Tags: Nuovi prodotti |

LGIM lancia un ETF sull’indice londinese Foxberry


Legal & General IM, in partnership con l’index provider londinese Foxberry, ha lanciato l’L&G Europe Equity (Responsible Exclusions) UCITS ETF rivolto agli investitori che cercano un approccio dinamico agli investimenti responsabili mantenendo al tempo stesso un’ampia esposizione al mercato.

Il nuovo ETF e il Foxberry Sustainability Consensus Europe Total Return Index (Sustainability Consensus Index) hanno ricevuto flussi per 200 milioni di euro da Varma, un’importante società finlandese di assicurazione delle pensioni che è stata recentemente riconosciuta conforme ai Principi per l’Investimento Responsabile dalle Nazioni Unite (PRI). Con un TER dello 0,16%, l'ETF ha un prezzo competitivo ed è quotato alla Borsa di Londra.

Il fondo utilizza una replica fisica completa per offrire agli investitori un'esposizione diretta agli asset sottostanti. L'Indice utilizza la vasta esperienza e gli apporti specialistici di un comitato consultivo per la sostenibilità ai fini della costruzione del portafoglio. Le raccomandazioni del comitato in tema di esclusioni sono attuate sistematicamente attraverso una metodologia basata su regole precise. Costituito da esperti provenienti da un vasto insieme di settori, il comitato comprende attualmente professionisti con una grande esperienza nel mondo ESG, tra cui Tomas Franzen e Gustaf Hagerud, due figure che sono state fondamentali nello stabilire il perimetro dell’investimento responsabile dei fondi pensione svedesi AP2 e AP3. Questi esperti forniscono informazioni sulla corporate responsibility e sugli investimenti ESG e si avvalgono dell'esperienza dei principali fondi pensione istituzionali.

Analizzando gli sviluppi del mercato, il comitato monitora le aziende per identificare quelle coinvolte in comportamenti irresponsabili attraverso le classificazioni tradizionali del settore. Le società vengono valutate in modo attivo in base a una serie di criteri specifici e questo approccio dinamico agli investimenti riduce al minimo l'esposizione a società che potrebbero trovarsi ad affrontare problematiche nel lungo termine, ad esempio normative più severe, boicottaggi dei consumatori o rischi ambientali. Sotto la guida del comitato, il fondo escluderà le aziende che riducono il loro livello di impegno verso i temi ESG. Al tempo stesso, prenderà in considerazione quelle società che aumentano il loro livello di responsabilità ma che potrebbero sfuggire a un’esclusione statica o settoriale. Per incoraggiare e rafforzare una cultura condivisa nella comunità degli investimenti, il comitato adotterà un approccio collaborativo che offre agli investitori e alle parti interessate la possibilità di rivedere i risultati di sintesi e contribuire con insight e suggerimenti al processo.

In qualità di asset owner responsabile, LGIM attua azioni di engagement anche nei confronti dei consigli di amministrazione delle società in cui l'ETF detiene quote azionarie con l’obiettivo di promuovere best practices. Questo engagement attivo sul fronte della corporate governance può contribuire in modo efficace a individuare tutte le società che potrebbero essere a rischio di esclusione nella ‘watch list’ del comitato.

Howie Li, head of ETFs a LGIM, ha affermato: “Abbiamo sentito spesso dai clienti che, con il crescere dell’attenzione verso gli investimenti responsabili, deve esserci anche consenso su dove allocare i capitali, ma anche dove non si dovrebbe. Nel corso degli anni abbiamo visto numerose liste di esclusione che sono state integrate nelle strategie di investimento, ma si è trattato spesso di liste statiche o limitate solo a determinati settori che a un certo momento hanno fatto propria l’attenzione ai temi della sostenibilità. Le aspettative degli investitori e la consapevolezza delle nuove problematiche sono in costante evoluzione e ciò evidenzia la necessità di integrare nell’investimento un approccio dinamico e guidato da esperti per poter meglio affrontare un panorama in evoluzione. Favorendo la collaborazione tra esperti col compito di valutare le società, le loro azioni e i comportamenti su base continuativa, questo ETF è progettato con l’obiettivo di fornire alla comunità degli investitori un approccio di esclusione dinamico e trasparente per l’investimento indicizzato basato sulla capitalizzazione di mercato, ma permette anche di offrire suggerimenti e contribuire alla thought leadership del comitato.”

Timo Sallinen, head of Listed Securities presso Varma: “Abbiamo deciso di investire in questo ETF perché abbiamo la ferma convinzione che sia necessario un approccio dinamico all’esclusione. Riteniamo inoltre che sia necessario un approccio collettivo e condiviso agli investimenti responsabili: per questo siamo entusiasti di far parte di questa iniziativa che intende creare e rafforzare il consenso verso il tema delle esclusioni di investimento. Riconosciamo che le considerazioni ESG sono importanti per molti investitori, ma alcuni non hanno risorse sufficienti per individuare in modo efficace le singole società per l'esclusione. Attraverso il Comitato per la Sostenibilità, i potenziali investitori hanno a disposizione uno strumento che permette loro di mantenere un dialogo con i suoi membri e creare consapevolezza sulle decisioni di investimento responsabili del fondo. La sostenibilità è parte integrante delle operazioni e della filosofia di investimento di Varma, quindi siamo entusiasti di questa partnership tra LGIM e Foxberry e non vediamo l’ora di assistere ai suoi prossimi sviluppi.”

 

 

Professionisti
Società

Notizie correlate

Il cuore sostenibile degli ETF

I criteri ESG non sono solo un affare per prodotti a gestione attiva. Nel 2018, in Europa, gli asset investiti in replicanti SRI sono aumentati del 45%. E gli ETF continuano a crescere in numero e patrimonio. Tratto dalla rivista numero 29 Funds People - sezione ETF.

Anterior 1 2 Siguiente