Tags: Business |

Tutti i fondi di Zenit SGR ora disponibili per la sottoscrizione via web


Zenit SGR inaugura una nuova versione del suo sito e mette a disposizione dei clienti privati tutti i fondi della sua gamma per la sottoscrizione via web. “La procedura è particolarmente snella e riduce il più possibile la burocrazia”, spiega Marco Rosati, AD della società. “Bastano dieci minuti per sottoscrivere un fondo su Zenit Online: il tempo di compilare l’anagrafica (e sottoporsi al questionario MiFID II) e di caricare i documenti d’identità, tutto in digitale”. Acquistare i fondi tramite il canale online è anche conveniente in termini di denaro oltre che di tempo: il web permette, infatti, di tagliare i costi di intermediazione e di pagare commissioni più basse rispetto a quelle applicate sui canali tradizionali.

Con l'integrazione dei nuovi fondi sul sito sarà il cliente a scegliere la modalità di sottoscrizione più in linea con il suo profilo personale e con le sue caratteristiche di investitore:
 canale classico per chi preferisce essere guidato nella scelta degli investimenti, beneficiando della consulenza dei professionisti di Zenit SGR
; canale digitale per chi vuole essere più autonomo e poter effettuare tutte le operazioni relative al proprio investimento 24/7, senza doversi necessariamente recare in banca o dal proprio consulente.

“Il canale digitale”, prosegue Rosati, “rappresenta la modalità di sottoscrizione ideale per i ‘nativi digitali’, target cui è dedicato in particolar modo Pensaci Oggi. Proprio per venire incontro alle esigenze dei Millennial e per avvicinarli il più possibile al mondo del risparmio gestito, Pensaci Oggi consente di investire anche piccole somme (versamento minimo iniziale pari a 100 euro e versamenti successivi a partire da 10 euro)
, decidere liberamente la frequenza e l’importo dei conferimenti
 e uscire dal fondo in qualsiasi momento senza sostenere alcun costo”.

L’offerta in dettaglio
L'offerta di Zenit SGR si articola in cinque fondi comuni armonizzati e un fondo minibond. “I fondi comuni armonizzati sono Zenit Breve Termine (fondo obbligazionario governativo breve termine che ha recentemente conquistato le 5 stelle Morningstar), Zenit Obbligazionario (fondo obbligazionario misto che rispetta la normativa sui PIR), Pensaci Oggi (fondo flessibile studiato in particolar modo per rispondere alle esigenze di accantonamento del risparmio dei Millennial), Zenit Pianeta Italia (fondo azionario Italia che rispetta la normativa sui PIR) e Zenit Megatrend (fondo azionario internazionale) per un valore totale di circa 170 milioni di euro”, riassume Rosati.

A queste soluzioni di investimento si aggiungono i fondi alternativi, tra cui il fondo Progetto Minibond Italia, nato in risposta all'esigenza delle PMI di trovare fonti di finanziamento a supporto della crescita che siano complementari rispetto al canale bancario, che ha raccolto circa 80 milioni di euro, e altri prodotti attualmente in fase di definizione.

“Tutti i nostri fondi vengono distribuiti tramite convenzioni con sportelli bancari e con reti di consulenti finanziari”, precisa l’AD di Zenit SGR. “La sottoscrizione online affianca quella classica ed è già attiva, come detto, per il fondo Pensaci Oggi e per i Piani Individuali di Risparmio (per questi ultimi da gennaio 2019 è possibile solo alimentare PIR aperti nel 2017 e nel 2018 viste le modifiche apportate alla normativa dalla Legge di Bilancio 2019)”, conclude Rosati.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Quale futuro per i PIR dopo il decreto attuativo

Il 30 aprile è stato pubblicato il Decreto del MISE deputato a stabilire le modalità e i criteri per l’attuazione delle modifiche introdotte dalla Legge di bilancio 2019 relative ai piani individuali di risparmio. Contributo a cura di Andrea Tonon, Partner dello studio legale tributario Di Tanno e Associati. Tratto dalla rivista numero 31 Funds People - sezione Legale.

PIR al palo

Anche il secondo trimestre si chiude in rosso per i Piani individuali di risparmio che da inizio anno perdono 351 milioni. Il patrimonio di questi prodotti si attesta a fine giugno a 18,5 miliardi.

Anterior 1 2 Siguiente