Perché i fondi che investono in oro rendono il doppio dell'oro


L'oro è per eccellenza il bene rifugio. Nel 2018 è stato uno dei pochi asset che è riuscito a ottenere dei rendimenti positivi e secondo i dati Bloomberg, nell'ultimo esercizio ha registrato un +15%  Dati positivi, ma nulla in confronto a quelli del settore minerario che, secondo i dati Morningstar, ha ottenuto dei rendimenti medi del 30% durante l’anno. 

Nome del fondo Valuta Rendimenti in euro nel 2019 (%)
Franklin Gold & Precious Materials Euro 38,17
EdR Goldsphere  Euro 37,12
DWS Invest Gold and Precious Materials Euro 36,44
CM-CIC Global Gold  Euro 32,47
Investec GSF Global Gold IX  Euro 31,77

Fonte: Morningstar. Dati di rendimento in euro al 10 dicembre. 

Cosa si spiega questa differenza? 

Da un lato, c'è stata la ripresa del settore minerario dopo un disastroso 2018: questo settore ha registrato tre degli ultimi cinque anni in rosso. Sebbene all'inizio di quest'anno ci fosse molta preoccupazione nei mercati, sarà ricordato come un anno positivo, grazie anche all'estensione delle politiche monetarie espansive delle Banche centrali di tutto il mondo.

Questa corsa del mercato azionario quindi non ha favorito solo le asset class tradizionali, ma anche quella del settore minerario. Secondo i risultati dell'ultimo sondaggio condotto da Bank of America Merril Lynch, le azioni e le materie prime saranno le asset class più gettonate nel 2020. Naturalmente, perché le aspettative siano soddisfatte, l'economia non deve entrare in una nuova recessione. Un crollo del mercato poterbbe avere un effetto molto negativo sul settore minerario essendo di natura ciclica.

Captura_de_pantalla_2019-12-12_a_las_11

Oro bene rifugio

Per quanto riguarda l’oro invece, le aspettative sono più ottimistiche dato che verrà usato come rifugio. Ad esempio, UBS ritiene che il metallo giallo continuerà ad apprezzarsi nel 2020. “La bassa crescita economica e i bassi tassi di interesse riducono il costo opportunità dell'oro. L'incertezza politica potrebbe favorire gli afflussi di capitale. Inoltre dato che l'oro è prezzato in dollari, questo provocherebbe un indebolimento della moneta verde che a sua volta farebbe aumentare i prezzi dell'oro", ricordano.

Anche UBP pensa che includere l'oro nei portafogli come elemento di diversificazione sia una scelta ragionevole. "Dato che i tassi sono ai minimi storici, l'investitore dovrebbe aumentare la diversificazione in altri asset privi di rischio come oro e valute rifugio", spiegano.

Anche il World Gold Council nel suo ultimo rapporto, ricorda l’importanza dell’oro come elemento di diversificazione di portafoglio: La rilevanza dell'oro come risorsa strategica. “L'oro beneficia della crescita dei flussi in periodi di rischio elevato. Offre rendimenti positivi e riduce le perdite di portafoglio, l'oro è stato particolarmente efficace in tempi di crisi e ha permesso agli investitori di decorrelare il portafoglio in caso di aumento della volatilità, " ricorda l'organizzazione.

Società

Notizie correlate