Tags: Gestori | Business |

Se le previsioni promettono pioggia è meglio cercare un riparo


Stiamo aspettando la prossima crisi. Ma quando sarà? Tutti se lo domandano e nessuno sa dare una risposta. Il pensiero comune ci dice che ci sono diversi indicatori che ci fanno pensare che il ciclo economico è quasi maturo.  “Il clima attuale, caratterizzato dall’emergere di queste aree di turbolenza, ha portato un certo numero di investitori a ridurre la propria esposizione al rischio su tutti i mercati azionari, e di dare la loro preferenza alle risorse difensive come i titoli di Stato più sicuri e growth stocks”, fa notare Didier Bouvignies, CIO di Rothschild Asset Management. “In questo contesto, i nostri portafogli hanno ancora un alto grado di esposizione ai mercati azionari, ma più moderata rispetto agli ultimi sette anni, a causa dell’alto livello di pessimismo dettato dalla maturità del ciclo globale”. 

Man mano che le Banche centrali negli Stati Uniti e nell'Eurozona iniziano a chiudere i rubinetti, cresce il rischio che un qualche errore in termini di politiche possa scatenare volatilità nel mercato. Gli investitori quindi stanno  considerando l'investimento in oro come riparo contro l’impatto di eventuali fallimenti delle politiche delle Banche centrali e come strumento di diversificazione di portafogli.

In generale, i prezzi dei lingotti d’oro e dei titoli delle società di estrazione dell’oro aumentano quando i tassi di interesse reale scendono, e decrescono quando i tassi di interesse reali salgono. Quindi, le previsioni sulla politica monetaria USA e sull’inflazione sono di primaria importanza: "se le aspettative sui tassi di interesse aumentano più lentamente rispetto a quelle sull’inflazione, si tratta di una notizia positiva per i lingotti d’oro e per le società di estrazione”, spiega Ned Naylor-Leyland, gestore del fondo Old Mutual Gold & Silver di Old Mutual Global Investors. “La situazione contraria è invece negativa per l’oro”. 

Il suo prezzo si è mantenuto in un range abbastanza contenuto da dicembre 2015, quando la Fed ha alzato i tassi per la prima volta dal 2006. “Riteniamo che ciò rifletta la fiducia che i mercati hanno nelle azioni dei banchieri centrali”, spiega il gestore. “Dubitiamo che tale situazione durerà a lungo. Se la fiducia nei policy maker dovesse venir meno, il prezzo dell’oro aumenterà bruscamente nella corsa verso l’acquisto di asset rifugio”.

Le politiche di normalizzazione delle Banche centrali rappresentano una minaccia per i prezzi elevati degli asset rischiosi e per i bassi livelli di volatilità. “Riteniamo che anche la più efficiente revoca delle politiche accomodanti da parte delle Banche centrali implicherà prezzi degli asset rischiosi più volatili e più divergenti tra loro. Per questo motivo, è bene valutare se sia il momento di diversificare il portafoglio attraverso un’allocazione sull’oro, guardando per esempio a come questo abbia performato in periodi di bruschi crolli dell’azionario”, spiega Leyland. 

Captura_de_pantalla_2018-07-24_a_las_12

Fonte: "Performance dell’oro in fasi di volatilità di mercato", OMGI

Modificare il mix tra lingotti d’oro e azioni di società di estrazione nel portafoglio può aiutare a sostenere i rendimenti in momenti in cui le quotazioni dell’oro aumentano, nonché a limitare l’effetto del calo dei prezzi del metallo giallo sulle performance. "Ciò si può ottenere attraverso un approccio flessibile e dinamico alle combinazioni di allocazioni di oro e argento e di lingotti e titoli azionari". Quindi, quando l’outlook per l’oro è positivo, avere una sovraesposizione su oro e argento può essere positivo per aumentare i ritorni. Al contrario, quando l’outlook per l’oro è negativo, una sovraesposizione sui lingotti può fornire la liquidità necessaria a superare le turbolenze del mercato.

Professionisti
Società

Notizie correlate