Tags: Gestori | ETF |

Lyxor ETF, perché conviene combinare attivo e passivo


Un contesto di mercato di difficile interpretazione che ha determinato una flessione generalizzata su tutto lo spettro delle asset classes e influito negativamente sul potenziale di generazione di alpha, portando un netto vantaggio a quegli investitori in grado di combinare gestione attiva e passiva all'interno del portafoglio.

Questa in estrema sintesi la conclusione dello studio annule di Lyxor ETF condotto su 32 universi d'investimento della gestione attiva (28 tradizionali e 4 alternativi), circa 7.000 fondi per 1.600 miliardi di euro di patrimonio in gestione. "La ricerca", si legge nel comunicato emesso dalla società francese, "dimostra che il 2018 è stato un anno molto complesso per i gestori di fondi a gestione attiva, uno dei peggiori in oltre un decennio". Nell'universo considerato dall'analisi, solo il 27% dei gestori di fondi azionari attivi ha sovraperformato il benchmark, mentre per quanto riguarda i gestori obbligazionari attivi il dato si ferma al 18%. Incertezze politiche ed economiche, flessioni e incognite sull'andamento dei tassi d'interesse sono risultati i fattori che maggiormente hanno influito sul potenziale di generazione di alpha. 

"Riteniamo", affermano Marlène Hassine Konqui, head of ETF Research e Jean-Baptiste Berthon, senior cross-asset strategist di Lyxor Asset Management, "che i fondi a gestione attiva e quelli a gestione passiva presentino vantaggi differenti a seconda delle diverse fasi del ciclo economico". "A nostro avviso", aggiungono, "nelle fasi recessive sarebbe opportuno privilegiare i fondi attivi e alternativi, mentre nella fase iniziale del ciclo economico gli investitori dovrebbero preferire gli strumenti passivi, poiché il beta diventa la fonte di performance principale". "Nelle fasi intermedie e avanzate del ciclo economico", concludono, "caratterizzate da una più fragile direzionalità dei mercati, la giusta combinazione di fondi attivi e passivi può offrire notevoli vantaggi".

Società

Notizie correlate

Il ritorno degli ETF sintetici

Per la mancanza di interesse mostrata dagli investitori verso questi prodotti, alcuni gestori hanno deciso di scommettere ancora sulla formula dello swap per replicare gli indici core, ritenendo che i clienti ora li accetteranno dopo le polemiche apportate nella struttura del prodotto. Tratto dalla rivista numero 26 Funds People.

Anterior 1 2 Siguiente