Tags: Europa |

Theresa May si dimette: le prime reazioni degli asset manager internazionali


Theresa May getta la spugna. Il primo ministro britannico ha presentato le sue dimissioni di fronte all'impossibilità di raggiungere un accordo sulla Brexit. Lascerà ufficialmente Downing Street il prossimo 7 giugno. Le reazioni dei gestori internazionali non si sono fatte attendere.

Per Volker Schmidt, senior manager di Ethenea Independent Investors, le dimissioni di Theresa May non risolvono i problemi che il Regno Unito sta attualmente affrontando. "C'è ancora molta incertezza sulla questione Brexit, in parte a causa di lotte all'interno dei gruppi politici". A suo avviso, è troppo presto per dire se le sue dimissioni avranno un impatto sui mercati (e in quale misura) o se porteranno al ritiro dell'articolo 50.

"Tutto ciò verrà chiarito una volta scelto un successore, ma dato che al momento non esiste una maggioranza, specialmente all'interno dei partiti conservatori e laburisti, non si potrà raggiungere un accordo. I rapporti futuri tra il Regno Unito e l'Europa dipenderà dal prossimo premier. Tuttavia, con le dimissioni di maggio, il rischio di una hard Brexit è aumentato ", sostiene.

Concorda su questo punto Mark Dowding, responsabile degli investimenti a BlueBay Asset Management, il quale sostiene che "l'attuale composizione del Parlamento britannico renderà difficile un accordo sulla Brexit a qualsiasi nuovo ministro, dato che dispone solo della maggioranza conservatrice (e non tutta) e che una parte del partito dei Tory rimane convinto del fatto che il Regno Unito dovrebbe rimanere membro dell’UE. Non vediamo nemmeno alcuna intenzione da parte di Bruxelles per rinegoziare l'accordo con il partito conservatore, in modo da ottenere una soft Brexit”.

Il punto è che tutto questo complica le cose. "Rimangono diversi dubbi e continuano a pesare sugli asset denominati in sterline. Le probabilità di trovare un accordo prima del 31 ottobre 2019 non sono migliorate. È difficile immaginare la revoca dell'articolo 50 con un conseguente impatto positivo sulla sterlina. Tuttavia, ci sono alcune notizie positive in tutta questa storia: nonostante l'incertezza che circonda l'economia del Regno Unito, i dati sulla disoccupazione restano storicamente bassi, la crescita dei salari resta positiva e l'inflazione è vicino dell'obiettivo della Bank of England ", afferma Antoine Lesne.

In assenza di un miglior catalizzatore, il responsabile del dipartimento di Strategia e Analisi di State Street Global Advisors ritiene che sia possibile continuare ad investire nell’azionario britannico, ma con una certa cautela. "Investitore domestico può assumere posizionamento in quelle società con un respiro internazionale, data la debolezza della sterlina, mentre sul fronte obbligazionario, la mancanza di direzionalità in negoziati Brexit, continua ad offrire opportunità sulla parte corta della curva del gilts", spiega.

Professionisti
Società

Notizie correlate