Quali sono gli svantaggi nel mantenere molta liquidità in portafoglio


L'obiettivo minimo di tutte le strategie di investimento dovrebbe essere almeno quello di preservare il patrimonio nel lungo termine. Oggi però non è così facile sia in termini nominali che reali (cioè con l'inflazione e le tasse dove la redditività si riduce ancora di più). Ad esempio, l'attuale redditività del Bund tedesco è inferiore a -0,30%, il che si traduce in un rendimento negativo reale di circa -2%.

Gli investitori dovrebbero continuare a concentrarsi sulla misurazione dei rendimenti in termini reali, poiché l'inflazione, sebbene attualmente bassa, erode il potere d'acquisto dell'investimento nel tempo. L'obiettivo di ottenere rendimenti reali positivi è una sfida ancora più grande se nel portafoglio è presente un’elevata liquidità. Gerit Heinz, global investments strategist di Deutsche Bank, e Daniel Kunz, senior strategist per l'Europa ci spiegano quali sono gli svantaggi nel mantenere molta liquidità in portafoglio:

1. L'illusione della rendimenti

Il rendimento nominale delle attività a reddito fisso è in calo da decenni (ora ai minimi storici) e spesso negativo. "Se il titolo tedesco viene preso come riferimento, il rendimento del pacchetto decennale è inferiore a -0,30%, rispetto al suo massimo del 10,68%, raggiunto 45 anni fa (dopo la seconda guerra mondiale). Per ottenere un rendimento positivo, gli investitori in obbligazioni dovrebbero accettare scadenze superiori a 15 anni."

Inoltre, anche i depositi a breve termine sono attualmente, nella migliore delle ipotesi, non redditizi nella zona euro. “In passato, l'effetto della rendimenti reali negativi, potrebbe non aver attirato molta attenzione a causa dell'illusione del valore nominale. Ad esempio, se consideriamo i Treasury americani dagli inizi del 1900 hanno avuto un rendimento nominale positivo in ogni decennio, ma quando si tiene conto dell'inflazione, le obbligazioni statunitensi hanno registrato un rendimento negativo in sei di questi dodici decenni. Le obbligazioni sovrane di altri grandi paesi come Francia, Italia e Giappone hanno avuto un reale ritorno negativo dall'inizio del XX secolo".

I rendimenti reali dei depositi bancari nella zona euro è attualmente negativa, nonostante la bassa inflazione, pertanto si verifica una perdita costante del potere d'acquisto. “La Banca centrale europea ha recentemente indicato una politica monetaria ancora più accomodante per stimolare l'inflazione, parallelamente alla Federal Reserve. Pertanto, le aspettative di rendimenti reali positivi o di investimenti obbligazionari sicuri sono premature e questa situazione è destinata a persistere”. Negli Stati Uniti, la situazione è meno desolante perché i livelli di rendimenti sono vicini al tasso di inflazione.

"In passato, era persino possibile avere rendimenti positivi negli Stati Uniti con depositi di un anno. Tuttavia, questo è diventato sempre più complicato dalla crisi finanziaria. Gli attuali tassi di interesse statunitensi ti consentono di conservare il patrimonio solo al netto delle tasse. Le obbligazioni sovrane dell'India, ad esempio, hanno registrato un rendimento nominale del 15,8% negli ultimi 10 anni (fino alla fine del 2018), ma l'elevata inflazione ha comportato un rendimento reale negativo del -3,1%. Ciò significa che le posizioni di liquidità in un portafoglio devono essere gestite con particolare attenzione”.

2. Più liquidità, più rischi

Il secondo problema con un portafoglio con molta liquidità è legato al fatto che richiede una maggiore tolleranza al rischio, cosa che gli investitori in cash non vogliono. “Questo può sembrare contraddittorio, ma il ragionamento è semplice. Un investitore che ha una grande porzione di depositi con un rendimento di circa lo 0% (come nel caso dell'Eurozona o della Svizzera) desidera mantenere il proprio potere d'acquisto, pertanto è chiaro che la parte rimanente del portafoglio che non è in liquidità deve ottenere un rendimento molto più elevato se l'obiettivo totale del portafoglio è quello di conseguire un rendimento che superi l'obiettivo di inflazione del 2% e preservare quindi il capitale”.

Questo può essere dimostrato con semplice aritmetica. "Supponiamo che un investitore preferisca avere il 50% di depositi in contanti con un rendimento dello 0%. In tal caso, la parte rimanente del portafoglio deve raggiungere un rendimento del 4% per raggiungere l'obiettivo generale del 2%. Ciò sembra difficile da realizzare senza investire in segmenti con rischio più elevati come azioni, obbligazioni dei mercati emergenti o forse valute. Questi investimenti implicano una maggiore volatilità e un rischio maggiore, a seconda del tipo di attività selezionato".

3. Pericoli nei tempi di lavorazione

Avere una posizione di liquidità più elevata può anche avere implicazioni negative per altri aspetti della gestione del portafoglio, ad esempio il timing rispetto alle decisioni di investimento e all'allocazione degli asset. “Aspettare il miglior punto di ingresso nel mercato per annullare le posizioni in cash può spesso fallire, poiché gli investimenti in attività a rischio più elevato possono sembrare costosi quando aumentano e quando cadono sono percepiti troppo rischiosi. In questo caso, le percezioni relative sono fondamentali e inaffidabili, e c'è anche il rischio di perdere opportunità significative in un'altra classe di attività se la tempistica non ha successo. "

In questo senso, quest'anno, dopo le forti flessioni alla fine del 2018, è stato prova che i tentativi di fare il market timing possono essere molto rischiosi.

Società

Notizie correlate