Liquidità dei fondi d’investimento: alcune riflessioni importanti


La chiusura del Woodford Income Fund sta causando un ampio dibattito sulla liquidità nei fondi comuni di investimento.

L'operato di molti gestori è stato messo sotto i riflettori e gli investitori hanno cominciato a vendere le posizioni in quei prodotti considerati meno liquidi. "Anche se questa reazione è comprensibile, in alcuni casi l'alto livello di rimborsi in alcuni fondi sembra esagerato, considerando che l'esposizione dei gestori alle attività meno liquide si conosceva già a priori. Soprattutto perché uno dei compiti di un analista di fondi è valutare lo stile di investimento di un fondo e il rischio di portafoglio", ricorda Detlef Glow.

Il responsabile analisi di Refinitiv EMEA si mostra "più che convinto" che la maggior parte dei fund selector hanno dei processi di due diligence molto complessi, e quindi sanno esattamente che cosa c’è nei portafogli. Potrei metterlo in discussione per gli investitori retail e i loro consulenti, poiché spesso lavorano con elenchi di fondi raccomandati.

Tuttavia, dal loro punto di vista, il regolamento sugli Ucits è molto chiaro e offre una protezione importante agli investitori. "Fornisce un quadro giuridico entro il quale i gestori possono agire e le autorità locali dei mercati finanziari devono garantire che i fondi sotto la loro supervisione siano conformi a tali standard nel migliore interesse del risparmiatore. Ai gestori è permesso investire solo il 10% degli asset che in attività non liquide. Finché il gestore fa gli interessi degli investitori, queste esposizioni non rappresentano una minaccia ". In riferimento al caso Woodford, Glow ricorda che non è la prima volta che un fondo è stato liquidato per le partecipazioni illiquide che deteneva in portafoglio. "E, sicuramente, non sarà l'ultima", dice. “Questo però non significa che gli investitori devono andare nel panico”.

Morningstar ricorda che è stato un caso di eccessiva quantità di titoli non quotati. Così la la società di analisi, ha deciso di fare un elenco interno di prodotti che potrebbero avere avuto delle esposizioni simili al portafoglio del Woodford Income Fund. I risultati dell'analisi però risultano molto limitate e poco rappresentative. “Sì, esistono prodotti simili, ma per lo più sono senza rating", afferma Fernando Luque, redattore finanziario di Morningstar.

Secondo Glow, l'unico modo per evitare che tali situazioni si ripetano è attraverso una maggiore trasparenza e una corretta supervisione da parte delle autorità di mercato. Oltre a questo, è importante che i selezionatori di fondi e le agenzie di rating rivedano la strategia di investimento che valutano su base regolare, soprautto nel momento in cui vengono consigliate alle reti di distribuzione. 

I portfolio manager hanno la responsabilità di gestire i loro portafogli diligentemente e di tenere conto dei problemi che potrebbero derivare dalla mancanza di liquidità. Pilar Gómez Bravo, attualmente responsabile del reddito fisso europeo presso MFS IM, ha lavorato in Lehman Brothers nel 2008, ed è stata testimone in prima persona del rischio di liquidità, specialmente in periodi di stress del mercato. Ritiene che non ci sia nulla di sbagliato nell'investire in attività illiquide, ma in un fondo con liquidità giornaliera deve essere fatto in modo limitato. "Se i clienti vogliono possedere asset illiquidi, ci sono fondi chiusi che lo permettono. Ma questi clienti devono comprendere appieno i rischi che stanno assumendo e capire il funzionamento di quei veicoli che investono in attività illiquide, specialmente durante periodi di volatilità del mercato ", dice.

Secondo lei, tutto ruota intorno alla gestione del rischio-rendimento. "Come asset manager, dobbiamo continuamente chiederci quanto siamo pagati per il rischio illiquidità, in modo da essere sempre trasparenti con i nostri investitori, che per lo più si aspettano da noi liquidità giornaliera. Nel reddito fisso, negli ultimi anni c'è stato un grande volume di emissioni di debito societario e recentemente abbiamo visto quanto velocemente il mercato può cambiare e le difficoltà che questi cambiamenti portano con sé. L'esempio più recente è stato visto nel dicembre 2018. Nell'attuale contesto, disporre di un'ampia liquidità è fondamentale nei mercati del credito per poter cogliere le opportunità e non farci cogliere impreparati in questa parte finale del ciclo ", sottolinea.

Professionisti
Società

Notizie correlate