RobecoSAM lancia una strategia dedicata ai green bond


Robeco rende oggi disponibile sul mercato italiano la strategia RobecoSAM Global Green Bonds lanciata lo scorso aprile. Gestita nell’ambito del team fixed income, i portfolio manager del fondo saranno Michiel de Bruin e Peter Kwaak. Il fondo combina le consolidate competenze e la pluriennale esperienza di Robeco nel reddito fisso e nell'investimento sostenibile.

Il fondo investirà in obbligazioni che aderiscono ai principi riconosciuti a livello internazionale per i green bond e che abbiano un impatto. Per identificarli, il team fixed income di Robeco ha sviluppato un quadro di analisi in cinque fasi, e ogni obbligazione deve superare tutte e cinque le fasi per poter essere ammessa al fondo. Ciò include un'analisi dell'impatto del prodotto, per vedere se contribuisce a uno degli obiettivi ambientali definiti dall'UE. Nell'ambito del processo vengono esaminati anche i rapporti sull'impatto, oltre alla strategia e la condotta ambientale dell'emittente.

Robeco include già i green bond nella maggior parte delle proprie strategie a reddito fisso esistenti, ma la decisione di dedicarvi interamente un fondo si basa sugli sviluppi di questo mercato negli ultimi anni. Nell’universo dei fondi esistenti di Robeco, i green bond ammontano a circa 1,7 miliardi di euro di AuM. RobecoSAM Global Green Bonds è domiciliato in Lussemburgo ed è disponibile per gli investitori istituzionali e retail, così come per i distributori nei principali mercati su richiesta degli investitori. 

“Abbiamo riscontrato un crescente interesse degli investitori per le obbligazioni green emesse da imprese e governi. Per questo motivo abbiamo voluto ampliare la nostra già vasta gamma di prodotti sostenibili con un fondo dedicato alle obbligazioni green che, grazie al loro obiettivo ben definito e alla trasparenza che le caratterizza, rappresentano strumenti efficaci per produrre un impatto”, ha commentato Marcello Matranga, country head di Robeco Italia. “Quest'anno si prevede che vengano emesse le prime obbligazioni green da parte di governi di paesi come la Germania, l'Italia, la Spagna e la Svezia. Il mercato secondario, inoltre, inizia a evidenziare chiari livelli di profondità e sofisticazione, e grazie a questo nuovo fondo pensiamo di essere ben posizionati per cogliere queste interessanti opportunità”.

Professionisti
Società

Notizie correlate