La pandemia è un catalizzatore di disruption di lungo termine


Contributo a cura di Wesley Lebeau, Thematic Equity portfolio manager di CPR AM, Amundi. Contenuto sponsorizzato.

Senza aver avuto il tempo di riorientare la bussola, il mondo intero ha dovuto ripensare alla sua routine quotidiana con un unico orizzonte spazio-temporale: il qui e ora. Una vita da remoto, vissuta indirettamente attraverso gli schermi, che sono appesi a un filo, quello di internet. I prezzi del petrolio sono diminuiti e i servizi di videoconferenza hanno registrato un'esplosione della domanda. La rete Wi-Fi è diventata il carburante che ci spinge.

Investire oggi nel mondo di domani è stato il biglietto da visita della nostra strategia Global Disruptive Opportunities sin dal suo lancio nel 2016, cercando di sfruttare le opportunità a lungo termine create dalle aziende che rompono l'ordine stabilito e pensano ad altri modi di operare. In poche settimane l'innovazione ha accelerato il ritmo. Nuovi modi di fare le cose nella telemedicina, nell'apprendimento a distanza, nell'home entertainment e in altri settori, diventando la nuova normalità destinata a durare nel tempo. Le previsioni di lungo periodo si sono spostate nel presente.

Portafoglio in confinamento: i rendimenti dell'economia domestica

Dopo un periodo in cui la principale domanda degli operatori di mercato era in che misura il portafoglio fosse “infetto”, ne è emersa una nuova, ora ciò che si chiedono è: come può trarre vantaggio il portafoglio da questa pandemia? In questo senso, l’economia domestica sta creando una nuova domanda riconducibile a necessità lavorative, di cura della persona, di learning e di giochi in casa; e così abbiamo continuato ad aumentare la nostra esposizione al tema legato alla casa in aree che crediamo porteranno a un cambiamento sociale permanente, come il segmento del telelavoro (centri dati, sicurezza informatica e infrastrutture di comunicazione).

Picture3

Fonte: CPR AM

In quest'ottica, abbiamo rafforzato il portafoglio investendo in una nuova società nell'area dell'apprendimento a distanza e abbiamo aumentato significativamente l'esposizione al tema Fintech, soprattutto nell'area dei pagamenti, che aveva subito un calo a causa della riduzione dei volumi di transazioni legata alle misure di contenimento. I consumatori stanno ora evitando di pagare in contanti, preferendo l’uso del pagamento digitale e senza contatto fisico. Questo sosterrà un aumento del volume delle transazioni nei prossimi mesi. Infine, abbiamo tratto alcuni vantaggi nel settore dei giochi domestici (intrattenimento, videogiochi), che si è dimostrato piuttosto resiliente.

Prima, durante e dopo il confinamento: perché investire nella disruption

La nostra strategia Global Disruptive Opportunities ha creato valore in diversi cicli di mercato. E la forza del processo è stata dimostrata anche nel primo trimestre del 2020, in un contesto di forti correzioni e volatilità. Nelle ultime settimane si sono presentate alcune opportunità di riallocazione del portafoglio a favore di trend in accelerazione e di selezione di nuove aziende. Il momentum favorisce ancora la strategia.

Gli shock e le recessioni accelerano il cambiamento e spesso creano dei punti di svolta dei trend o spingono i trend esistenti. Le strategie basate sulla disruption saranno le principali beneficiarie; ci sono aziende che sono ben capitalizzate e che hanno modelli di business o capacità tecnologiche che permetteranno loro di trarre vantaggio dai segmenti più disruptive e dai cambiamenti comportamentali per consolidare o accrescere la propria quota di mercato. Aziende di questo tipo dovrebbero uscire meglio dopo uno shock rispetto alla situazione preesistente.

Un approccio diversificato per navigare controcorrente

CPR Invest-Global Disruptive Opportunities offre un unico punto di accesso a circa 30 sotto-temi disruptive raggruppati in quattro dimensioni: economia digitale, salute e biologia, industria 4.0 e terra. Questo approccio unico, in grado di catturare i segmenti di mercato dirompenti, si adatta perfettamente al contesto attuale. La diversificazione conseguita attraverso diversi profili di disruption, da attori puramente disruptive ad aziende affermate che si adattano con successo al cambiamento, ha l'obiettivo di ottenere un profilo di rischio-rendimento equilibrato1, per resistere alle diverse condizioni di mercato e di fornire molteplici fonti di potenziale alfa. Il nostro approccio offre un'esposizione globale all'ecosistema della disruption, offrendo la possibilità di investire e di beneficiare di tutte le tendenze che creano opportunità uniche.

Il comparto presenta dei rischi. Il suo livello di rischio riflette il tema d'investimento in titoli azionari internazionali

Messaggio pubblicitario con finalità promozionali.

Il presente documento contiene informazioni inerenti a CPR Invest - Global Disruptive Opportunities (di seguito il “Fondo”), un comparto della SICAV CPR Invest, autorizzato in Lussemburgo, sottoposto alla vigilanza della Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF) ed offerto in Italia in conformità alle applicabili disposizioni tempo per tempo vigenti. Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono offerta al pubblico di strumenti finanziari né una raccomandazione riguardante strumenti finanziari. Si raccomanda ai potenziali investitori di consultare un consulente finanziario al fine di esaminare se i rischi annessi all’investimento siano appropriati alla propria situazione. Il Fondo è gestito da CPR Asset Management, una società del gruppo Amundi, autorizzata in Francia e regolamentata dall’Autorité des Marchés Financiers (AMF). Prima dell’adesione leggere il KIID, che il proponente l’investimento deve consegnare prima della sottoscrizione, e il Prospetto che, unitamente alle ultime relazioni annuali e semestrali, è disponibile gratuitamente e su richiesta scritta presso l’indirizzo postale di CPR Asset Management - 90 boulevard Pasteur, CS 61595, 75730 Paris Cedex 15 - Francia, oppure su www.cpr-am.com e www.amundi.it. Il Fondo non offre una garanzia di rendimento positivo o di restituzione del capitale iniziale. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il presente documento non è rivolto ai cittadini o residenti degli Stati Uniti d’America o a qualsiasi “U.S. Person” come definita nel SEC Regulation S ai sensi del US Securities Act of 1933, nell’avviso legale riportato sui siti web www.cpr-am.com e www.amundi.it e/o nel Prospetto. Le informazioni contenute nel presente documento sono aggiornate a maggio 2020.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente