Neuberger Berman punta sull'azionario cinese con un nuovo fondo


La Cina sembra essersi accreditata tra i vincitori del COVID-19 e desta sempre maggiore interesse tra gli investitori. In questo contesto, Neuberger Berman ha lanciato un nuovo fondo UCITS azionario dedicato all'azionario del Paese del Dragone: il Neuberger Berman China A-Share Equity, gestito da Ning Meng, senior portfolio manager, che vanta 19 anni di esperienza nel settore.

La strategia di investimento punta a selezionare le società di miglior qualità, gestite da team di comprovata esperienza, con performance costanti nel lungo termine caratterizzate da business ben posizionati per beneficiare dalla forte crescita domestica, supportate da politiche governative e trend settoriali. Il fondo adotta un approccio high-conviction guidato dalla ricerca fondamentale bottom-up.

Attenzione per il punteggio ESG dei titoli in portafoglio 

Il benchmark del fondo è l’indice MSCI China A (Onshore). Il portafoglio è composto da 30-50 titoli e mira ad un tracking error del 4-8%. Lavorando al fianco del team ESG globale di Neuberger Berman, il fondo riesaminerà con regolarità anche il punteggio ESG del suo portafoglio di investimenti.

Ning Meng gestisce il portafoglio da Shangai ed è supportato da un team di analisti con un ampio network di relazioni e competenze locali. Il team è assistito dalla divisione di ricerca azionaria di Neuberger Berman con sede a Taiwan e Hong Kong, che copre i settori communicationsconsumerfinancialsindustrials & IT, ma anche dal team dedicato agli investimenti azionari dei Paesi emergenti della Società. 

Nuove infrastrutture tecnologiche nel mirino

Ning Meng ha commentato: “Selezioniamo le aziende cinesi di elevata qualità e questo ci assicura un posizionamento di lungo termine. Osserviamo, in particolare, un forte potenziale di crescita nelle ‘nuove infrastrutture’ e nel settore immobiliare. Tra la crisi economica generata dal Covid-19 e le tensioni commerciali con gli USA, i nuovi progetti di infrastrutture tecnologiche sostenuti dal governo, che includono intelligenza artificiale, 5G, industria dell’Iot (Internet of Things) e stazioni di ricarica per veicoli elettrici, sono destinati a diventare i fattori trainanti per la crescita economica a lungo termine della Cina”.

Jose Cosio, head of Intermediary per l’area EMEA e America Latina, ha aggiunto: “Il mercato A-share cinese è ora il secondo più ampio al mondo in termini di capitalizzazione di mercato e turnover medio giornaliero. È diventato incredibilmente popolare tra i clienti internazionali che vogliono accedere alle numerose aziende cinesi meglio gestite all’interno del mercato cinese.”

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente