Tags: Consulenza | Business |

Quali implicazioni per gli investitori dopo il G-20?


Osaka si prepara a ricevere i principali leader politici. Ma questo riunione si potrebbe riassumere come l'incontro tra Stati Uniti e Cina di sabato. La guerra commerciale ora dipende da Xi Jinping e Donald Trump. Ma cosa deve sapere  l'investitore? 

In sostanza, i gestori sperano di un ritorno al dialogo. "Lo scenario più probabile è che entrambe le parti trovino un accordo e rinegozino le nuove tariffe", ha affermato Tony Peng, gestore multi-asset per l'Asia e Pacifico di Aberdeen Standard Investments.

I gestori sono moderatamente ottimisti. La Cina e i funzionari commerciali degli Stati Uniti hanno già iniziato le trattative prima dell'incontro Trump-Xi, secondo quanto afferma Hervé Chatot, gestore multi-manager di La Française AM. "I due paesi vogliono un accordo e Donald Trump non vuole indebolire l'economia statunitense prima delle elezioni del 2020". Stefan Kreuzkamp, ​​direttore degli investimenti di DWS, consiglia di abbassare le aspettative. "Non ci aspettiamo che entrambi seppelliscano per sempre l’ascia di guerra. Ma l'incontro dovrebbe dare un respiro di solievo", dice.

Frank Häusler, capo stratega di Vontobel AM, è d'accordo. Vede come scenario più probabile che Trump e Xi riprendano i negoziati. "Potenzialmente, si potrebbero congelare lo status quo tra gli Stati Uniti e la Cina, ma solo per un periodo limitato di tempo", prevede. Tuttavia, ricorda che i dazi sulle auto sarebbero esenti da tutto questo, dato che sono di natura globale e sono molto più dirette verso l'Unione europea e il Giappone. A ogni modo, ci sarà un effetto positivo o negativo sui mercati.

Secondo Chatot, il problema per l'investitore è riporre troppa speranza in una tregua. Anche Esty Dwek, responsabile della strategie di mercato di Dynamic Solutions (Natixis IM), è d’accordo. Non vede molto potenziale di crescita, mentre ci sarà un crollo nel caso in cui i negoziati falliscano e questo porterebbe la disputa a una fase più aggressiva.

Cosa succede se qualcosa va storto?

Il problema è che c'è un'alta probabilità che la Cina e gli Stati Uniti si alzeranno dal tavolo senza raggiungere una soluzione. È successo all'incontro poche settimane fa. Come ricorda Chatot, i negoziati commerciali sono stati interrotti a maggio quando l'amministrazione Trump ha aumentato le tariffe dal 10% al 25% sulle importazioni cinesi per un valore di circa 200 miliardi di dollari. Peng vede come secondo risultato più probabile che entrambi non rispettino la scadenza del 1 ° luglio e che i negoziati vengano interrotti e si implementi una nuova dose di tariffe.

In questo momento l'incontro potrebbe finire in modi: nella migliore delle ipotesi con una stretta di mano e l'impegno a continuare a negoziare per calmare la situazione per almeno i prossimi sei mesi, oppure nella peggiore, gli Stati Uniti potrebbero imporre tariffe sui restanti 300.000 milioni di dollari di prodotti cinesi. "Il fattore umano nelle personalità di Xi e Trump è probabilmente decisivo", afferma Jeremy Ocansey, analista di Fidelity International.

Gli esperti pensano che sia molto più di una battaglia commerciale: la Cina e gli Stati Uniti si stanno contendendo l’egemonia tecnologica. "Tra le venti più importanti tecnologie al mondo, undici sono americane e nove sono cinesi. Questa gara per il dominio tecnologico durerà ", insiste Kreuzkamp. Neil Dwane, strategist globale di Allianz Global Investors, parla di una guerra fredda sulla tecnologia. Tutto questo potrebbe avere un potenziale positivo per alcuni settori, come la difesa o la sicurezza informatica, ma dall’altra parte ci saranno maggiori interruzioni delle molte catene di approvvigionamento tecnologiche e di consumo.

Dwane è uno dei più pessimisti. Il mancato raggiungimento di un accordo commerciale avrà un impatto significativo sull'economia globale nel 2020. L'esperto vede diversi svantaggi per il consumatore americano, tensioni nel finanziamento in dollari USA, una campagna da parte della Cina per evitare di comprare prodotti americani e il rimpatrio di compagnie cinesi.

"Questo scenario sarebbe molto rischioso per i mercati e comporterebbe un lungo periodo d’incertezza", afferma Chatot. "Tutte le attività a rischio si ridurranno drasticamente e i beni rifugio aumenteranno il loro valore (principalmente titoli del Tesoro USA e oro), per la paura dei mercati di una recessione globale”.

Ocansey è più positivo. Alla fine, il commercio rappresenta solo una piccola percentuale del prodotto interno lordo degli Stati Uniti. Inoltre, l'eventuale impatto sull'economia cinese dovrebbe essere compensato da nuovi stimoli, che potrebbero mitigare le conseguenze per la crescita globale, secondo l'esperto.

Detto questo, Claudia Calich, gestore di M&G, mantiene una posizione difensiva. "Abbiamo ridotto il rischio di alcune delle nostre posizioni nel debito societario cinese qualche mese fa, dato che gli spread si sono ridotti a livelli che non riteniamo più interessanti e abbiamo reinvestito i profitti in altre classi di attivo emergenti, incluse quelle in Europa, Africa orientale e sub-sahariana ", conclude.

Professionisti
Società

Notizie correlate