Quando tornerà l'inflazione (parte 2)


Clicca per accedere alla prima parte dell’articolo.

6810f0245b3cf3d0Bob Stoutjesdijk, strategist del team Global Macro Fixed Income di Robeco, non si aspetta un forte impatto inflazionistico come conseguenza dal significativo aumento nella massa monetaria progettato dalle autorità fiscali e dalle Banche centrali, almeno nei prossimi anni. "Le forze deflazionistiche derivanti dallo shock della domanda saranno troppo forti. Neanche tendenze secolari come l'invecchiamento della popolazione e gli sviluppi tecnologici indicano un'inflazione galoppante. La ricerca accademica suggerisce di non sopravvalutare l'impatto inflazionistico della deglobalizzazione. La probabilità di una ripresa inflazionistica su un orizzonte che vada oltre i prossimi anni sembra più marcata, anche se, cosa ancora più importante, ciò richiederebbe che l'aumento della massa monetaria sia mantenuto ed eventualmente associato ad un aumento della spesa sia da parte dei consumatori che delle imprese”.

edea19683ec75628Secondo Ben Lord, manager del team reddito fisso di M&G Investments, a breve termine ci si potrebbe aspettare che la pandemia abbia un effetto deflazionistico, con una riduzione della domanda di beni e servizi che compenserà ampiamente l'interruzione dell'offerta. "Nonostante ciò, i tassi di inflazione di pareggio hanno recuperato fortemente dai minimi di marzo con il miglioramento della fiducia del mercato, e questi parametri sono ora ampiamente in linea con i loro range di negoziazione storici. Considerata l'attuale incertezza sui rischi della seconda ondata, credo che i tassi di inflazione di pareggio potrebbero incontrare una certa debolezza a breve termine e mantengo una posizione prudente in questo universo", rivela.

fcf21d5d5c233d75Come spiega Martin Moryson, capo economista di DWS per l'Europa, l'inflazione può essere ampiamente suddivisa in quattro fattori principali: servizi, beni non energetici, energia e cibo. "L'inflazione dei servizi è molto stabile nel tempo e aggiunge circa 1,5 punti percentuali all'inflazione degli Stati Uniti e meno di un punto percentuale all'inflazione dell'Eurozona. Il contributo dei beni non energetici all'inflazione è nel complesso quasi trascurabile. Crediamo che questo ambiente prevarrà nei prossimi trimestri. La domanda diminuirà a causa dell'alto tasso di disoccupazione, delle minori aspettative di reddito e dell'aumento dell'incertezza. Il crollo del prezzo del petrolio ha recentemente portato ad un'inflazione prossima allo zero. Questo, tuttavia, si invertirà presto e potrebbe aumentare di nuovo l'inflazione. Nel corso del tempo, i vincoli dell'offerta potrebbero anche portare ad una certa pressione inflazionistica, ma per il prossimo futuro ci aspettiamo che l'impatto deflazionistico della crisi sia più forte”.

482d9069304a5c53Lewis Aubrey-Johnson, direttore dei prodotti a reddito fisso di Invesco a Henley, osserva che le Banche centrali si sono concentrate soprattutto sul controllo dell'inflazione nella loro politica monetaria. "A causa di alcuni cambiamenti probabilmente strutturali, teorie come quelle della curva di Philips, che avevano funzionato in passato, non funzionano più, per cui è stata necessaria una revisione della politica monetaria. Quello che scopriremo in futuro è che l'obiettivo del 2% di inflazione passerà in secondo piano, e la crescita dell'occupazione sarà la più importante. L'inflazione del 2% sarà un obiettivo a medio e lungo termine”.

569c0621b3ad14e9Secondo Sebastien Galy, responsabile della strategia macroeconomica di Nordea AM, il punto di pareggio dell'inflazione negli Stati Uniti (intorno all'1,25%), suggerisce che l'inflazione è prevista in aumento, anche se questo non supererà la soglia obiettivo, propiziato dalla forward guidance e dai vari programmi della Fed. L'esperto prevede che i dati sull'inflazione saranno deludenti su base duratura, poiché l'esternalizzazione e l'automazione guadagneranno slancio grazie alla riduzione dei tassi di finanziamento, e che le fonti locali di inflazione saranno localizzate nei settori dell'informatica o dell'edilizia. "Questo ragionamento è valido sia per gli Stati Uniti che per l'Europa", dice.

69b89fef129bbff0Per Gurpreet Gill, macro-strategist del team Global Fixed Income di Goldman Sachs AM, i dati sull'inflazione dall'inizio della COVID-19 dipingono un quadro deflazionistico dovuto sia al calo dei prezzi del petrolio che alla diminuzione della domanda. "Le prospettive a breve termine continuano ad essere disinflazionistiche, soprattutto a causa della debolezza del mercato del lavoro. Ma anche se la disoccupazione cala, l'aumento dell'inflazione non è garantito come poteva essere prima della pandemia. È ragionevole supporre che, con la ripresa dell'economia, l'inflazione tornerà al contesto di bassa inflazione che esisteva prima del recente shock economico. La sua aspettativa è che la Fed permetta all'inflazione di superare il 2% per determinati periodi di tempo per compensare il tempo in cui il tasso di inflazione scende al di sotto di questo obiettivo. "L'inflazione base è stata in media solo dell'1,6% tra il 2009 e il 2019, quindi potrebbe volerci un po' di tempo prima che questa media venga raggiunta", conclude.

5a2f08f8523966a4Seamus Mac Gorain, capo del team Global Rates all'interno del team Global Fixed Income, Foreign Exchange and Commodities di J.P. Morgan AM, ritiene che la pandemia si rivelerà deflazionistica, sulla base dell'esperienza delle recessioni passate, perché è probabile che la disoccupazione rimanga alta per diversi anni. "Tuttavia, è probabile che l'anno prossimo ci sarà un picco temporaneo dell'inflazione, a condizione che venga distribuito un vaccino efficace, con la ripresa dei prezzi nei settori più colpiti, come gli alberghi e le compagnie aeree. Riteniamo che l'esperienza dell'ultimo decennio dimostri che le banche centrali da sole non possono aumentare l'inflazione. I rischi di un'inflazione molto più elevata derivano invece principalmente dal proseguimento di una politica fiscale molto poco rigorosa. Il sostegno governativo alle entrate del settore privato quest'anno è senza precedenti e assolutamente necessario nel contesto della pandemia. Ma politiche simili in un contesto economico più favorevole sarebbero inflazionistiche”.

7a7a5a1f10f22ea5Jonathan Gregory, responsabile del Fixed Income di UBS Asset Management nel Regno Unito, ritiene che l'autorità monetaria statunitense manterrà i tassi vicini allo zero fino a quando l'inflazione non salirà leggermente sopra il 2%, operando poi un'attività di solo controllo. "Il problema può sorgere se l'inflazione raggiunge questi livelli, ma la disoccupazione non si riduce a tassi del 4% (considerata piena occupazione). Dato questo dilemma, siamo dell'opinione che la Fed non permetterà all'inflazione di salire oltre il 2%", conclude l'esperto.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 4 Siguiente