Lombard Odier, ecco le strategie di maggior successo


Lombard Odier IM, presente in Italia dal 2001, negli ultimi anni ha consolidato la propria presenza nel nostro Paese attraverso lo sviluppo di un business diversificato e sostenibile nel tempo. “Abbiamo dimostrato di essere in grado di cambiare e adattare il nostro modello di business alle nuove e più sofisticate esigenze dei clienti.”, afferma Andrea Argenti, country head Italia di Lombard Odier IM. Secondo il manager, i punti di forza del modello di business della casa svizzera possono esssere riassunti in: grande attenzione alla preservazione del capitale, innovazione e responsabilità sociale.

Nella seconda parte del 2016 e nel 2017 i mercati obbligazionari hanno dovuto far fronte ad alcune criticità come la diminuzione della liquidità sul mercato e il rialzo dei tassi di interesse in un contesto di liquidità piuttosto compromesso. “Questo scenario ci ha consentito di proporre con successo il fondo LO All Roads, un multi-asset flessibile globale caratterizzato da un obiettivo di rendimento del 4% con una volatilità compresa tra il 4%-5%”, afferma Giancarlo Fonseca, head of distribution di Lombard Odier IM. Il fondo, che si è aggiudicato il rating Consistente Funds People 2018, funge da replicante di un’allocazione tradizionale sul mercato obbligazionario, cercando di costruire un portafoglio diversificato che considera il contributo al rischio di ogni singola asset class e controlla dinamicamente il rischio di drawdown su base giornaliera.

Lato azionario, l’european convinction e l’emerging high convinction sono le due strategie che rappresentano il DNA della società. La prima si focalizza sull’economia reale, in particolare sui settori legati alla crescita come i consumi, l’occupazione e la produzione. La peculiarità della strategia è che esclude dall’universo investibile i segmenti più esposti alle dinamiche macro come il settore finanziario e energetico. Il fondo LO Emerging High Conviction, che vanta del rating Consistente Funds People 2018, presenta un’esposizione al settore finanziario, ma riguarda la finanza legata al consumo come le banche private specializzate nel credito al consumo. “Il fondo gestisce attivamente il rischio valutario e utilizza il beta per proteggere il portafoglio in caso di rischio di sell-off sull’equity dei mercati emergenti. La combinazione tra accurata selezione dei titoli, copertura tattica del rischio valutario e utilizzo del beta come forma di protezione dai drawdown rendono questo prodotto non solo un unicum ma anche una strategia estremamente performante con uno sharpe ratio storicamente superiore (oltre il doppio) rispetto a quello del benchmark di riferimento”.

Dal punto di vista del posizionamento delle strategie, sottolinea Fonseca, nel 2018 Lombard Odier rimane abbastanza resiliente. “Quest’anno il tema principale è la previsione corretta dell’andamento dell’inflazione. Oltre alla strategia All Roads, european e emerging market equity, nel 2018 puntiamo sul fondo LO Global Climate Bond e sulle obbligazioni convertibili, dove abbiamo osservato un ritorno di interesse da parte degli investitori”.

Inoltre, una delle asset class più apprezzate dagli investitori italiani nel 2017 e nei primi mesi del 2018 è stata il debito emergente. Tra i prodotti di punta della casa troviamo il fondo LO Asia Value Bond, che lo scorso anno ha raddoppiato gli asset. “È un prodotto molto interessante che viene gestito in Asia. Una delle peculiarità del comparto è la qualità creditizia del debito emergente, che per il 50% è investment grade”, conclude Argenti.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente