Tags: Consulenza |

Quali prodotti ricercano le SIM di consulenza


Per le SIM di consulenza il prodotto è un mezzo, non il fine. Le soluzioni d’investimento sono selezionate unicamente sulla base della loro efficienza e coerenza con il profilo di rischio che il cliente intende mantenere. Tosetti Value – Il Family Office, ad esempio, non gestisce alcun prodotto, non ha accordi di distribuzione con alcuna casa di gestione e non percepisce rebates.

“Pertanto, non abbiamo una tipologia preferita: dipende dal mandato e dalle esigenze che peraltro possono cambiare nel tempo”, spiega Luca Ferraris, responsabile centro studi di Tosetti Value – Il Family office. “Tuttavia, un elemento trasversale, in accordo con la nostra mission, è il controllo del rischio, fattore alla base della selezione di ogni strumento finanziario. Usiamo principalmente ETF per i mercati sviluppati e fondi attivi specializzati e alternativi per gli altri mercati e settori. L’indipendenza e l’assenza di accordi e retrocessioni ci dà la libertà di cambiare idea quando vogliamo, senza alcun tipo di vincoli”.

Antonello Sanna, CEO di SCM SIM, spiega: “facciamo consulenza sui portafogli e non usiamo fondi. In gestione, al contrario, talvolta utilizziamo fondi con strategie particolari ma con trasparenza nei titoli e nei costi”. Viene utilizzato molto il comparto assicurativo per la previdenza e la protezione perché, come dimostrano le statistiche, i clienti sono inconsapevoli di essere sottoassicurati. “Non utilizziamo polizze di ramo terzo, le unit linked, per la scarsa chiarezza in ambito giurisprudenziale di questi contratti, mentre abbiamo qualche decina di milioni in polizze di ramo I, le gestioni separate a capitale garantito. Con il mix assicurativo-finanziario, assistiamo il cliente in ogni momento della sua vita, supportandolo nel raggiungimento dei propri obiettivi”.

Assiteca SIM ha un modello di business fondato sulla trasparenza operativa, sull’indipendenza e sull’assenza di conflitti di interesse. La metodologia d’investimento adottata all’interno dei servizi di consulenza e gestione è il "value investing", basata sull’analisi fondamentale e sulla ricerca del differenziale tra prezzo di Borsa e valore intrinseco delle società oggetto di studio. “Queste scelte ci hanno spinto a non prevedere l’utilizzo di fondi all’interno dei portafogli della nostra clientela, ma solo di titoli (azioni, obbligazioni) o ETF. Tale modello, estremamente chiaro, impedisce a monte l’applicazione di costi occulti e il ricorso a retrocessioni da terze parti, mettendo in evidenza la responsabilità diretta nello svolgimento dei nostri servizi di investimento”, spiega Roberto Russo, amministratore delegato di Assiteca SIM. “La nostra società è MiFID II compliant sin dalla nascita”. 

Per Ambrosetti AM SIM è praticamente impossibile parlare di prodotto. La SIM offre solo servizi specifici per determinati clienti professionali. “Noi non siamo specializzati in prodotti, ma in decisioni d’investimento. Abbiamo sviluppato un modello proprietario che ci offre importanti vantaggi per coprire esigenze di asset allocation, asset selection e market timing”, spiega Alessandro Allegri, amministratore delegato della società. È un modello sistematico che permette di non avere bias decisionali che possano precludere il successo stesso dell’analisi e della ricerca. “Sostanzialmente, adattiamo le soluzioni ad esigenze specifiche e le condividiamo con il nostro cliente. Possiamo investire in tutto ciò che desidera il cliente, sempre che gli strumenti abbiano un'elevata liquidità. Ci muoviamo in maniera molto libera lungo il panorama dell’universo investibile. Il prodotto è solo lo strumento finale”, conclude Allegri.

Professionisti
Società

Notizie correlate