Real asset e la ricerca di un reddito resiliente


Contributo a cura di Laurence Monnier, Head of Strategy e Research, Alternative Income e Chris UrwinHead of Global Research, Real Assets di Aviva Investors. Contenuto sponsorizzato.

I real asset, o attività reali, sono di vario genere e spaziano dagli immobili, alle infrastrutture, fino al debito privato. Tali attività sono state l’obiettivo degli investitori in cerca di un premio di illiquidità o di investimenti garantiti. La prospettiva attuale è complessa e i vari propulsori di reddito sono stati colpiti in modi diversi dalla COVID-19.

Gli immobili a lungo reddito sono un settore che da sempre ottiene buoni risultati in periodi difficili; le locazioni contrattuali a lungo termine sono infatti le meno sensibili alle condizioni economiche. Su un periodo di dieci anni, la nostra analisi suggerisce che questo settore è appetibile su una base corretta per il rischio e di valore relativo. Quando i locatari sono di alta qualità, i flussi di cassa dovrebbero essere stabili e relativamente immuni da disagi a breve termine.

Le attività affittate a controparti di alta qualità, come quelle del settore pubblico, hanno una prospettiva di reddito positiva. Anche i supermercati in locazione a lungo termine sembrano ben posizionati, essendo aumentate le permanenze forzate in casa. A più lungo termine potremmo tuttavia osservare una tendenza persistente verso gli acquisti online a discapito dei negozi fisici.

Grafico 1: Finding resilience in long income real estate

Captura_de_pantalla_2020-10-29_a_las_19

In altre aree, la COVID-19 ha portato nuove incertezze. Molti istituti di istruzione sono passati all’insegnamento online e hanno chiuso strutture e alloggi. I tassi di occupazione degli alloggi per studenti stanno risentendo del distanziamento sociale. Le attività con garanzie del canone di affitto da parte degli istituti universitari proteggono i proprietari, ma resta da vedere se gli studenti preferiranno comunque seguire le lezioni online. Anche gli alberghi subiranno un duro contraccolpo, in quanto molti di essi operano già con costi fissi elevati e margini ristretti. Il prolungato distanziamento sociale produrrà un impatto considerevole.

Infine, alcuni cambiamenti sostanziali riguarderanno verosimilmente i sottosettori. Nella logistica, i locatari potrebbero potenziare la resilienza della catena di fornitura e conservare più scorte. Nell’ambito degli uffici, la migrazione verso il telelavoro e gli spazi di lavoro flessibili potrebbe accelerare e questo dovrebbe comportare una maggiore rapidità di adattamento dei flussi di reddito da locazione alle variazioni dei canoni di mercato, nonché un aumento significativo della qualità degli spazi “core”.

In cerca di reddito nel settore delle infrastrutture

Le infrastrutture attraggono gli investitori in cerca di reddito. Il nostro modello indica che le società di energie rinnovabili del Regno Unito non indebitate e che godono di sovvenzioni genereranno rendimenti attesi più elevati, anche se con un rischio superiore.

Servizi non discrezionali come utility ed energie rinnovabili sovvenzionate stanno evidenziando la migliore capacità di tenuta. Le attività di trasmissione di dati e stoccaggio hanno caratteristiche simili alle utility, in quanto l'accesso ai dati è diventato essenziale. Per contro, i settori che registrano uno shock della domanda, come ad esempio i trasporti, sono caratterizzati da incertezza.

Grafico 2: Relative winners in infrastructure

Captura_de_pantalla_2020-10-29_a_las_19

Sarà messa alla prova anche la resilienza del debito infrastrutturale, un segmento che in passato ha registrato perdite inferiori rispetto al credito societario grazie a robusti covenant e riserve di liquidità. Sebbene riduzioni improvvise dei ricavi possano determinare insolvenze tecniche, la liquidità sarà fondamentale per evitare mancati pagamenti o ristrutturazioni del debito. Infine, le infrastrutture essenziali godranno verosimilmente del supporto degli azionisti o dei governi.

Altre opportunità nel debito privato

Un altro aspetto che gli investitori in cerca di reddito dovrebbero considerare è il premio nel debito privato a tasso fisso con garanzie di grado più elevato (senior-secured). Gli investitori con una maggiore propensione al rischio potrebbero individuare un reddito più alto nel debito a tasso variabile, in particolare nei prestiti del mercato medio.

La prospettiva per il premio di illiquidità nei prestiti privati è offuscata dagli interventi governativi. L’emergenza delle garanzie relative ai prestiti governativi in risposta alla Covid-19 rappresenta un cambiamento sostanziale.

I costi del finanziamento bancario restano alti e le banche ridurranno prevedibilmente le proprie esposizioni per liberare capitale da impiegare in nuove transazioni. Tutto questo dovrebbe lasciare un margine di manovra più ampio ai finanziatori non bancari.

Per concludere, sarebbe bene tenere d’occhio le tendenze di lungo termine. La crescente domanda di capacità delle reti di dati o di energie rinnovabili presenta delle opportunità e un posizionamento che ne tenga conto può contribuire a generare il reddito così prezioso per gli investitori.

Scopri come adottiamo un approccio diverso nella costruzione di portafogli resilienti. Visita il nostro Resilience Hub

Professionisti
Società

Notizie correlate

Carenza di reddito: dove andare?

Gli investitori orientati al reddito si trovano ad affrontare molteplici sfide: tagli dei dividendi, rendimenti storicamente bassi, aumento delle insolvenze societarie e incertezza del mercato immobiliare. Come affrontarli? Contributo a cura di Francois de Bruin, fund manager, Sustainable Income & Growth e Head of Listed Real Estate di Aviva Investors. Contenuto sponsorizzato.