Tags: Fondi Azionari |

Mercati azionari: investire o aspettare?


Investire ora o aspettare? Questa è la grande domanda che gli investitori si pongono oggi, soprattutto quelli che finora sono stati fuori dal mercato o che hanno sottopesato le azioni nei loro portafogli. I mercati azionari sono scesi a livelli così bassi perché il colpo che il coronavirus infliggerà alla crescita economica che è molto difficile da quantificare. E l'incertezza è ciò che i mercati odiano di più. Di conseguenza, è probabile che i mercati rimangano turbolenti e non si possono escludere ulteriori cali, come concorda la maggior parte dei manager internazionali.

"I rischi abbondano, ma per chi ha un orizzonte temporale sufficientemente lungo, le valutazioni sono inequivocabilmente più attraenti che in qualsiasi altro momento degli ultimi anni. Il problema è che, finché l'incertezza persiste, potrebbero diventare ancora più economiche. Ora non è il momento di essere temerari, ma se si ha un orizzonte temporale abbastanza lungo, il mercato azionario comincia a sembrare una proposta molto più interessante", osserva Duncan Lamont, responsabile di Research & Analytics di Schroders.

Sono d'accordo Pascal Blanqué, direttore degli investimenti di Amundi, Vincent Mortier, vicedirettore degli investimenti, e Monica Defend, responsabile dell'analisi e della strategia dell'azienda, che ritengono che questa fase di reazioni eccessive probabilmente continuerà per qualche tempo, dato che il flusso di notizie è intenso. "È un momento in cui è troppo tardi per vendere e troppo presto per comprare", dicono. Ma... quando sarà il momento di passare dalla prudenza all'audacia e fare il grande passo e investire? Questa è la grande domanda.

"La sfera di cristallo non è molto trasparente", riconosce Robert M. Almeida, portfolio manager e stratega degli investimenti globali di MFS Investment Management. "Fare previsioni di profitto quando gran parte del mondo sviluppato è in isolamento è, di per sé, un compito arduo. Dobbiamo anche aggiungere un'altra variabile all'equazione: gli shock dell'approvvigionamento di petrolio. I mercati sono costretti ad assorbire due shock contemporaneamente, in un contesto in cui i profitti gonfiati sono in calo rispetto ai massimi e le banche centrali hanno pochi strumenti monetari a disposizione", ricorda.

Per Didier Saint Georges, membro del comitato di investimento strategico di Carmignac, i mercati finanziari sono entrati in un periodo di drammatica volatilità, non solo per l'impatto della crisi del Coronavirus, ma anche perché il contesto finanziario e macroeconomico era già molto debole.

"Da un decennio ormai, le misure delle banche centrali sostengono una performance senza precedenti sui mercati finanziari, mentre la crescita economica reale è rimasta lenta. Pertanto, in considerazione dell'effetto deflazionistico causato dalla crisi sanitaria dovuta alla caduta della domanda, di fronte alla quale le banche centrali e i governi sono relativamente disarmati, i mercati devono anticipare conseguenze economiche di vasta portata. Pertanto, manterranno una grande instabilità fino a quando non riusciranno a quantificare le conseguenze di questa crisi", dice l'esperto.

La questione, quindi, non dovrebbe essere se sia un buon momento per investire o meno, ma piuttosto se l'investitore a lungo termine è disposto ad assumere la volatilità che quasi certamente regnerà nel breve-medio periodo. Secondo Richard Carlyle, responsabile degli investimenti azionari di Capital Group, "La paura e l'incertezza sono nemiche degli investimenti a lungo termine. Ecco perché è importante continuare a concentrarsi sul momento in cui abbiamo superato questa situazione e pensare a chi saranno i vincitori. Durante la precedente crisi del 2008, concentrarsi sul futuro è stato molto difficile perché non sapevamo come sarebbe finito il settore bancario. Ma la Cina ha superato la pandemia prendendo misure molto severe fin dall'inizio e questo può darci un'idea di come la situazione potrebbe essere per gli Stati Uniti e l'Europa in futuro", osserva. A questo proposito, ci sono alcuni segnali in Cina che, per il momento, sono stati trascurati dalla maggior parte degli analisti.

Come sottolinea John Plassard, specialista in investimenti di Mirabaud, le autorità hanno confermato martedì che la chiusura della città di Wuhan sarà revocata l'8 aprile, mentre i dati economici in Cina sono più incoraggianti. "La spesa dei consumatori ha recuperato terreno, raggiungendo l'85% della media annua; le vendite di auto sono tra il 30 e il 40% al di sotto della media rispetto al calo dell'80% registrato a febbraio, e il commercio via mare sta iniziando a riprendersi. A riprova di questo recupero, la qualità dell'aria è peggiorata, raggiungendo livelli di inquinamento più vicini alla normalità". I paesi industrializzati hanno adottato una serie di misure di stimolo fiscale.

La situazione dell’azionario (ratio analysis)

I forti ribassi dei mercati azionari hanno reso tutti i mercati completamente a buon mercato rispetto alle valutazioni degli ultimi 15 anni. Anche il mercato azionario statunitense, da anni costantemente costoso, è ormai a buon mercato. Questo quadro è quasi identico se si estende il periodo di tempo agli ultimi 20 anni, o dal 1995 quando i dati di valutazione per i mercati emergenti sono diventati disponibili per la prima volta, rivela Duncan Lamont di Schroders.

I mercati sono infatti scesi a livelli talmente bassi l’asset manager ha deciso di introdurre un nuovo colore nella sua gradazione. In precedenza, il verde scuro indicava che un mercato era più del 10% più economico della sua media storica. Ora un verde ancora più scuro mette in evidenza quei mercati che sono più del 20% a buon mercato. Ben 17 delle 25 medie di valutazione indicate di seguito rientrano in questa categoria (Fonte per i grafici: Schroders).

Così erano le valutazioni al 9 marzo... 

f7dcc70021e59c69

Così sono ora

1d4fe30450074c7a

Le cifre sono arrotondate e sfumate in rosso scuro se sono più del 10% care rispetto alla loro media di 15 anni e in verde scuro se sono più del 10% economiche e in verde ancora più scuro se sono più del 20% a buon mercato, con sfumature più chiare per le valutazioni intermedie. In particolare, rispetto ai dati precedenti, le aspettative di profitto futuro devono ridotte ancora di molto, ma tali riduzioni sono inevitabili. Anche i dividendi rischiano di essere sotto pressione.

In questo senso, le società a dividendi hanno mostrato una minore resistenza in questo contesto di cadute del mercato. Per Carlyle, "ciò è in parte dovuto a motivi tecnici, in quanto diverse assemblee generali degli azionisti sono state rinviate. Ma ci sono stati anche tagli abbastanza rapidi dei dividendi quando le aziende sono passate alla modalità di conservazione dei contanti. Tradizionalmente, i maggiori pagatori di dividendi nel settore petrolifero e bancario sembrano particolarmente vulnerabili in questo momento, e potrebbero essere più propensi a tagliare i dividendi in un ambiente in cui gli altri stanno facendo lo stesso", dice.

La regola d'oro

La crisi del coronavirus è solo un’altra crisi. Ed Walczak, equity manager americano di Vontobel AM, è stato testimone di molti shock di mercato: la cosiddetta crisi del risparmio e del credito (nota come S&L), la bolla delle Dot-com, il contagio asiatico e le crisi finanziarie globali. "Ognuno di loro è diverso, ma c'è una costante quando si tratta di investire su cui possiamo sempre contare, ed è l'impossibilità di cronometrare il mercato. La regola d'oro da ricordare è che l'investimento è un business a lungo termine e ottimista. Nonostante la volatilità, il mondo andrà avanti e così anche le aziende. Le aziende forti continueranno a crescere e a fornire rendimenti agli azionisti attraverso rendimenti a lungo termine. Siate preparati. Abbiate pazienza e attenetevi al vostro piano. Questo dovrebbe darvi la fiducia necessaria per superare l'incertezza", conclude.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 4 Siguiente