tematiche sin dal lancio nel 2001 della gamma “Sustainable Future” e riteniamo che questo approccio sia fortemente sfidante, dato che permette di incoraggiare le aziende a gestire in modo proattivo i vari aspetti del loro business, il che a sua volta migliora le loro prospettive a lungo termine. Le aziende che deteniamo all'interno dei fondi vengono analizzate almeno una volta all'anno, anche se, in pratica, ciò avviene più frequentemente in linea con la revisione della tesi di investimento e della valutazione di un titolo. Nel 2019, abbiamo incontrato 185 società e nel corso dell'anno abbiamo sollevato 245 questioni ESG chiave, sia attraverso incontri diretti sia con altre forme di corrispondenza, come le e-mail.

Tra i punti salienti della recente attività di engagement vi sono, ad esempio, i progressi significativi nella diversità di genere nei consigli di amministrazione delle società. Già nel 2016 abbiamo iniziato a negare il sostegno alle aziende che non sono sufficientemente diversificate dal punto di vista del genere. Quando le aziende avevano meno del 15% di donne nel board, abbiamo votato contro il rapporto annuale e i conti all'assemblea generale e ci siamo astenuti quando questo era superiore al 15% ma inferiore al 30%. Nel 2019 abbiamo utilizzato lo stesso processo, ma ci siamo concentrati sulla risoluzione per rieleggere il presidente del Comitato per le nomine. Ventuno società dei nostri fondi hanno aumentato la percentuale di donne nel consiglio di amministrazione a oltre il 30%, tanto che non abbiamo più bisogno di negare il nostro sostegno. Dopo il voto, queste società hanno ora una media del 38% di consigli di amministrazione femminili, contro appena il 22% prima che iniziassimo a votare. Altre 15 società nei nostri fondi hanno aumentato il numero di donne nei loro consigli di amministrazione, e rimaniamo convinti che gli sforzi continui attraverso il voto e l'impegno su questo tema dovrebbero portare a ulteriori progressi.

Ogni anno, in collaborazione con il nostro Comitato Consultivo, diamo priorità a una serie di iniziative di engagement proattivo. Valutiamo il posizionamento delle nostre partecipazioni su questi temi e definiamo le società target con le quali ci impegneremo. 

Per il 2020 manteniamo le stesse iniziative, ad eccezione di due importanti novità. In primo luogo, abbiamo deciso di fare un passo indietro rispetto alla nostra attenzione per la lotta alla corruzione e alla concussione, al fine di dedicare maggior tempo e risorse all'impegno con le aziende sulla crisi climatica. Per tutto il 2019, ci siamo impegnati su questo tema nell'ambito dell'iniziativa relativa all’ Impact and Sustainable Development Goals, tuttavia, questa rinnovata attenzione sarà ora attuata attraverso un'iniziativa a sé stante, volta a incoraggiare tutte le aziende del portafoglio a ridurre le emissioni di gas serra.

Secondo la nostra esperienza, un impegno continuo su un periodo di tempo più lungo ha maggiori probabilità di ottenere risultati migliori rispetto a un ciclo di reporting annuale, per cui continuiamo con le nostre altre iniziative prioritarie:

- Sfida di transizione a un grado e mezzo: garantire che le aziende abbiano strategie per ridurre le emissioni assolute di carbonio a un ritmo coerente con i limiti al riscaldamento globale a 1,5 gradi. 

- Impatto e obiettivi di sviluppo sostenibile: continuiamo a dare priorità ai nostri sforzi per quantificare i principali impatti (positivi e negativi) delle aziende in cui investiamo. Ci impegneremo con le aziende per divulgare i loro principali impatti in modo da poterli riferire.

- Incoraggiare l'uso sostenibile delle materie plastiche: siamo alla ricerca di aziende che forniscano soluzioni all'inquinamento da materie plastiche come potenziali investimenti e che incoraggino le aziende a ridurre la quantità di materie plastiche monouso che introducono nell'ambiente.

- Aumento della diversità aziendale: crediamo che le aziende più diversificate siano in grado di prosperare meglio a lungo termine, quindi ci stiamo impegnando a incoraggiare una maggiore diversità, guardando all'equilibrio di genere a livello di consiglio di amministrazione e di posizioni dirigenziali, e guardando agli sforzi per ridurre eventuali divari retributivi tra i sessi.

- Benessere dei lavoratori: il modo in cui le aziende gestiscono il capitale umano delle loro operazioni dirette, così come i lavoratori più in basso nelle catene di fornitura, può influenzare il loro successo a lungo termine. Ci impegneremo a incoraggiare le aziende a offrire un lavoro dignitoso e a pagare salari vivi e a garantire che mitighino i rischi, proteggano i diritti dei lavoratori e massimizzino le opportunità di sostegno ai dipendenti.

- Incoraggiare la transizione verso investimenti sostenibili: gli individui devono assumersi la responsabilità delle loro finanze a lungo termine e un'adeguata previdenza per il risparmio e la pensione è fondamentale.  Finora, la maggior parte del risparmio è stata destinata a fondi non sostenibili, ma con l'aumento della domanda di investimenti SRI, le aziende dovrebbero fare tutto il possibile per promuoverli. Ci concentreremo sul determinare quali sono all'avanguardia e quali devono fare di più.

 

Professionisti
Società

Notizie correlate