O giganti o boutique, queste sono le alternative delle SGR per non soccombere


L'industria dei fondi sta vivendo i suoi anni d'oro sostenuta dai mercati azionari rialzisti. Ma per quanto tempo può continuare questo periodo? Ci sono quelli che già vedono la sua fine. "Il settore del risparmio gestito ha cavalcato questa ondata di ricchezza, ma è possibile che presto dovrà scontrarsi con le barriere che si nascondono in superficie", afferma un recente rapporto della società di consulenza Bain & Company.

L'era del denaro facile iniziata nel 2012, caratterizzata da bassi tassi di interesse e ripresa economica, ha rivelato profonde tendenze secolari nel comportamento dei consumatori. La popolazione è diventata più consapevole dei costi; e questo si estende ai prodotti finanziari in cui investe. A sua volta, la regolamentazione ha spinto verso una maggiore trasparenza e una commercializzazione più rigorosa. Ciò ha implicato un maggiore investimento da parte degli asset manager in compliance, portando a costi più elevati e ad un corrispondente adeguamento dei profitti.

Ma il tempo delle vacche magre è vicino. Secondo le stime di Bain & Company, nonostante il patrimonio gestito dalle società di risparmio sia cresciuto del 7% su base annua dal 2012, i loro profitti sono diminuiti del 2% su base annua nello stesso periodo. E sino al 2022, calcolano che la tendenza peggiorerà:

Captura_de_pantalla_2018-09-30_a_las_14

In un contesto macroeconomico più incerto, quali opzioni hanno le SGR per sopravvivere? O diventare ‘boutique di nicchia’ o giganti della gestione attiva. Non ci sarà spazio per le società di medie dimensioni senza alcun vantaggio competitivo.

Coloro che scelgono di crescere hanno due modi. Ci sono esempi, come BlackRock o Vanguard, che hanno puntato su una gestione prevalentemente passiva per raggiungere un posizionamento di scala. Altre aziende, come Amundi e Fidelity, hanno ampi portafogli di gestione attiva con una vasta gamma di prodotti.

L'alternativa opposta è lo sviluppo di un'offerta altamente differenziata che può giustificare le commissioni premium nel tempo. "Gran parte del denaro istituzionale è recentemente confluito in asset manager che generano un alfa elevato", commentano Bain & Company. Degne di nota in questo segmento sono aziende come RobecoSAM, Nordea AM o boutique americane.

Altre società, in particolare Natixis, hanno costruito un modello di business strategicamente attraente che si basa su larga scala e differenziazione. "Il loro modello è costituito da un portafoglio di boutique differenziate che condividono una piattaforma cliente centrale", spiega la società di consulenza.

Società

Notizie correlate