La Fed taglia ancora, le prime reazioni degli asset manager


Jerome Powell opera il secondo taglio nel periodo estivo, abbassando i tassi di interesse di altri 25 punti base e fissando il range tra 1,75% e 2%. Una decisione presa a maggioranza dal comitato di politica monetaria, in cui tre membri hanno espresso parere contrario alla misura. Il Presidente Powell si è inoltre dichiarato pronto ad intervenire nuovamente in caso di ulteriore “indebolimento” delle condizioni economiche. Un terzo taglio potrebbe quindi arrivare entro fine anno anche se Powell ha tenuto a sottolineare la continuità nella dipendenza dai dati per quanto riguarda le decisioni della Banca Centrale.

“Ieri il FOMC ha dato agli investitori quello che si aspettavano”, commenta Ronald Temple, managing director & head of US Equities & co-head of Multi-Asset Investing di Lazard Asset Management. “In attesa del 30 ottobre, è bene ignorare il dot-plot e concentrarsi su ciò che conta di più per la politica monetaria: gli sviluppi sul commercio tra USA e Cina, Brexit e resilienza dei consumatori americani sullo sfondo del rallentamento della crescita globale”, sintetizza.

I mercati nell’immediato

“La reazione è stata piuttosto moderata”, analizza Sandrine Perret, senior economist di Vontobel Asset Management, con le azioni che inizialmente si sono svincolate, ma che sono rimaste sostanzialmente invariate nel corso della giornata, e la volatilità implicita è diminuita”. “I rendimenti del Tesoro a 10 anni sono saliti di 5 punti base all'1,8%, poi si sono stabilizzati intorno a questo livello. La curva dei rendimenti 2-10 anni si è appiattita a 3 punti base, rimanendo in territorio positivo, mentre il dollaro ha guadagnato sulla decisione, ma solo marginalmente, in crescita di mezzo punto percentuale”.

E ora?

“Le nostre previsioni economiche”, rivela Perret, “prevedono un graduale declino della crescita degli Stati Uniti fino alla fine dell'anno e un rimbalzo dal primo trimestre in poi, prospettive incerte sulla crescita globale e sul commercio, e un'inflazione inferiore all'obiettivo per i prossimi mesi”. “Manteniamo quindi invariate le nostre aspettative di un'ulteriore riduzione del tasso di 25 pb alla riunione di ottobre, e i tassi rimarranno in sospeso il prossimo anno”, prosegue.

Asset allocation

“Con i tassi in aumento dall'inizio del mese, questo meeting ha portato ulteriori prove di una pausa di metà ciclo: la Fed non si aspetta una recessione nel prossimo futuro, pur riconoscendo i maggiori rischi geopolitici”, dichiara Florian Ielpo, head of Macroeconomic Research di Unigestion. “Per il momento”, conclude, “l'inflazione non si trova da nessuna parte, ma la Fed rimane fiduciosa della futura normalizzazione dei tassi”.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Mala tempora currunt

Michele De Michelis, responsabile investimenti di Frame Asset Management, ritiene sia fondamentale continuare a rimanere investiti nell'equity abbinandovi sempre protezioni in grado di tenerci a galla qualora arrivassero ondate ben più alte di quelle che abbiamo visto finora.