Paradossi dell'industria europea degli ETF


Il settore dei fondi indicizzati è afflitto da interpretazioni errate che ne evidenziano l'unicità. In primo luogo, l'industria degli ETF in Europa è un'attività altamente concentrata. I fornitori che dominano il business si possono contare sulle dita di una mano. E questo è qualcosa che non è cambiato negli ultimi quattro anni. Secondo i dati di Refinitiv, i primi 10 gestori di fondi ETF quotati detengono attualmente il 92,78% del patrimonio in Europa. Quattro anni fa la percentuale era del 93,07%. In altre parole, praticamente la stessa cosa.

Durante questo periodo, il volume degli attivi degli ETF è raddoppiato, passando da 400 miliardi di Euro a 830 miliardi di Euro. Altri 430 miliardi sono stati drenati, soprattutto dai grandi fornitori, facendo buon uso del noto detto che il denaro chiama denaro. Le restanti 39 entità devono accontentarsi del 7% della torta, una fetta troppo piccola per potersela permettere. Attualmente, delle 49 istituzioni che vendono ETF in Europa, solo 20 superano il miliardo di attivi. 

Il fatto che i pesci grandi abbiano mangiato i piccoli spiega, in parte, il fatto che la concentrazione nell'industria degli ETF sia rimasta praticamente invariata. Questo ha creato alcuni paradossi. Ad esempio, con BlackRockil suo predominio sull'industria europea dell'ETF è indiscutibile. È il maggiore fornitore, con quasi 400 miliardi di attivi a fine giugno. Negli ultimi quattro anni, iShares è cresciuta in modo esponenziale. Prima è cresciuta facendo affidamento sulle sue strategie azionarie, e ora lo sta facendo con i suoi ETF a reddito fisso, dove sta raggiungendo una posizione di leadership.

12fcd3fa1f63082f

Per dar vita a una realtà con una scala simile a quella della ditta americana, le nove entità che seguono dovrebbero unire le loro forze. E non lo supererebbero. Paradossalmente, nonostante il suo indiscusso predominio, negli ultimi quattro anni l'entità ha perso quasi nove punti di quota di mercato in Europa rispetto alla somma dei suoi nove immediati concorrenti, passando dal godere del 59,6% della torta al mangiare quasi la metà (50,7%) di una torta che in questo periodo è diventata molto più grande.

fc9b219d29a9aba5

Paradossi della concorrenza

La forte concorrenza sui prezzi che esiste nel settore europeo dei fondi indicizzati ha fornito un chiaro vantaggio ai gestori più grandi e ha soffocato quelli più piccoli, molti dei quali non sono riusciti a sopravvivere. Ma, paradossalmente, la concorrenza è aumentata a livello di fornitori. Negli ultimi quattro anni, il numero di gestori di fondi con una gamma di ETF è cresciuto del 36%, passando da 36 a 49 istituzioni.

I nuovi partecipanti sono principalmente aziende con un business basato sulla gestione attiva, che sono entrate nel mondo dell'indicizzazione attraverso fondi passivi, anche patrimoniali, con i quali stanno cercando di farsi un nome. La dimensione e la forza finanziaria di queste entità è ciò che permette loro di mantenere aperte queste strategie nonostante il loro piccolo volume.

Va ricordato che la maggior parte del patrimonio gestito dal settore è costituito da prodotti che replicano i principali indici azionari. E lì la guerra dei prezzi è feroce.

"Il loro prezzo basso è di per sé una barriera all'ingresso di nuovi sviluppatori. Data l'alta qualità dei prodotti già esistenti, le commissioni di gestione e il TER sono diventati un criterio chiave nel processo di selezione dei fondi e hanno spinto i prezzi a un punto in cui solo entità con una scala decente potevano fare soldi", dice Detlef Glow. Questo nonostante il fatto che, secondo uno studio di Morningstar sugli ETF che replicano l'S&P 500, quelli con il più alto rapporto di spesa totale sono proprio quelli che hanno offerto ai partecipanti i più succosi ritorni netti. Un altro paradosso.

Paradossi della sopravvivenza

Secondo il direttore dell'analisi di Refinitiv per l'EMEA, i grandi provider di questi ETF core potrebbero addirittura sovvenzionarli per un certo periodo di tempo al fine di ottenere un vantaggio competitivo rispetto alle entità più piccole, che non potrebbero permettersi di mantenere una tale politica dei prezzi, costringendo le imprese più piccole a lanciare strategie che non si confrontano direttamente con i leader del mercato. Se non avranno successo, quasi certamente porterà a nuovi fenomeni corporativi. 

Questo, di per sé, solleva due nuovi paradossi. Per sopravvivere, i pesci piccoli non dovrebbero competere con i prodotti che cercano di catturare denaro dove si concentra la ricchezza, ma piuttosto cercare nicchie di mercato che non sono coperte dai pesci grossi. "In qualsiasi altro settore, una concentrazione così elevata sarebbe una preoccupazione per le autorità di regolamentazione e i clienti perché potrebbe portare ad un monopolio o ad un oligopolio, che potrebbe far aumentare i prezzi e ridurre la qualità. Qui non è così", afferma. Questo è il paradosso finale.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente