Tags: Stile |

Mediobanca sostiene 'Crescere che impresa!'


Far conoscere la figura dell’imprenditore e le sue caratteristiche, mostrare l’importanza di valorizzare e finanziare un progetto, far acquisire una conoscenza migliore di sé e del proprio futuro professionale avvicinando i giovani al mondo dell’economia digitale e globale. Sono questi i principi alla base del progetto Crescere che impresa! dedicato ai ragazzi tra gli 11 e i 14 anni e organizzato da Junior Achievement Italia, in partnership con il Gruppo Mediobanca, che da diversi anni sostiene le iniziative di JA Italia. Il programma, attraverso attività di gruppo e interattive, si propone di supportare i ragazzi in età scolastica nel familiarizzare con concetti di economia e finanza attraverso la giusta interazione tra metodi tradizionali e strumenti digitali.

Il lancio del programma Crescere che impresa! promosso da JA Italia, in partnership con il Gruppo Mediobanca, rientra tra le iniziative del Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria nel Mese dell’educazione finanziaria. Il progetto ha l’obiettivo di ispirare e incoraggiare ragazze e ragazzi a credere in se stessi e nelle proprie idee fornendo loro le competenze e gli strumenti utili a progettare consapevolmente il proprio futuro. Il programma si compone di 3 incontri della durata di 2 ore ciascuno, svolti in classe da un docente interno alla scuola, affiancato da un volontario proveniente dal mondo dell’impresa e adeguatamente formato.

“Siamo davvero orgogliosi dei risultati sempre più soddisfacenti che ci offre Crescere che impresa!, rivolto alle scuole secondarie di primo grado e coerente con il modello progressivo di Junior Achievement”, afferma Antonio Perdichizzi, presidente di JA Italia. “Mediobanca rappresenta l’alleato giusto in termini di contenuti, solidità e disponibilità per sostenere questo progetto e auspichiamo che questa collaborazione possa durare nel tempo. JA Italia intende rafforzare l’impatto delle reti locali già operanti nel territorio, investendo risorse economiche e umane a favore dell’orientamento dei più giovani, al fine di sviluppare quelle competenze necessarie al mondo del lavoro e a diventare cittadini responsabili. Insieme, siamo convinti di poter migliorare sempre di più la capacità attrattiva e il livello di innovazione didattica della Scuola italiana, garantendo opportunità di apprendimento collaudate e pratiche capaci di offrire maggiore apertura alla realtà esterna”. 

Secondo gli ultimi dati sull’abbandono scolastico, in Italia il tasso di dispersione durante il periodo di istruzione è stato del 13,8% nel 2016, a fronte del 10% dichiarato come obiettivo strategico, del programma Europe 2020, e restano forti gli squilibri territoriali, con i dati relativi a Sicilia, Campania, Puglia, Calabria e Sardegna al di sopra della media nazionale. Con il programma Crescere che impresa!, grazie all’utilizzo di una metodologia didattica esperienziale che prevede principalmente attività di gruppo e interattive, gli studenti partecipano attivamente alle dinamiche scolastiche e non, imparando a conoscere la figura dell’imprenditore e le caratteristiche che lo contraddistinguono. I ragazzi hanno l’opportunità, inoltre, di valorizzare e finanziare un’idea o un progetto avvicinandosi al mondo dell’economia digitale e globale, scoprendo le modalità di acquisto utilizzate nella vita di tutti i giorni, analizzandone vantaggi e svantaggi e imparando a diventare “consumatori consapevoli”. Il programma accompagna gli studenti a una conoscenza migliore di sé e del proprio futuro professionale, offrendo alcuni utili strumenti per esplorare le opportunità dei settori lavorativi e delle professioni emergenti.

“Da anni il Gruppo Mediobanca sostiene progetti volti a favorire l’inclusione sociale e l’educazione, con un occhio di riguardo ai più giovani” – spiega Francesco Saverio Vinci, direttore generale di Mediobanca. “Il nostro sostegno all’iniziativa promossa da JA Italia deriva dalla volontà di contribuire allo sviluppo della cultura finanziaria e imprenditoriale presso i ragazzi in età scolastica. Il progetto “Crescere che impresa!” sarà inoltre l’occasione per promuovere il volontariato aziendale in maniera trasversale all’intero del Gruppo. E’ proprio attraverso i colleghi di CheBanca! e Compass, che operano nelle 300 filiali presenti a livello nazionale, che garantiremo una copertura capillare del progetto, contribuendo a generare valore nei territori in cui operiamo”.

Società

Notizie correlate