Le tre vie per la crescita dopo il Covid-19


Quando, nel dicembre 2019, i gestori dei fondi hanno lanciato le loro prospettive di mercato per il 2020, nessuno di loro immaginava che il coronavirus di cui allora si parlava in Cina si sarebbe trasformato in una pandemia globale che avrebbe causato migliaia di morti in tutto il mondo, scuotendo bruscamente i mercati e lasciando milioni di persone confinate nelle loro case, paralizzando l'economia. Oggi, a soli sette mesi di distanza, il mondo è diverso da com'era alla fine del 2019, e se allora la maggiore preoccupazione del mercato era l'effetto di una guerra commerciale, ora non esiste un elenco di rischi che non includa il coronavirus al suo vertice.

Le prospettive economiche sono fosche. Secondo il FMI, il PIL mondiale si contrarrà quest'anno del 4,9%, l'1,9% in meno rispetto alle previsioni dello scorso aprile. E la grande domanda è quanto durerà questa recessione e, soprattutto, quale forma assumerà la successiva ripresa economica: V, W, U...

Alla caduta dell'economia si aggiunge il declino dei mercati, che nonostante la ripresa registrata nel secondo trimestre, stanno affrontando questa seconda metà del 2020 con perdite accumulate nell'anno e una lunga lista di incertezze all'orizzonte: elezioni negli Stati Uniti, evoluzione della pandemia, rischi politici...

Il settore dell'asset management non fa eccezione in questo clima di incertezza generalizzata. Anche se a differenza di altre crisi, in questa non si è avuta una così accentuata fuga dagli investitori, hanno comunque notato gli effetti del calo dei mercati sul numero di asset in gestione. Oliver Wyman e Morgan Stanley hanno cercato di proiettare nel loro rapporto “After the Storm”, che può essere consultato qui, quella caduta vista nei primi mesi dell'anno nell'andamento del patrimonio gestito nei prossimi cinque anni. "Le attività in gestione sono cresciute del 7% annuo nei mercati sviluppati negli ultimi cinque anni prima di COVID-19, ci aspettiamo una crescita lenta del 3-4% annuo in questi mercati dal 2019 al 24", dicono. Questo in media, perché per regione, vedono il maggior potenziale di crescita ancora nei mercati emergenti con la Cina come attore principale, mentre nell'Europa occidentale e in Giappone ne vedono meno.

grafico_1

Fonte: Oliver Wyman Wealth Management Model

Tuttavia, nonostante i tagli alle previsioni, sottolineano che il settore è ancora molto attraente, anche se ciò implica un maggiore sforzo da parte dei team di gestione in diversi settori. E qui dà tre linee guida che possono guidare la crescita.

1) Adattarsi alla nuova normalità con una nuova fornitura di consulenza. Modelli e casi d'uso digitali. Un compito che esisteva già prima del coronavirus ma che si accentua nel dopo, con l'aumentare della digitalizzazione. "Devono progettare il modello di consulenza del futuro, che dovrà essere omni-canale", dicono. Infatti, stimano che entro il 2024 solo il 20% delle relazioni con i clienti coinvolgeranno, oltre alle interazioni con le app, anche le relazioni faccia a faccia.

figura_2

Fonte: Oliver Wyman analysis 

2) Difendere il business trovando una leva operativa attraverso il miglioramento dei costi. "Stimiamo che il settore possa ridurre gli indici medi di ricavi e spese fino a 12 punti percentuali, attraverso una combinazione di efficienza mirata e di opportunità di crescita dei ricavi direttamente correlate", affermano.

3) Consolidare il posizionamento sul mercato e concentrarsi sulle strategie di crescita. In questo caso, guardano principalmente alle traiettorie di crescita, uno più organico che si concentra sull'investimento in prodotti che soddisfano le esigenze degli investitori, e un altro più inorganico attraverso alleanze o operazioni societarie.

Rispetto alla prima, spiccano soprattutto quattro aree di crescita: gli investimenti con criteri di sostenibilità, quelli effettuati sui mercati privati (si stima che nel 2024 i grandi investitori investiranno 24 miliardi di dollari in questo tipo di asset, contro gli attuali 16 miliardi di dollari), i prodotti focalizzati soprattutto sulle compagnie di assicurazione che tutelano il capitale, cosa sempre più complicata in tempi di tassi allo 0%. Per quanto riguarda la crescita inorganica, è chiaro quali mercati vedranno le maggiori operazioni societarie. "Alcuni mercati, come gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Svizzera, sono i più maturi per il consolidamento e ci aspettiamo di vedere un'attività continuativa nei prossimi anni", concludono.

Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente