Tags: Business |

Morningstar e Sustainalytics unite nella guerra contro il carbonio


La guerra al carbone è nel pieno del suo svolgimento. A segnare l’ultima avanzata sono state Morningstar Sustainalytics (leader mondiale nella ricerca e nel rating ESG e di corporate governance di cui Morningstar è diventata azionista al 40% dopo un nuovo accordo siglato lo scorso luglio). Sustainalytics, infatti, ha recentemente lanciato il Carbon Risk Rating, che copre oltre 4.000 società quotate in 147 sotto industrie ed è alla base del nuovo Morningstar® Portfolio Carbon Risk Score™, un indicatore che aiuta gli investitori nella valutazione dell’esposizione del loro portafoglio ai rischi del carbonio. 

I portafogli che presentano un basso carbon risk score e bassi livelli di esposizione ai combustibili fossili riceveranno la Morningstar® Low Carbon Designation™ che permette di individuare facilmente i fondi low carbon. Inizialmente, Morningstar assegnerà il Carbon Risk Score a circa 30 mila fondi a livello globale. Il nuovo punteggio potrà essere visualizzato all’interno di un ampio set di oltre 70 metriche, tra cui Carbon Intensity, Fossil Fuel Involvement, Stranded Assets Risk e Green Solutions, in base ai livelli di carbonio detenuti dalle aziende presenti in portafoglio.

Secondo l’analisi condotta da Morningstar, tra le diverse strategie equity dei mercati sviluppati, i fondi europei ex-UK hanno in linea di massima un carbon risk score più basso, mentre quelli della categoria Asia ex-Japan presentano uno score più alto. Gli Stati Uniti si piazzano nel mezzo, mentre i mercati emergenti tendono ad avere punteggi più alti. “Gli investitori sono alla ricerca di soluzioni per ridurre l’esposizione dei loro portafogli al carbonio e con i nuovi carbon risk score potranno valutare il rischio che i fondi hanno nelle diverse aree geografiche,” ha spiegato Jon Hale, director della ricerca sostenibile di Morningstar. 

Metodologia

Le Carbon Metrics sono calcolate da Morningstar con cadenza trimestrale per tutti quei fondi che hanno almeno il 67% degli asset coperti dalla ricerca di Sustainalytics. Il Carbon Risk Score è la somma ponderata dei carbon risk score dei singoli titoli detenuti, la cui media viene fatta sui 12 mesi ed è rappresentato da un numero che parte da zero (un punteggio inferiore indica un rischio minore).

La percentuale di Morningstar® Portfolio Fossil Fuel Involvement ™ rappresenta l’esposizione percentuale ponderata del portafoglio ai combustibili fossili, calcolata sempre sulla media dei 12 mesi. La Low Carbon Designation è la risultante del Carbon Risk Score di un fondo e della sua percentuale di Fossil Fuel Involvment. Per ottenerla, un fondo deve avere un Carbon Risk Score inferiore a 10 e una percentuale di Fossil Fuel Involvement sotto il 7% degli asset. 

Società

Notizie correlate