Tags: Fuori sede |

Prosegue l'impegno di Azimut contro il Covid-19


Successivamente ad uno stanziamento iniziale di 220 mila euro, Azimut Holding ha provveduto alla consegna di ventilatori polmonari, apparecchiature mediche e mascherine agli ospedali di Sansavini Villa Maria, all’ASL di Bologna, all’Asl di Imola, all’ospedale di Piacenza, all’ASUR delle Marche e all’ospedale di Bergamo. 

Oltre alla donazione già prevista di 5 ventilatori polmonari per la terapia intensiva dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, Azimut ha continuato la sua opera noleggiando 35 ventilatori polmonari, di cui 20 destinati all’ATS di Bergamo e i restanti 15 in consegna ad altre strutture ospedaliere dei territori più colpiti. Inoltre, si sta impegnando per consegnare ulteriori mascherine e altri dispositivi di protezione come camici, tute e calzari agli ospedali di Lecco, Pavia, Bergamo, Modena, Parma e ad altre strutture in difficoltà nelle diverse zone d’Italia. 

In tutti questi casi il Comitato di Sostenibilità di Azimut Holding e l’organizzazione “AZIONE Azimut per le Comunità”, presente sul territorio per sostenere progetti locali di responsabilità sociale, hanno avuto un ruolo cruciale nei contatti con le strutture ospedaliere, le istituzioni locali per capire le loro esigenze più urgenti e con i fornitori di equipaggiamenti e attrezzature mediche per reperire e consegnare i materiali e le attrezzature in tempi rapidi. 

Infine, attraverso la Fondazione Azimut Onlus è stato aperto un conto dedicato a sostenere l’impegno contro l’emergenza COVID-19 supervisionato dallo stesso Comitato di Sostenibilità di Azimut Holding. Per ogni euro donato anche dai clienti o dai colleghi del Gruppo e versato sul suddetto conto, Azimut si impegna a sua volta a donare la stessa cifra. I fondi raccolti attraverso il conto saranno impiegati esclusivamente per l’acquisto di beni e attrezzature necessari all’eccezionale sforzo sanitario in atto. Beni e attrezzature che il Comitato di Sostenibilità di Azimut Holding sta attivamente selezionando sul mercato internazionale, anche grazie ai colleghi che lavorano nelle varie sedi di Azimut nei diversi continenti, saranno donati agli enti che ne manifesteranno necessità.

La Fondazione Azimut non si occuperà direttamente della gestione di questi interventi in quanto il suo scopo statutario riguarda il bisogno economico (la povertà), ma collaborerà con il team “AZIONE Azimut per le Comunità” al fine di gestire il reperimento e la consegna dei beni e delle attrezzature acquistate. Il conto corrente sul quale è possibile far pervenire le donazioni finalizzate all’emergenza COVID-19 è: 

IT87B0339512900052263029690

Intestato a Fondazione Azimut Onlus

Causale: Donazione

“Lo spirito Azimut, il legame di condivisione e partecipazione su cui è fondato da sempre il nostro Gruppo, è emerso con forza anche in questa situazione di emergenza. Siamo riusciti ad intervenire rapidamente nelle aree più colpite della Lombardia ed Emilia-Romagna ed ora, sempre grazie ai colleghi presenti sul territorio, il nostro impegno si sta estendendo. Contiamo attraverso gli ulteriori nostri investimenti (stimati a 1 milione di euro) a cui si va ad aggiungere la raccolta fondi, di poter aiutare tante altre comunità locali fornendo velocemente quelle attrezzature e dispositivi medici di cui gli ospedali hanno urgente necessità”, commenta Pietro Giuliani, presidente del Gruppo. 

Fondazione Azimut Onlus prosegue il suo impegno istituzionale nell'area del bisogno economico non solo con i progetti già avviati, ma anche con interventi finalizzati a contrastare la povertà derivante dalla fase di emergenza. In questo ambito si colloca il contributo straordinario di 50.000 euro a favore di Banco Alimentare, impegnato in uno sforzo particolare per rifornire di beni primari le persone maggiormente in difficoltà.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente