Un approccio Barbell targato Pramerica SGR


Il Pramerica MITO 50 P (Multiasset Italian Opportunities) è un fondo bilanciato che investe in azioni e obbligazioni italiane (PIR compliant). Il comparto, che ha ottenuto rating Blockbuster (B) Funds People, è co-gestito da Antonio Gisimundo e Salvatore Cirino

Approccio e filosofia di gestione

L’approccio d’investimento combina l’analisi top down e bottom up. “Definiamo l’asset allocation sulla base della componente macroeconomica per poi selezionare i singoli titoli attraverso lo studio fondamentale delle società”, spiega Salvatore Cirino, gestore della componente azionaria del fondo di Pramerica SGR. “Si inizia con l’analisi top down, con cui, focalizzandosi sull’andamento dell’economia e sulle scelte di politica monetaria delle Banche centrali, viene definita l’asset allocation e la sector allocation più adeguata al contesto macroeconomico di riferimento. Successivamente, con l’analisi bottom up, vengono individuate quelle società che, nel contesto macroeconomico di riferimento, sono le migliori posizionate dal punto di vista fondamentale”.

Il gestore utilizza un approccio Barbell per ottenere un equilibrio di portafoglio nelle fasi di scelta dell’investimento. “In questo momento per la parte difensiva di portafoglio ci concentriamo sul settore delle utilities, mentre per quella più aggressiva stiamo cercando di sfruttare le opportunità derivanti dal settore tecnologico e del lusso”, spiega. “Abbiamo quindi una gestione molto attiva con una buona rotazione di portafoglio a seconda del ciclo di mercato e dei trend”.

Il fondo è per metà investito in large cap e per metà in mid-small cap Italia, indicativamente 60 società di grandi dimensioni e 35 di medie-piccole. “Per investire in società di media e piccola capitalizzazione è fondamentale conoscere molto bene il management e i singoli business: per questo, ogni anno facciamo più di 500 engagement con le società italiane, per approfondire tematiche di governance e analisi dei fondamentali. “Alle analisi di governance e di trasparenza - e in linea con l’approccio ESG di Pramerica SGR - abbiniamo poi valutazioni che tengono in considerazione il grado di attenzione delle aziende verso temi sociali e ambientali. Infatti, con particolare riferimento al mercato delle small-cap, tutte queste valutazioni sono cruciali per evidenziare lo stato di salute delle realtà che selezioniamo in portafoglio.

A livello di processo, il dialogo con queste società è il primo passo per stimolare le good governance e migliorare la disclosure e la comunicazione sulle tematiche ESG. “Spesso accade che società con strutture molto piccole, sebbene rispecchino sulla carta requisiti ESG anche significativi, non rientrino nelle analisi per mancanza di comunicazione. A maggior ragione, in questi casi è necessario promuovere il dialogo con il management per stimolare azioni volte a colmare questi gap, con l’idea che tale attività venga meglio apprezzata dal mercato e possa essere d’auspicio per un apprezzamento del titolo nel medio periodo”.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente