Reazioni degli asset manager internazionali all'attacco frontale contro gli ESG subito negli USA


La risposta delle principali società di gestione internazionali ai piani del governo statunitense di limitare gli investimenti con criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) nei piani 401(k) non si è fatta attendere. Ed è per lo più in contrasto con i piani del governo americano. "La proposta è uno standard eccessivamente prescrittivo e oneroso che interferirebbe con la capacità e la volontà dei fiduciari del piano di considerare fattori ESG finanziariamente significativi, indipendentemente dal loro potenziale effetto sul rendimento e sul rischio di un investimento. Incoraggiamo il Dipartimento del Lavoro ad affrontare queste conseguenze prima di procedere con qualsiasi regolamento finale", ha indicato FundsPeople a BlackRock.

Le più ripetute critiche dell'industria colpiscono il cuore dello spirito della normativa: l'ESG non riduce le performance. Schroders concorda con la posizione di lunga data del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti che gli amministratori fiduciari - ossia le persone che amministrano un piano di previdenza per i dipendenti e le sue attività - ai sensi dell'ERISA (Employee Retirement Income Security Act) dovrebbero sempre mettere al primo posto gli interessi finanziari del piano nell'erogazione dei benefici pensionistici. Tuttavia, essi ritengono che l'attuale proposta presuppone che i fattori ESG siano di natura non pecuniaria.

"Questa posizione sembra presupporre che le questioni di responsabilità sociale siano la motivazione principale per gli investimenti e che i rendimenti dei fondi ESG siano agevolati (supponendo che l'attuale approccio agli investimenti ESG sia lo stesso dell'approccio escludente agli SRI di un tempo)", afferma Sarah Bratton, responsabile della Sostenibilità negli Stati Uniti presso Schroders, per la quale "l'evidenza dimostra che è vero il contrario".

"I fattori ESG hanno un effetto sulla redditività ed è positivo. Inoltre, l'esperto comprende che la proposta non offre alcuna ragione particolare per cui la considerazione dei fattori ESG debba essere soggetta a ulteriori analisi o requisiti di documentazione come per qualsiasi altro fattore di investimento. "Né si occupa dei fondi che sono stati aggiunti ai piani come opzione principale qualche tempo fa e che da allora hanno sviluppato il loro processo di investimento, incorporando ora l'analisi ESG in modo robusto e sistematico come parte del processo di investimento", ricorda.

"Quello che la legge sta cercando di fare è proteggere le prestazioni dei piani pensionistici dei dipendenti dall'essere subordinati a obiettivi non finanziari. Tuttavia, tenere conto dei fattori ESG non dovrebbe significare sacrificare la performance", concorda Roc-Sennett Sudhir, responsabile ESG di Vontobel Asset Management. Per Fionna Ross, responsabile dell'Investimento Responsabile di Aberdeen Standard Investments, "è più probabile che la performance migliori piuttosto che peggiorare. Nel tempo continuiamo a vedere esempi in cui i risultati finanziari delle aziende sono stati influenzati negativamente dalla mancata considerazione dei rischi ESG".

"Questo evidenzia la generale mancanza di coerenza e di comprensione di ciò che l'investimento ESG significa realmente. A differenza dell'investimento etico e basato sul valore, che esclude l'investimento in determinate attività e settori, l'integrazione di fattori e considerazioni ambientali, sociali e di governance nelle decisioni di investimento non assume un approccio di esclusione e, in ultima analisi, fornisce al gestore del fondo una comprensione più olistica di tutti i rischi e le opportunità che un'azienda deve affrontare, non solo da un punto di vista puramente finanziario", continua.

La sua opinione coincide con quella di David Sheasby, responsabile della Corporate Governance e della Sostenibilità di Martin Currie, che descrive la proposta come deludente.

"Si basa sull'opinione ormai superata che i fattori ESG sono raramente redditizi e che considerarli può diminuire i rendimenti. L'analisi ESG è fondamentale per comprendere la creazione di valore a lungo termine. Infatti, fattori quali il cambiamento climatico, l'integrità della catena di approvvigionamento o le pratiche del consiglio di amministrazione sono molto probabilmente in grado di fornire un valore materiale. Pertanto, i piani di investimento a lungo termine, se gli istituti devono adempiere al loro dovere fiduciario, dovrebbero tenerne conto per prendere decisioni di investimento più informate", conclude.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente