Lo S&P 500 deve essere ripesato secondo logiche future


Ossiam è una boutique del Gruppo Natixis, specializzata nelle soluzioni sistematiche alternative. La società fa uso di stili di gestione non discrezionali attraverso analisi quantitative e fondamentali. “Nella nostra offerta abbiamo pochissimi prodotti plain vanilla, proprio perché vogliamo dare un valore aggiunto alla gestione. L’innovazione è alla base della nostra offerta”, spiega Carmine De Franco, head of Fundamental Research di Ossiam. “Per mantenere un certo grado di obiettività, coniughiamo la ricerca interna con un comitato scientifico esterno”.

Tra le soluzioni di maggior successo offerte dall’asset management, troviamo le strategie minimum variance che offrono agli investitori un'esposizione a un portafoglio diversificato con bassa volatilità nel lungo periodo. “Permette di investire sul mercato azionario tenendo sotto controllo il rischio di volatilità”, spiega l’esperto. Il portafoglio è costruito prendendo in considerazioni le volatilità ma anche le correlazioni storiche per ridurre il rischio di volatilità, evitando una concentrazione in termini di numero di titoli e di composizione settoriale.

Un’altra strategia core è la Shiller Barclays CAPE Sector Value. Si basa su un approccio value, sviluppata sulle ricerche di Barclays e del premio Nobel Robert Shiller. “Ritengo che sia una delle soluzioni più interessanti ma soprattutto unica nel suo genere. Dal 2009 ad oggi è sempre riuscita a battere lo S&P 500”. Si basa su una rotazione settoriale di tipo value e utilizza l’indicatore Relative CAPE per identificare i settori di mercato sottovalutati. La strategia permette un’esposizione ai mercati azionari sul lungo periodo con un’allocazione dinamica e sistematica ai quei settori che hanno il potenziale di apprezzamento all’interno degli indici large-cap (MSCI Europe o l’indice S&P 500).

“Il punto di forza di Ossiam è la flessibilità”, spiega Carmine De Franco. “Il fatto di essere più flessibili, ci permette di essere innovativi rispetto ai nuovi trend dell’industria, adattarci alle diverse fasi di mercato e spesso stare davanti ai big player. Questo ci permette di seguire da vicino i nostri clienti, sia istituzionali che retail (advisor) e spiegare loro in maniera puntuale le scelte d’investimento”.

Ossiam non ha al suo interno un comitato di gestione tradizionale, ma un team di ricerca quantitativa che elabora le strategie di investimento sistematiche attraverso regole di gestione e obiettivi ben definiti . “Negli ultimi 5 anni abbiamo lavorato moltissimo per lo sviluppo delle strategie ESG e low carbon. Ed ad oggi stiamo iniziando a proporre soluzioni di investimento che utilizzano l’informazione ESG attraverso tecniche proprie dell’’intelligenza artificiale e del machine learning. Naturalmente le nostre soluzioni d’investimento devono essere valutate su un orizzonte temporale di medio/lungo termine. Il periodo d’osservazione deve riguardare un ciclo economico completo, dentro il quale in genere riescono a produrre valore aggiunto per l’investitore. Proprio per questo motivo abbiamo notato un crescente interesse da parte degli investitori istituzionali che hanno scelto le soluzioni smart beta per la parte core di portafoglio”. 

“Ritengo che le strategie sistematiche debbano riuscire ad anticipare i trend del futuro: dobbiamo cominciare a spostare i capitali verso l’economia del domani. Lo stesso S&P500, così come i benchmark di mercato, devono essere ripesati secondo le logiche future”, conclude De Franco.

Professionisti
Società

Notizie correlate