Nel 2018 le reti aiutano (e non poco) il risparmio gestito


Nel 2018 le reti aiutano (e non poco) il risparmio gestito. Secondo gli ultimi dati pubblicati da Assoreti l'anno si è chiuso con una raccolta netta complessiva pari a 30 miliardi di euro; i volumi netti d’attività, seppure inferiori rispetto al 2017 che era stato un anno record (-23,4%), rappresentano il quarto migliore risultato mai realizzato dalle reti. merito anche dei flussi di dicembre che si attestano a 2,6 miliardi, con un incremento del 33% rispetto al risultato dello scorso novembre.

“Si tratta di un risultato decisamente positivo raggiunto in un anno particolarmente difficile per i mercati finanziari", ha spiegato Paolo Molesini, presidente dell’Associazione. "ll sistema reti si è confermato, ancora una volta, solido e ben strutturato, concentrato sulla prestazione del servizio di consulenza finanziaria caratterizzato da elevati standard qualitativi, che proprio nelle fasi di maggiore volatilità assumono ancora più rilevanza. Il sistema ha dimostrato di essere flessibile e reattivo rispetto alle esigenze dei risparmiatori; capacità questa che gli ha consentito, non solo di raggiungere significativi volumi di raccolta, ma anche di conquistare la fiducia di nuovi clienti che hanno sentito la necessità di essere seguiti con competenza e professionalità in un periodo di discontinuità dei mercati”. ​

Le risorse nette investite in prodotti del risparmio gestito ammontano a 13,4 miliardi di euro (35,0 miliardi nel 2017) mentre il saldo complessivo delle movimentazioni sui prodotti in regime amministrato è positivo per 16,7 miliardi di euro (4,2 miliardi nel 2017). Gli investimenti netti effettuati direttamente in quote di OICR ammontano a 4,2 miliardi di euro (18,8 miliardi nel 2017) e rappresentano il 31,3% dei volumi netti riscontrati nel comparto del risparmio gestito. Le risorse si concentrano sugli OICR aperti domiciliati all’estero, con volumi netti pari a 3,1 miliardi di euro, mentre il bilancio annuale sui fondi aperti di diritto italiano è positivo per 653 milioni. La valorizzazione dei premi netti versati, nel corso dell’anno, sui prodotti assicurativi/previdenziali è pari a circa 9,3 miliardi di euro (12,0 miliardi nel 2017): di questi, 3,4 miliardi sono investiti in unit linked, 2,4 miliardi in polizze multi-ramo e 2,7 miliardi in prodotti vita tradizionali. Negativo, invece, il bilancio annuale sulle gestioni patrimoniali individuali in valori mobiliari (GPM), pari a - 322 milioni, mentre sulle gestioni patrimoniali in fondi (GPF) prevalgono gli acquisti per 185 milioni di euro. 

Nel 2018 le risorse nette confluite al sistema di OICR aperti, attraverso l’attività svolta dalle reti, risultano, quindi, pari a 10,1 miliardi di euro consentendo all’intero sistema fondi di chiudere con un bilancio, seppur di poco, positivo (71 milioni di euro). 

A fine anno i clienti primi intestatari dei contratti salgono a 4,217 milioni (+4,2% rispetto a fine 2017). Il numero di consulenti finanziari abilitati all’o.f.s. con mandato dalle società rientranti nell’indagine dell’Assoreti è pari a 22.330 unità; di questi, 22.035 unità risultano effettivamente operative.

Professionisti

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente