PIMCO Capital Securities Fund, ribilanciamento sui diversi segmenti della struttura del capitale


Il 2017 è stato un anno particolarmente positivo per i titoli di capitale bancari, con gli Additional Tier 1 (AT1) che hanno registrato le migliori performance. Secondo Philippe Bodereau, gestore del fondo con rating Consistente PIMCO GIS Capital Securities, il buon andamento dell’asset class è stato favorito da alcuni fattori come un mix di fondamentali in miglioramento, fattori tecnici favorevoli e valutazioni ancora relativamente convenienti. “I titoli di capitale bancari restano uno dei settori del credito globale in cui riteniamo vantaggiosa una posizione di sovrappeso, anche dopo il rally del 2017”. Il comparto investe almeno l’80% del patrimonio in un portafoglio globale di titoli di capitale con valutazioni interessanti, secondo i principi di una gestione prudente degli investimenti. Tuttavia, a seguito della forte performance dello scorso anno, “riteniamo prudente operare un ribilanciamento generale del comparto in termini di allocazione geografica e posizione sui diversi segmenti della struttura del capitale”.

Lo scorso anno, il fondo presentava una forte concentrazione sui titoli AT1 e gran parte di tale esposizione si concentrava nell'Eurozona. Le prospettive di offerta favorevoli di questi strumenti sono una delle ragioni che spiegano la forte performance del 2017. “Anche se più investitori hanno preso coscienza del fatto che la disponibilità di nuovi titoli sarà ridotta in futuro, l’offerta rimarrà leggermente positiva su base netta anche quest’anno”.

Nel 2018 il team di gestione ha effettuato prese di profitto su numerose posizioni e ribilanciato il portafoglio, aumentando l’esposizione al debito senior, prevalentemente nel settore delle holding bancarie di Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera. “Dopo il ribilanciamento del fondo, le azioni privilegiate statunitensi hanno sottoperformato e ora appaiono di nuovo più interessanti rispetto al debito senior, pertanto riteniamo che potrebbe presentarsi l'opportunità di reinvestire su livelli d'ingresso migliori in futuro”, dice Bodereau. Nel complesso, ad oggi il portafoglio è maggiormente diversificato rispetto a un anno fa, quando i titoli europei AT1 erano molto convenienti.

Inoltre, il ritorno della volatilità sui mercati ha generato interessanti opportunità lungo la struttura del capitale. Il team di gestione ha sfruttato la crescente volatilità per effettuare acquisti in modo selettivo, ad esempio nel segmento dei titoli AT1 a breve scadenza di qualità elevata con alti reset spread, che secondo gli esperti hanno una forte probabilità di essere rimborsati anticipatamente. “Uno dei motivi per cui prediligiamo i titoli di capitale bancari è dato dal fatto che il settore gode di ottima salute dal punto di vista dei fondamentali, inoltre ci troviamo in una fase favorevole del ciclo dei tassi d'interesse”. La duration del comparto è normalmente compresa tra tre e sette anni, in funzione delle previsioni sui tassi di interesse.

In termini generali, “la strategia Capital Securities ha registrato un buon andamento nei periodi di rialzo dei tassi, generando rendimenti positivi o neutrali durante le fibrillazioni sul tapering, le turbolenze legate al tema della reflazione di Trump e il recente periodo di crescita globale sincronizzata”, dice il gestore. Inoltre, aggiunge Bodereau, anche durante la fase di correzione dei bund tedeschi nel 2015 (quando i titoli di Stato tedeschi hanno guadagnato 54 pb), la strategia ha sovraperformato i titoli di Stato americani, il credito investment grade e l'high yield.

Professionisti

Notizie correlate