L'ottimismo sul vaccino contro COVID-19 può cambiare la narrazione dei mercati?


In uno studio scientifico pubblicato un anno e mezzo fa su FundsPeople da Marius Kleinheyer e Thomas Mayer, professori del Flossbach von Storch Research Institute, è stata presentata una nuova teoria accademica per spiegare il comportamento degli attivi finanziari: l'ipotesi dei mercati scopritori dei prezzi. Secondo il loro lavoro, che comprendeva casi di studio di eventi verificatisi a sostegno della loro teoria, i partecipanti al mercato comunicano tra loro sotto forma di narrazioni per migliorare la loro comprensione delle informazioni prima di agire. Pertanto, i prezzi di mercato sarebbero determinati dall'interpretazione soggettiva degli eventi che si verificano e dalle informazioni condivise.

Per capire come le nuove narrazioni sostituiscono quelle esistenti, si utilizza la teoria delle rivoluzioni scientifiche. Le narrazioni vincenti modellano i prezzi di mercato, fino a quando la loro vittoria non viene confermata o invertita dai fatti, e sostituita da nuove narrazioni. La sua ipotesi è che gli operatori di mercato hanno sempre tutte le informazioni necessarie per concordare un prezzo di compensazione di mercato, quindi i prezzi cambiano solo quando ricevono nuove informazioni. O, in altre parole, quando una nuova narrazione inizia a sostituire quella vecchia.

Gestori affermati confermano questa teoria. "Nei mercati azionari, le narrazioni, cioè le storie che influenzano la percezione, determinano sempre più la direzione dei prezzi. Il vantaggio di una narrazione è che, di una moltitudine di fattori di influenza, si concentra su quelli considerati particolarmente rilevanti per l'andamento di un titolo. Questo rende la decisione di investimento molto meno complicata", afferma Klaus Kaldemorgen, gestore di DWS. A suo avviso, lo svantaggio di una narrazione è che dopo un po' diventa un credo, che non viene più messo in discussione, poiché l'andamento dei prezzi è una prova sufficiente della sua coerenza.

Nell'era del COVID-19 si è aperto un enorme divario tra le aziende che già disponevano di forti capacità di e-commerce internazionale e quelle che non erano in grado di condurre il loro business online in modo agile.

"Anche se il 2020 è stato senza dubbio l'anno più difficile che abbia mai vissuto in tutta la mia carriera professionale nel mondo degli investimenti, è stato anche uno degli anni migliori per le grandi multinazionali con modelli di business digitali efficienti, poiché, in molti casi, la loro crescita è salita alle stelle durante la crisi. È il caso di Amazon, Alphabet, Facebook e Netflix, ma anche di società di pagamento online come PayPal, fornitori di servizi di cloud computing come Microsoft e produttori di chip come Taiwan Semiconductor", afferma Jody Jonsson, international equity manager di Capital Group.

Cambiare la narrazione: revisione del portafoglio

Ma le narrazioni cambiano. E un buon esempio di come una sostituisce l'altra lo potremmo osservare proprio in questo momento. "La narrazione positiva nel contesto della pandemia da coronavirus di oggi è quella di attribuire un alto potenziale di crescita a tutto ciò che è digitale e offre modi per prendere le distanze dagli altri. L'attuale narrazione negativa, invece, è che le compagnie petrolifere sono i più grandi inquinatori del pianeta, e nessuno vuole sporcarsi le dita", dice Kaldemorgen. In questo contesto, non sorprende che nove delle dieci maggiori aziende del mondo si trovino ora nel digitale, mentre molte compagnie petrolifere operano al di sotto del loro valore di liquidazione.

Tuttavia, tutta questa narrazione che è andata a beneficio di queste aziende potrebbe cambiare da un giorno all'altro. L'annuncio di Pfizer di avere già un vaccino contro il coronavirus efficace al 90% ha innescato la quotazione in borsa di quelle aziende che erano state maggiormente punite in borsa per un business più strettamente legato al contatto sociale e penalizzato quelle aziende che avevano beneficiato dell'allontanamento sociale che la pandemia sta costringendo. "Se ipotizziamo che la crisi del coronavirus finisca rapidamente con un vaccino, il ritorno alla vecchia normalità invece della continuazione della nuova normalità sarebbe allora una narrazione che divenire popolare", riconosce il manager tedesco.

Questo costringe gli investitori a porsi alcune domande sul posizionamento dei loro portafogli. "Il COVID-19 ha causato una grande dispersione nei mercati. Sappiamo chi sono stati i vincitori e i perdenti. Tutto ciò che riguarda la tecnologia e il commercio online è stato rafforzato, mentre le aziende più strettamente legate ai contatti sociali ne hanno risentito. Attenzione a mantenere un portafoglio troppo ristretto su temi che hanno funzionato bene. La narrazione potrebbe cambiare da un giorno all'altro sia a livello settoriale, geografico che di stile", dice Karen Ward, Chief Market Strategist EMEA di J.P. Morgan AM

Per ora, l'esperto ritiene che lo scenario di base sia benigno, ma anche che i rischi di coda siano aumentati. E, con la forte crescita registrata questa settimana dalle aziende che hanno visto il loro business più colpito dalle devastazioni della pandemia, i mercati potrebbero inviare i primi segnali che la narrazione potrebbe iniziare a cambiare. Come indica Luca Paolini, Chief Strategist di Pictet AM, "la reazione alla notizia del vaccino è stata un po' estrema", ma semplicemente la possibilità che questo sia l'inizio di una nuova storia, che sta lentamente prendendo piede, sta costringendo gli investitori a fermarsi a riflettere. "A breve termine, avere un portafoglio equilibrato è fondamentale. Attenzione agli squilibri", avverte Ward.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente