Obbligazioni high yield in euro, cosa ci aspetta dopo la buona estate appena trascorsa?


Contributo a cura di Francesco Lomartire, responsabile SPDR ETFs per l’Italia. Contenuto sponsorizzato.

Il segmento high yield europeo ha registrato performance al rialzo durante i mesi estivi che sono stati caratterizzati da una maggiore propensione al rischio. Tuttavia permangono le incertezze dovute al nuovo aumento della curva dei contagi da Covis-19 che continua a rappresentare una minaccia per l’economia.

Da inizio anno a oggi, le performance del segmento high yield sono state negative, ma c’è stato un netto rialzo dopo il sell-off di marzo, seguito poi da ulteriori performance positive fino a giugno. Anche se l’andamento nei mesi estivi è stato leggermente più lento, le performance degli ultimi tre mesi dell’indice Bloomberg Barclays Liquidity Screened Euro High Yield Bond restano ancora intorno al 3%. Questo è dovuto a tre fattori principali:

  • La ripresa economica, i cui indicatori suggeriscono un rapido miglioramento nella maggior parte delle economie. Ad esempio, gran parte dei dati analizzati si è attestata nuovamente ai livelli precedenti che indicano una stabilità dell’economia.
  • Un’estate caratterizzata dalla propensione al rischio, in scia alla ripresa dei mercati azionari. Questo fattore ha portato a un incremento dell’ottimismo in merito al fatto che il rischio di downgrade e di default per i titoli high yield fosse diminuito.
  • La caccia ai rendimenti. Con gran parte dei rendimenti dei titoli di stato europei in territorio negativo e gli spread investment grade (IG) che sono scesi a minimi da febbraio, gli investitori obbligazionari hanno dovuto cercare fonti di rendimento alternative. Il segmento high yield offre sia rendimenti che opportunità di guadagno in conto capitale mentre gli spread rispetto al segmento investment grade si comprimono.

La risalita del numero di contagi da Covid-19 e le discussioni in merito alla possibilità di nuovi lockdown a livello regionale sollevano interrogativi su quanto i dati economici possano continuare a migliorare. Questi fattori potrebbero ostacolare un ulteriore miglioramento della performance dei titoli high yield. Tuttavia, con rendimenti superiori al 3,5%1, l'apprezzamento del capitale costituisce un fattore meno preoccupante per chi è investito in fondi high yield.

Detto questo, fino a quando la propensione al rischio resta stabile, le obbligazioni high yield dovrebbero poter continuare a riportare buone performance. Come si evince dalla figura 1, l'indice Bloomberg Barclays Euro High Yield presenta un'elevata correlazione con l'indice S&P500, fattore che lo colloca decisamente nella categoria degli asset di rischio. Da marzo, la reazione dell'indice ad alcune delle maggiori oscillazioni del comparto azionario è stata limitata e, a tal proposito, i timori di instabilità del mercato azionario potrebbero spingere gli investitori a ridurre l'esposizione azionaria in favore del segmento high yield.

Figura 1: il segmento high yield è un asset di rischio, ma è più stabile rispetto alle azioni

Captura_de_pantalla_2020-10-06_a_las_16

Fonte: State Street Global Advisors, Bloomberg Finance L.P., al 18 settembre 2020. Le performance passate non garantiscono la possibilità di ottenere gli stessi rendimenti in futuro.

Fattori trainanti: i rendimenti si trovano nei settori meno amati

L'indice Bloomberg Barclays Euro High Yield Index è salito di un altro 0,5% questo mese (al 18 settembre), trainato soprattutto da un rimbalzo dei settori la cui performance è ancora indietro rispetto a quella dell'indice totale. I tre settori che hanno performato meglio sono stati quello dei consumi ciclici (+1,07%), quello industriale (+0,93%) e quello finanziario (+0,88%), ovvero i tre comparti che da inizio anno ad oggi continuano a registrare un calo pari o superiore al 3%. Complessivamente questi tre settori rappresentano quasi la metà del peso dell'indice, il che significa che l’impatto della loro performance è stato significativo.

Questa rincorsa della performance è evidente anche se i rendimenti degli indici sono divisi per aree di valutazione. Il credito investment grade è stato il primo a riprendersi, dato che la BCE ha aumentato la portata del programma di acquisti nel settore del credito. Questo ha costretto inizialmente gli investitori a cercare rendimenti nel segmento con rating più elevato all’interno dell’universo dei titoli non-investment grade, per poi scendere gradualmente verso quelli con un rating più basso. In questo caso, le obbligazioni con rating CAA2 e CAA3 hanno riportato le performance più elevate a settembre, che si sono attestate a rispettivamente al 5,4% e al 9,6%.

Finché non vi sarà un peggioramento della propensione al rischio, questa convergenza degli spread rimarrà probabilmente un fattore chiave per la performance dei fondi high yield. Se da un lato le obbligazioni con rating più basso devono incorporare un maggior rischio di default, l’yield to maturity del segmento con rating uguale e inferiore a B3 è superiore al 6% mentre quello dei titoli con rating BA1 (il rating più elevato nel segmento non-investment grade) si attesta a quasi il 2%. Visto che lo spread tra gli indici Bloomberg Barclays Pan-Euro HY BB Rating e CCC Rating è ancora superiore di circa 50 punti base rispetto alla media riportata nel periodo 2014-2019, c’è ancora spazio per un'ulteriore compressione.

Nubi scure all’orizzonte

Nonostante i mesi estivi siano stati positivi per chi era investito nel segmento high yield, ora preoccupa la risalita dei numero di contagi da Covid-19. Tuttavia ci sono diverse ragioni che ci spingono a credere che un incremento sostanziale dello spread non sia una preoccupazione da tenere in considerazione in questo momento.

  • Contrariamente all'approccio adottato all'inizio della pandemia, i governi stanno cercando di evitare lockdown che coinvolgano tutte le attività economiche. Questo dovrebbe limitare l'impatto sulle imprese.
  • Molte delle misure governative messe in atto per aiutare le imprese a uscire dalla crisi sono state prolungate. Inoltre, i livelli record di emissioni high yield suggeriscono che le aziende abbiano prefinanziato le loro necessità di liquidità e dovrebbero essere in condizioni migliori rispetto al primo trimestre del 2020.
  • Il ritmo dei downgrade dei rating si è ridotto abbastanza bruscamente nel terzo trimestre del 2020, con i downgrade da parte di S&P che hanno riportato un calo del 26% rispetto al secondo trimestre del 2020, mentre quelli di Moody's sono scesi del 29%2. Ciò suggerisce che la solidità finanziaria preoccupa meno le agenzie di rating e significa anche che il mercato high yield dovrà assorbire meno “fallen angels”.

Nel complesso, i timori legati al Covid-19 non dovrebbero attenuarsi nel breve termine, fattore che creerà un contesto più volatile per i bond high yield. Tuttavia un segmento corporate più solido e la resilienza generale che il segmento high yield ha dimostrato nei precedenti periodi di volatilità del mercato azionario potrebbero limitare il rischio di riduzione dei prezzi. In effetti, con gli investitori ancora alla ricerca di rendimenti obbligazionari, l'eventuale riduzione della propensione al rischio, come quella a cui abbiamo assistito a giugno 2020, potrebbe essere considerata un'opportunità per aggiungere asset che forniscono un flusso di cedole stabile.

Come investire su questo tema:

La gamma obbligazionaria SPDR offre un ETF sulle obbligazioni europee high yield che consente agli investitori di prendere esposizione su questa asset class. Per saperne di più sull'ETF e per conoscere tutta la performance storica, si prega di consultare il seguente link:

SPDR® Bloomberg Barclays Euro High Yield Bond UCITS ETF (Dist)

Note

1Fonte: Bloomberg Finance, yield to worst al 18 settembre 2020.

2Al 22 settembre 2020.

Disclaimer

Comunicazione di marketing. Ad uso esclusivo dei clienti professionali.

Italia: State Street Global Advisors Ireland Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano), è una filiale di State Street Global

Advisors Ireland Limited, iscritta in Irlanda con il numero 145221, autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda e con sede legale al 78 Sir John Rogerson’s Quay, Dublino 2. State Street Global Advisors Irlanda Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano), è iscritta in Italia al registro delle imprese con il numero 10495250960 - R.E.A. 2535585 e numero di P. Iva 10495250960 e ha sede legale in Via Ferrante Aporti, 10 - 20125 Milano, Italia. Tel.: +39 02 32066 100

Fax: +39 02 32066 155

Informazioni Importanti

Il presente documento è stato pubblicato da State Street Global Advisors Limited (“SSGA”), disciplinata dalla Banca Centrale d'Irlanda. Indirizzo della sede legale 78 Sir John Rogerson’ s Quay, Dublin 2. Numero di registrazione: 145221. Tel.: +353 (0)1 776 3000. Fax: +353 (0)1 776 3300. Web: ssga.com.

SPDR ETFs è la piattaforma degli exchange traded fund (“ETF”) di State Street Global Advisors, composta da fondi autorizzati dalla Banca Centrale d’Irlanda come società di investimento in OICVM di tipo aperto.

State Street Global Advisors SPDR ETFs Europe I & SPDR ETFs Europe II plc emettono SPDR ETFs, e sono società di investimento di tipo aperto con passività separate tra i comparti. La Società è organizzata come Organismo di investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM) ai sensi delle leggi irlandesi e autorizzata come OICVM dalla Banca centrale d'Irlanda.

Le informazioni fornite non costituiscono una consulenza per gli investimenti. Il presente documento non dovrebbe essere considerato una sollecitazione all'acquisto o un'offerta di vendita di qualsiasi investimento. Il presente documento non tiene conto degli obiettivi, delle strategie, del regime fiscale, della propensione al rischio o dell'orizzonte di investimento specifici di ciascun investitori o investitore potenziale. Qualora si necessiti una consulenza per gli investimenti si consiglia di rivolgersi al proprio consulente fiscale e finanziario o ad altri consulenti professionisti. Tutte le informazioni sono a cura di SSGA, a meno che non sia altrimenti indicato, e sono state ottenute da fonti ritenute affidabili, ma la loro accuratezza non è garantita. Non vengono rilasciate dichiarazioni o garanzie in merito all'attuale accuratezza, affidabilità o completezza di decisioni prese sulla base di tali informazioni che non dovrebbero essere prese come riferimento in quanto tali, e si declina ogni responsabilità in merito.

Gli ETF sono negoziati come i titoli azionari, sono esposti al rischio di investimento e sono soggetti all'oscillazione del valore di mercato. Il rendimento degli investimenti e il valore del capitale di un investimento saranno soggetti a oscillazioni, pertanto il valore delle azioni al momento della cessione o del rimborso potrebbe essere superiore o inferiore rispetto a quello al momento dell’acquisto. Sebbene le quote possano essere acquistate o vendute su una borsa valori tramite qualsiasi conto di intermediazione, esse non possono essere rimborsate singolarmente dal fondo. Gli investitori possono acquistare o chiedere il rimborso delle quote tramite il fondo in grandi lotti chiamati “creation unit (quote di creazione)”. Per ulteriori informazioni si prega di consultare il prospetto del Fondo.

I marchi commerciali o di servizio citati nel presente documento sono di proprietà dei rispettivi titolari. I fornitori di dati terzi non rilasciano garanzie o dichiarazioni di nessun tipo relative all’accuratezza, completezza o tempestività dei dati e declinano ogni responsabilità per danni di qualsiasi tipo relativi all’utilizzo di tali dati.

Le opinioni contenute nel presente materiale sono espresse dal team SPDR EMEA Strategy and Research e si riferiscono al periodo conclusosi al l’11 settembre 2020. Possono subire variazioni sulla base delle condizioni del mercato o di altro tipo. Il presente documento contiene alcune dichiarazioni che potrebbero essere considerate valutazioni e ipotesi su eventi futuri. Si prega di notare che tali valutazioni e ipotesi non sono garanzie di risultati futuri e i risultati o gli sviluppi effettivi possono essere sostanzialmente diversi da tali proiezioni.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri.

Tutte le forme di investimento comportano rischi, incluso il rischio di perdita totale dell'importo investito. Tali attività potrebbero non essere adatte a tutti.

L'investimento in titoli di società estere può comportare un rischio di perdita del capitale a causa di fluttuazioni valutarie sfavorevoli, ritenute alla fonte, differenze nei principi contabili generalmente applicati o instabilità politica o economica in altre nazioni.

Standard & Poor’s®, S&P® e SPDR® sono marchi registrati di Standard & Poor’s Financial Services LLC (S&P); Dow Jones è un marchio registrato di Dow Jones Trademark Holdings LLC (Dow Jones); e tali marchi registrati sono stati concessi in licenza d'uso a S&P Dow Jones Indices LLC (SPDJI) e in sub-licenza per fini specifici a State Street Corporation. I prodotti finanziari di State Street Corporation non sono sponsorizzati, garantiti, venduti o promossi da SPDJI, Dow Jones, S&P, dalle loro rispettive affiliate e da terzi concessori di licenze e nessuna di tali parti rilascia alcuna dichiarazione relativa all'opportunità di investire in tali prodotti declinando ogni responsabilità in merito, incluso in caso di errori, omissioni o interruzioni di qualsiasi indice.

Il presente documento non può essere riprodotto, copiato o trasmesso, in tutto o in parte, né nessuna delle sue parti divulgata a terzi senza esplicito consenso da parte di State Street Global Advisors.

Le obbligazioni sono in generale meno rischiose e volatili delle azioni nel breve termine ma comportano un rischio di tasso di interesse (poiché quando i tassi di interesse salgono, i prezzi delle obbligazioni solitamente scendono), un rischio di default e di credito dell'emittente, un rischio di liquidità e un rischio di inflazione. Gli effetti di tali rischi sono in genere più marcati per i titoli a più lungo termine. Un titolo a reddito fisso ceduto o rimborsato prima della scadenza può essere soggetto a un guadagno o una perdita sostanziali.

I titoli di Stato e le obbligazioni corporate internazionali sono soggette a fluttuazioni dei prezzi più moderate nel breve termine rispetto alle azioni, ma forniscono rendimenti potenziali più bassi a lungo termine.

L’investimento in titoli obbligazionari high yield, anche noti come junk bond, è considerato speculativo e comporta un rischio maggiore di perdita del capitale e degli interessi rispetto all’investimento in obbligazioni investment grade. Questi titoli di debito di qualità inferiore comportano un maggiore rischio di default o di variazioni di prezzo a causa delle possibili modifiche del merito di credito dell’emittente.

Le informazioni contenute nella presente comunicazione non costituiscono una raccomandazione di ricerca o una “ricerca in materia di investimenti” e sono classificate come “Comunicazione di marketing” ai sensi della normativa (2014/65/EU) sui mercati finanziari (MiFID) e della normativa svizzera applicabile. Ciò significa che la presente comunicazione di marketing (a) non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti, e (b) non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

Prima di investire si consiglia di richiedere e leggere il prospetto informativo di SPDR e il relativo Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID) disponibili su ssga.com. In questi documenti troverete ulteriori dettagli relativi ai fondi SPDR, comprese le informazioni relative ai costi, ai rischi e ai Paesi in cui i fondi sono autorizzati alla vendita.

© 2020 State Street Corporation.

Tutti diritti riservati.

2015149.143.3.EMEA.INST

Valido fino al: 30/09/2021

Professionisti
Società

Notizie correlate