Le reazioni della sanità statunitense al Covid-19 e l’impatto sugli investimenti


Contributo a cura di Rich Carney, Research Analyst Health Care sector di Janus Henderson Investors. Contenuto sponsorizzato.

Per parlare degli aspetti scientifici e le implicazioni per gli investimenti del COVID- 19, bisogna concentrarsi prima sull'impatto del virus negli Stati Uniti ed esplorarne gli sviluppi. In particolare vedremo come il sistema sanitario del Paese ha reagito alla crisi, il ruolo dei finanziamenti federali e privati e il motivo per cui alcuni trend emergenti nel settore, come la telemedicina, evidenzieranno probabilmente un'accelerazione negli USA dopo la pandemia. Dall'inizio della crisi causata dal COVID abbiamo osservato una reazione molto rapida del governo per lo stanziamento dei fondi necessari al sistema ospedaliero.

Nella prima tranche del CARES Act (Coronavirus Aid, Relief and Economic Security Act, promulgato per affrontare le conseguenze economiche della pandemia di COVID-19 negli Stati Uniti ) agli ospedali sono stati destinati 100 miliardi di dollari di finanziamenti. Circa 70 miliardi di dollari sono già stati stanziati in base alla quota di mercato degli ospedali e sono stati approvati anche fondi di emergenza per alcuni ospedali in zone più rurali e per alcuni dei focolai dell'epidemia di COVID. Inoltre il Center for Medicaid and Medicare Services ha anticipato pagamenti per circa 30 miliardi di dollari, il che ha contribuito ad alleviare il fabbisogno di liquidità. Nel complesso il sistema sanitario statunitense sembra poggiare su basi solide e sarà pronto alla riapertura.

L'ascesa delle prestazioni sanitarie a distanza e l'evoluzione della loro struttura

Alcuni trend emergenti e in crescita in determinate aree evidenzieranno un'accelerazione. L'esempio principale è la medicina a distanza, la telemedicina. In secondo luogo, il sistema sanitario ha dovuto affrontare alcuni problemi causati dal COVID, vi sono potenziali timori per le catene produttive del settore farmaceutico, l'accesso alle materie prime per produrre medicinali e forniture essenziali come maschere, ventilatori e le relative componenti.

La telemedicina aveva già iniziato a diffondersi. Più di 100 milioni di persone in America hanno già accesso a una piattaforma di telemedicina tramite il loro datore di lavoro o il loro programma sanitario. Durante questa crisi in alcuni casi abbiamo osservato una crescita di oltre il 100% su base mensile da aprile rispetto a febbraio, dal momento che le persone non potevano recarsi fisicamente negli ambulatori. In un recente sondaggio almeno il 70% dei partecipanti si è detto disposto a utilizzarla nuovamente. Quindi credo che si diffonderà maggiormente e che sia una soluzione migliore per il sistema sanitario, perché i pazienti la trovano più comoda ed economica. Ed è altrettanto efficace per gli operatori sanitari, perché permette loro di guadagnare tempo e di effettuare il triage dei pazienti in modo più efficace. Inoltre, riduce i costi anche per il sistema.

Per quanto riguarda il secondo aspetto, dovremo esaminare più accuratamente l'origine delle materie prime per le forniture. Credo che l'informatica sanitaria sia destinata a svolgere un ruolo importante in questo processo. Dobbiamo analizzare in modo più approfondito la catena produttiva e capire quali sono i suoi punti deboli, e penso che osserveremo un aumento della spesa per l'informatica sanitaria da parte di ospedali e fornitori di servizi sanitari. Ma direi che il sistema sanitario ha conseguito buoni risultati in quest'ambito durante la crisi causata dal COVID-19. La società farmaceutiche si sono affrettate a cercare terapie e vaccini, e le compagnie di assicurazione rinunciano ai pagamenti e alle commissioni per i consumatori, abbiamo assistito all'ascesa della telemedicina, che è un'ottima cosa. E la reazione del sistema ospedaliero è stata assolutamente senza precedenti, gli operatori sanitari sono stati i veri eroi in questa situazione. Credo quindi che il ruolo dell'innovazione sarà l'aspetto più importante in futuro e che il settore privato abbia affrontato molto bene questa crisi. Voglio pensare che in futuro il dibattito si concentrerà sulle partnership pubblico-privato, e a mio avviso in tutto ciò il settore privato può svolgere un ruolo di primo piano.

Opportunità nel settore sanitario

Nelle aree dei farmaci e delle apparecchiature mediche, ricerchiamo imprese che individuano soluzioni per patologie per cui non esiste ancora una cura. Nel settore dei servizi ci interessano le società che stanno migliorando il sistema. Ci chiediamo se lo rendono valido per i medici, per i pazienti e per i soggetti pagatori. Se la risposta è affermativa e la società sta cercando di trovare una soluzione per rendere più efficiente il sistema, allora è quello che cerchiamo. In generale è su questo che i gestori di Janus Henderson concentrano i loro sforzi nel settore dei servizi.

Per maggiori informazioni su Janus Henderson Investors clicca qui

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente