Swiss Life punta sull’Italia


Swiss Life, Gruppo leader in Svizzera nel settore assicurativo vita, rafforza la sua presenza sul mercato italiano per sviluppare soluzioni assicurativo-finanziarie, a tutela del patrimonio e del passaggio generazionale per clientela high net worth, ovvero con disponibilità mobiliare superiore al milione di euro. La crescita mira anche a potenziare un’offerta che include soluzioni previdenziali e di protezione dai rischi biometrici in favore dei dipendenti di imprese multinazionali (employee benefits). “Al momento abbiamo 3 miliardi di masse gestite in Italia, ma il nostro obiettivo è di raddoppiarle entro il 2021”, spiega Alessandro Tulli, amministratore delegato di Swiss Life (Liechtenstein) AG.

La strategia di crescita di Swiss Life in Italia si fonda su un modello di distribuzione ibrida, in linea con le novità introdotte dalla Direttiva europea in materia di distribuzione assicurativa (IDD), e sull’innovazione dei prodotti, con particolare enfasi sulla copertura del rischio di decesso. Swiss Life ha creato un nuovo team di 15 esperti, dedicato al mercato italiano, basati in Lussemburgo e in Liechtenstein, in grado di offrire consulenza diretta ai clienti e un approccio distintivo business-to-business-to-consumer ai propri partner, quali banche, gestori patrimoniali e family office.

In termini di innovazione di prodotto, la mission è fornire ai clienti soluzioni assicurative transfrontaliere esclusive. Swiss Life sarà, infatti, la prima compagnia estera a presentare in Italia una soluzione assicurativo-finanziaria a fiscalità gestita, inedita per il mercato italiano, che offrirà ai clienti la possibilità di scegliere se gestire in proprio la fiscalità derivante dalla polizza o delegare completamente ogni adempimento nell’ambito della polizza stessa in modo analogo al regime di sostituzione di imposta. Tale opzione contrattuale sarà disponibile sia dal Liechtenstein sia dal Lussemburgo. A breve Swiss Life lancerà anche nuovi prodotti vita di tipo protection, che le consentiranno di distinguersi ulteriormente dall’offerta attualmente disponibile sul mercato italiano. 

“L’Italia rappresenta per Swiss Life il secondo mercato estero più importante dopo quello francese epresenta grandi opportunità di crescita. Sono poco meno di 400mila gli italiani con ricchezza finanziaria superiore al milione di euro e fanno capo prevalentemente a individui con una fascia d’età superiore ai 55 anni, ovvero quella in cui si inizia ad affrontare il tema del passaggio generazionale, spiega Tulli. “È proprio questa la clientela a cui ci rivolgiamo e alla quale proponiamo soluzioni che consentono di affrontare e risolvere le questioni legate alla trasmissione del patrimonio mobiliare”. 

Professionisti
Società

Notizie correlate