Un'allocazione difensiva nel mercato del credito può fare la differenza


Contributo a cura di Anil Katarya, co-head of Investment Grade Credit, Lead PM for NN (L) US Credit Fund di NN Investment Partners. Contenuto sponsorizzato.

Una fuga senza precedenti verso la liquidità in risposta alle preoccupazioni mondiali per il coronavirus, aggravata dalla guerra dei prezzi dell'energia tra l'Arabia Saudita e la Russia, ha innescato alcuni dei maggiori spread in settori non governativi dalla crisi del 2008. Gli spread corporate sono stati i primi ad aumentare in quanto gli investitori si sono concentrati sul rallentamento della crescita economica. Gli spread cartolarizzati si sono ampliati significativamente una volta che la paura si è spostata dalla debolezza economica al panico per la liquidità globale e sui timori di un rallentamento economico molto più prolungato.

Gli spread creditizi investment grade sono stati al centro delle tensioni di mercato, poiché le preoccupazioni di liquidità nel breve termine nel mercato dei commercial paper si sono riversate nella parte anteriore della curva del credito IG, provocando un'inversione della curva del credito, in un momento in cui gli investitori erano alla ricerca di liquidità. Gli spread sono scesi a 373 punti base (bps) dopo la crisi prima di rimbalzare a fine marzo a quasi 100 punti base (bps) per chiudere ad un option adjusted spread (OAS) di 272bps. Il settore energetico è stato quello colpito più duramente a causa della guerra dei prezzi del petrolio tra Arabia Saudita e Russia. I titoli con rating BBB hanno sottoperformato dal punto di vista della qualità, mentre tra gli industriali hanno sottoperformato i finanziari e le utility, anche se alla fine nessun titolo di credito è rimasto immune dal gigantesco sell-off del mercato.

Strategia del fondo NN (L) US Credit

Nonostante la volatilità dilagante, il nostro fondo NN (L) US Credit ha sovraperformato il suo benchmark su base lorda. Privilegiare le utility, un’allocazione più difensiva, è tra i principali fattori che hanno contribuito alla sovraperformance del nostro fondo. Inoltre, la nostra allocazione su liquidità e Treasury ha smorzato la volatilità permettendoci così di sfruttare le opportunità derivanti dalle vendite del mercato, in particolare nella parte anteriore della curva e su punti di ingresso interessanti nelle nuove emissioni di emittenti ad alto merito creditizio.

I principali detrattori della performance relativa sono stati le nostri modeste sovraponderazioni nel settore dell’energia e dei trasporti. Per quanto riguarda l'energia, rimaniamo fiduciosi nella nostra allocazione, che è diversificata in vari sottosettori, con la maggior parte delle allocazioni in emittenti midstream e integrati che hanno le dimensioni, la scala e le posizioni di costo per sopportare il calo dei prezzi del petrolio. La nostra allocazione per i trasporti è stata modesta e ci aspettiamo una pressione a breve termine sui viaggi aerei, ma alla fine il tempo supplementare permetterà ai viaggi aerei di rimbalzare e agli stimoli governativi di dare sollievo alle compagnie aeree statunitensi. Infine, il contributo alla performance del Fondo dato dal forte posizionamento sul settore finanziario è stato controbilanciato dalle sue partecipazioni in obbligazioni subordinate, che hanno registrato una sottoperformance.

Captura_de_pantalla_2020-04-27_a_las_15Le previsioni del mercato nei prossimi mesi

Nel complesso, gli spread si sono ampliati in modo significativo in risposta alla recente volatilità. Abbiamo utilizzato la recente volatilità per capitalizzare selettivamente le opportunità. Le aree chiave in cui vediamo il potenziale sono nella parte più lunga della curva del credito, in particolare tra gli emittenti con rating AA e A, e selezioniamo i titoli subordinati, come ad esempio quelli privilegiati, delle maggiori banche monetarie statunitensi. Entrambe le aree hanno sottoperformato rispetto al mercato più ampio durante il recente sell-off, e di conseguenza offrono un valore interessante ai livelli attuali. Nel complesso, continuiamo a preferire nei nostri portafogli gli emittenti più orientati al mercato domestico e ai consumatori. Ad esempio, le società finanziarie statunitensi sono ben posizionate grazie alla loro forte liquidità e alla solida capitalizzazione, che consente loro di sostenere sia il proprio credito al ribasso che quello dell'economia in generale.

Professionisti
Società

Notizie correlate