Liontrust, idee pratiche per l'investimento in fixed income


"La tempesta dei dati economici negativi è appena iniziata e il mercato obbligazionario, in particolare quello del credito, presenta opportunità molto interessanti se visto in una prospettiva di lungo periodo". Philip Milburn, partner Global Fixed Income di Liontrust, apre un appuntamento dedicato agli investitori con queste parole che vogliono prima di tutto sottolineare una convinzione condivisa con gli altri componenti del team Donald Philips, fund manager Global Fixed Income, e David Roberts, head of Global Fixed Income. Quella cioè che il comparto fixed income, a seguito dei movimenti generalizzati degli spread registrati nel corso degli ultimi due mesi necessiti oggi di essere analizzato con grande attenzione perché portatore di occasioni di investimento e punti di entrata che potrebbero normalizzarsi in un arco di tempo non così ampio.

Mean reversion

Tra le migliori idee del momento identificate da David Roberts, concentratosi in particolare sui titoli governativi, troviamo US vs UK bonds. “Osserviamo che l’obbligazionario statunitense si è dimostrato relativamente attrattivo rispetto a quello britannico, dapprima a causa di Brexit e delle azioni della Bank of England. Si nota un rafforzamento di questa opportunità di lungo periodo in seguito ai movimenti di mercato”.

Liontrust, US vs UK

Alcune opportunità sono maggiormente incentrate sul breve periodo. Tra le mosse tattiche è segnalata la combinazione di governativi tedeschi e francesi, che offre una modalità di esporsi all’opposizione tra Europa core e periferica in una modalità meno rischiosa.

Liontrust, Core Europe

Investment grade

Il modello utilizzato per la valutazione all’interno del team di gestione del Liontrust Strategic Bond Fund tiene in considerazione cinque fondamentali variabili. Protezione, intesa come stabilità prospettica di ricavi e utili, rischi, capacità di ripagare gli interessi, sostenibilità del modello di business, motivazioni che confermano l’idea di investimento. Abbvie, società farmaceutica con oltre 30.000 dipendenti nel mondo, e AT&T, compagnia di telecomunicazioni statunitense, rappresentano secondo Donald Philips esempi di come si possano rintracciare nel comparto investment grade nomi interessanti con modelli di business resilienti data l’attuale emergenza sanitaria in corso, sufficiente stabilità finanziaria per affrontare anche un periodo di crisi e emissioni obbligazionarie interessanti da un punto di vista di rendimento.

High yield

Il medesimo modello applicato al comparto ad alto rendimento, spiega Philip Milburn, indica, tra gli altri, Neptune Energy e Loxam. Entrambe operative in settori sotto pressione. La prima nell’oil&gas e la seconda nel noleggio di macchinari da costruzione, primariamente piattaforme mobili. “I rischi associati a tali aree dell’economia sono chiaramente visibili, ma allo stesso tempo l’attenta valutazione dell’azienda combinata al rendimento associato all’investimento, rendono le emissioni di queste società attrattive”.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente