Le grandi scommesse di MiFID II


MiFID II ha ampliato la portata della direttiva originale MiFID I, introducendo diverse novità nel mercato finanziario europeo, nell’intento di assicurare la più ampia tutela per clienti e investitori in un’ottica di maggiore precisione e trasparenza. Oggi, infatti, grazie a regole più stringenti vengono definiti in modo ancor più chiaro e preciso i veicoli tramite i quali trasferire questa maggior trasparenza e attraverso cui l’investitore può effettivamente capire quali sono i costi relativi al prodotto e qual è il valore aggiunto che riceve. Con l’ingresso della nuova normativa, le piattaforme fondi hanno arricchito la propria offerta, includendo ad esempio servizi di fornitura dati (EMT – European MiFID Template, contenente le informazioni di target market e cost and charges) e anche servizi di reportistica ex-ante ed ex-post per supportare i distributori nella raccolta, elaborazione e messa a disposizione delle informazioni. Allfunds ha sviluppato soluzioni e tecnologie apposite per offrire ai clienti un sistema di controllo, di verifica e di gestione delle informazioni. Inoltre, ha elaborato un vero e proprio catalogo per l’analisi approfondita delle diverse share-class che abbraccia tutti i prodotti presenti sulla sua piattaforma.

Anche sul fronte dei rebates, Allfunds offre soluzioni pratiche - quali ad esempio i supporti per il calcolo delle retrocessioni a livello dell’investitore finale - in linea con il nuovo quadro normativo che punta a garantire maggior trasparenza anche sotto questo profilo. 

Indubbiamente, MiFID II comporterà elevati costi di implementazione per il mondo della distribuzione. Ciò, per piattaforme come Allfunds, costituisce una grande opportunità in quanto supportano i distributori nell’incrementare il livello di servizio per l’investitore finale, apportando efficienza e controllo del rischio.  

Notizie correlate