Tags: ETF | Obbligazionario |

Obbligazioni high yield: dopo i minimi, torna la ripresa


Contributo a cura di Francesco Lomartire, responsabile SPDR ETFs per l’Italia. Contenuto sponsorizzato.

I mercati hanno registrato un sostanziale rimbalzo dai minimi di marzo, tuttavia persiste il timore che il ritorno alla normalità sia stato troppo frettoloso. Sussistono indubbiamente preoccupazioni importanti che offuscano il sentiment, in primis la possibilità  di una seconda ondata dell'epidemia di COVID-19. Finché si tratta di combattere il virus solamente a livello locale, dovrebbe perdurare la convinzione che la crisi sanitaria sia sotto controllo.

Anche i dati economici continuano a fornire notizie positive. L’imposizione di nuovi lockdown appare improbabile, pertanto gli indicatori potrebbero restare ben al di sopra dei minimi a cui erano crollati in aprile. Le ingenti misure di stimolo monetarie e fiscali che sono state varate dovrebbero consentire alla ripresa di continuare il suo corso. L'economia ha reagito molto bene a iniziative simili nel 2009 e nel 2010, malgrado la forte debolezza del settore bancario. La prosecuzione della ripresa economica dovrebbe pertanto essere sufficiente a stabilizzare gli asset di rischio.

Figura 1: Sostanziale ripresa dell'high yield

Captura_de_pantalla_2020-07-09_a_las_19

Fonte: State Street Global Advisors, Bloomberg Finance L.P., al 24 giugno 2020.

Perché investire in obbligazioni high yield?

La congiuntura attuale spinge gli investitori obbligazionari ad interrogarsi su dove sia possibile trovare rendimenti. Mantenere forti allocazioni in liquidità o sui titoli di Stato significa infatti accontentarsi di rendimenti bassi. La nostra strategia che consisteva nel favorire le obbligazioni corporate investment grade (IG) ha generato buone performance, con l'indice Bloomberg Barclays Euro Aggregate Corporate Total Return che ha reso oltre l'1,8% (al 24 giugno 2020) da quando abbiamo pubblicato il nostro editoriale "Credit Where Credit is Due" lo scorso 4 maggio 2020 nella rubrica Strategy Espresso.

Tuttavia, gli spread sui titoli corporate investment grade si sono contratti rispetto alle emissioni governative e, benché superino ancora di circa 40 pb i livelli pre-crisi, il premio che offrono appare ragionevole considerando il sentiment meno favorevole al segmento corporate. Il differenziale di rendimento rispetto ai titoli di Stato è pari a circa 150 pb, pertanto intercettare il carry continua a essere una strategia praticabile, anche se i bassi rendimenti assoluti si traducono in una remunerazione complessiva limitata. Il contesto economico più stabile rafforza le motivazioni per investire nell'high yield:

  • Gli option-adjusted spread (OAS) dell'high yield evidenziano un ampliamento di circa 200 pb rispetto ai livelli pre-crisi, prendendo a riferimento l'indice Bloomberg Barclays Liquidity Screened Euro HY. Sono dunque vicini ai massimi del 2018, quando il mercato era preoccupato per l'impatto che l'innalzamento dei tassi da parte della Fed avrebbe avuto sui titoli corporate. Pertanto, i livelli di ingresso sono ancora favorevoli per chi ricerca un'area del mercato dotata di un certo potenziale di performance.
  • Lo yield to worst dell'indice Bloomberg Barclays Liquidity Screened Euro HY è prossimo al 4,5%. Si colloca quindi sopra il livello relativo al debito dei mercati emergenti ed è inferiore soltanto all'high yield statunitense. Ciò significa che il carry è fortemente positivo e che, con un “option-adjusted duration” pari a 3,7 anni per l'indice, i rendimenti dovrebbero aumentare di oltre 100 pb per annullare i guadagni derivanti dalle cedole.
  • I risultati societari disegneranno un quadro certamente non roseo nel prossimo trimestre, poiché solo allora diventeranno palesi i veri costi del lockdown. Tuttavia, governi e Banche centrali hanno predisposto condizioni favorevoli per il credito alle imprese. Ne è conseguito un livello record di emissioni, che dovrebbe non solo aver migliorato la capacità di sopravvivenza degli emittenti, ma anche contribuito a contenere il tasso di insolvenza nei prossimi sei mesi.
  • Il volume di emissioni è ingente, con oltre 8 miliardi di euro di collocamenti soltanto nell'ultima settimana, secondo i dati di Bloomberg. Stando ad alcuni segnali, il mercato è letteralmente inondato di nuova offerta, in parte perché la BCE continua ad acquistare credito investment grade, un fattore che dovrebbe incentivare l'afflusso di fondi nel mercato high yield. Normalmente, in estate l'attività di emissione inizia a smorzarsi per poi riprendere slancio a settembre. Le pressioni dal lato offerta dovrebbero pertanto diminuire. Ad ogni modo, grandi volumi di emissioni sul mercato primario non sono necessariamente un fattore negativo: creano anche opportunità, rendendo più facile l'acquisto di titoli a sconto rispetto al loro fair value.
  • Un numero elevato di downgrade di titoli corporate è considerato un rischio per la performance del comparto high yield, poiché i "fallen angel" (società che perdono il rating IG) entrano nell'universo più ristretto degli indici high yield. Ciononostante, il posizionamento tattico dei gestori di fondi è in grado di trasformare letteralmente questo rischio in un vantaggio. Per ulteriori osservazioni in merito, si rimanda all’articolo “An Update on High Yield Bonds".

In sintesi, è probabile che il mercato continuerà a preoccuparsi per un'eventuale nuova ondata di COVID-19, ma è altresì ipotizzabile che il peggio per l'economia sia quantomeno alle spalle. Queste notizie positive sono già state in gran parte scontate dai mercati, pertanto un'ulteriore contrazione degli spread creditizi è possibile, ma sarà probabilmente graduale.

Presupponendo che il mercato resti piuttosto stabile, il livello elevato dei rendimenti cedolari offerto dai titoli high yield non dovrebbe essere sottovalutato poiché potrebbe rappresentare una fonte sostanziale di rendimento in portafoglio.

Come investire su questo tema

La gamma SPDR consente di investire nelle obbligazioni high yield mediante lo SPDR Bloomberg Barclays Euro High Yield Bond UCITS ETF (Dist). Per saperne di più su questo fondo e per consultare lo storico completo delle performance, visitate la pagina del fondo cliccando sul link.

Comunicazione di marketing. Ad uso esclusivo dei clienti professionali.

Italia: State Street Global Advisors Ireland Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano), è una filiale di State Street Global

Advisors Ireland Limited, iscritta in Irlanda con il numero 145221, autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda e con sede legale al 78 Sir John Rogerson’s Quay, Dublino 2. State Street Global Advisors Irlanda Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano), è iscritta in Italia al registro delle imprese con il numero 10495250960 - R.E.A. 2535585 e numero di P. Iva 10495250960 e ha sede legale in Via Ferrante Aporti, 10 - 20125 Milano, Italia. Tel.: +39 02 32066 100

Fax: +39 02 32066 155

Informazioni Importanti

Il presente documento è stato pubblicato da State Street Global Advisors Limited (“SSGA”), disciplinata dalla Banca Centrale d'Irlanda. Indirizzo della sede legale 78 Sir John Rogerson’ s Quay, Dublin 2. Numero di registrazione: 145221. Tel.: +353 (0)1 776 3000. Fax: +353 (0)1 776 3300. Web: ssga.com.

SPDR ETFs è la piattaforma degli exchange traded fund (“ETF”) di State Street Global Advisors, composta da fondi autorizzati dalla Banca Centrale d’Irlanda come società di investimento in OICVM di tipo aperto.

State Street Global Advisors SPDR ETFs Europe I & SPDR ETFs Europe II plc emettono SPDR ETFs, e sono società di investimento di tipo aperto con passività separate tra i comparti. La Società è organizzata come Organismo di investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM) ai sensi delle leggi irlandesi e autorizzata come OICVM dalla Banca centrale d'Irlanda.

Le informazioni fornite non costituiscono una consulenza per gli investimenti e non dovrebbero essere prese come riferimento in quanto tali. Il presente documento non dovrebbe essere considerato una sollecitazione all'acquisto o un'offerta di vendita di qualsiasi investimento. Il presente documento non tiene conto degli obiettivi, delle strategie, del regime fiscale, della propensione al rischio o dell'orizzonte di investimento specifici di ciascun investitori o investitore potenziale. Qualora si necessiti una consulenza per gli investimenti si consiglia di rivolgersi al proprio consulente fiscale e finanziario o ad altri consulenti professionisti.

Tutte le informazioni sono a cura di SSGA, a meno che non sia altrimenti indicato, e sono state ottenute da fonti ritenute affidabili, ma la loro accuratezza non è garantita. Non vengono rilasciate dichiarazioni o garanzie in merito all'attuale accuratezza, affidabilità o completezza di decisioni prese sulla base di tali informazioni che non dovrebbero essere prese come riferimento in quanto tali, e si declina ogni responsabilità in merito.

Gli ETF sono negoziati come i titoli azionari, sono esposti al rischio di investimento e sono soggetti all'oscillazione del valore di mercato. Il rendimento degli investimenti e il valore del capitale di un investimento saranno soggetti a oscillazioni, pertanto il valore delle azioni al momento della cessione o del rimborso potrebbe essere superiore o inferiore rispetto a quello al momento dell’acquisto. Sebbene le quote possano essere acquistate o vendute su una borsa valori tramite qualsiasi conto di intermediazione, esse non possono essere rimborsate singolarmente dal fondo. Gli investitori possono acquistare o chiedere il rimborso delle quote tramite il fondo in grandi lotti chiamati “creation unit (quote di creazione)”. Per ulteriori informazioni si prega di consultare il prospetto del Fondo.

I marchi commerciali o di servizio citati nel presente documento sono di proprietà dei rispettivi titolari. I fornitori di dati terzi non rilasciano garanzie o dichiarazioni di nessun tipo relative all’accuratezza, completezza o tempestività dei dati e declinano ogni responsabilità per danni di qualsiasi tipo relativi all’utilizzo di tali dati.

Le opinioni contenute nel presente materiale sono espresse dal team SPDR EMEA Strategy and Research e si riferiscono al periodo conclusosi al martedì 24 giugno 2020. Possono subire variazioni sulla base delle condizioni del mercato o di altro tipo. Il presente documento contiene alcune dichiarazioni che potrebbero essere considerate valutazioni e ipotesi su eventi futuri. Si prega di notare che tali valutazioni e ipotesi non sono garanzie di risultati futuri e i risultati o gli sviluppi effettivi possono essere sostanzialmente diversi da tali proiezioni.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri.

Tutte le forme di investimento comportano rischi, incluso il rischio di perdita totale dell'importo investito. Tali attività potrebbero non essere adatte a tutti.

L'investimento in titoli di società estere può comportare un rischio di perdita del capitale a causa di fluttuazioni valutarie sfavorevoli, ritenute alla fonte, differenze nei principi contabili generalmente applicati o instabilità politica o economica in altre nazioni.

Standard & Poor’s®, S&P® e SPDR® sono marchi registrati di Standard & Poor’s Financial Services LLC (S&P); Dow Jones è un marchio registrato di Dow Jones Trademark Holdings LLC (Dow Jones); e tali marchi registrati sono stati concessi in licenza d'uso a S&P Dow Jones Indices LLC (SPDJI) e in sub-licenza per fini specifici a State Street Corporation. I prodotti finanziari di State Street Corporation non sono sponsorizzati, garantiti, venduti o promossi da SPDJI, Dow Jones, S&P, dalle loro rispettive affiliate e da terzi concessori di licenze e nessuna di tali parti rilascia alcuna dichiarazione relativa all'opportunità di investire in tali prodotti declinando ogni responsabilità in merito, incluso in caso di errori, omissioni o interruzioni di qualsiasi indice.

Il presente documento non può essere riprodotto, copiato o trasmesso, in tutto o in parte, né nessuna delle sue parti divulgata a terzi senza esplicito consenso da parte di State Street Global Advisors.

Le obbligazioni sono in generale meno rischiose e volatili delle azioni nel breve termine ma comportano un rischio di tasso di interesse (poiché quando i tassi di interesse salgono, i prezzi delle obbligazioni solitamente scendono), un rischio di default e di credito dell'emittente, un rischio di liquidità e un rischio di inflazione. Gli effetti di tali rischi sono in genere più marcati per i titoli a più lungo termine. Un titolo a reddito fisso ceduto o rimborsato prima della scadenza può essere soggetto a un guadagno o una perdita sostanziali.

I titoli di Stato e le obbligazioni corporate internazionali sono soggette a fluttuazioni dei prezzi più moderate nel breve termine rispetto alle azioni, ma forniscono rendimenti potenziali più bassi a lungo termine.

L’investimento in titoli obbligazionari high yield, anche noti come junk bond, è considerato speculativo e comporta un rischio maggiore di perdita del capitale e degli interessi rispetto all’investimento in obbligazioni investment grade. Questi titoli di debito di qualità inferiore comportano un maggiore rischio di default o di variazioni di prezzo a causa delle possibili modifiche del merito di credito dell’emittente.

Le informazioni contenute nella presente comunicazione non costituiscono una raccomandazione di ricerca o una “ricerca in materia di investimenti” e sono classificate come “Comunicazione di marketing” ai sensi della normativa (2014/65/EU) sui mercati finanziari (MiFID) e della normativa svizzera applicabile. Ciò significa che la presente comunicazione di marketing (a) non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti, e (b) non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

Prima di investire si consiglia di richiedere e leggere il prospetto informativo di SPDR e il relativo Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID) disponibili su ssga.com. In questi documenti troverete ulteriori dettagli relativi ai fondi SPDR, comprese le informazioni relative ai costi, ai rischi e ai Paesi in cui i fondi sono autorizzati alla vendita.

© 2020 State Street Corporation.

Tutti diritti riservati.          

2015149.130.4.EMEA.INST

Valido fino al: 30/06/2021

 

 

 

 

 

 


 

 

Professionisti
Società

Notizie correlate