Fed: tassi invariati fino al 2022. L'analisi degli asset manager internazionali


“Non stiamo pensando di alzare i tassi. Non stiamo neanche pensando a pensare di alzare i tassi”. Il messaggio di Jerome Powell durante l'ultima riunione della Federal Reserve non potrebbe essere più chiaro: la politica monetaria negli Stati Uniti rimarrà molto accomodante per un bel po' di tempo. E ciò si riflette anche nel famoso dot plot (grafico a punti) che mostra che nessun membro della Fed voterebbe per un aumento dei tassi di interesse fino al 2022.

Il meeting di questa settimana è stato di poca azione ma comunque importante per il segnale di sostegno dato ai mercati. "Cercavamo assicurazioni sulla volontà di continuare a fornire un sostegno straordinario all'economia e un'idea di quanto a lungo i tassi rimarranno nell'intervallo target 0-0,25%. E questo è quello che abbiamo avuto", riassume Jim Leaviss, direttore degli investimenti del team di M&G a reddito fisso.

Per Rick Rieder, direttore degli investimenti globali a reddito fisso di BlackRock, il cambiamento più degno di nota nel discorso di Powell è stato l'inserimento della dichiarazione secondo cui "nei prossimi mesi la Federal Reserve aumenterà le proprie partecipazioni in titoli del Tesoro e titoli garantiti da ipoteca delle agenzie almeno al ritmo attuale per mantenere un mercato ben funzionante, incoraggiando così un'efficace trasmissione della politica monetaria a condizioni finanziarie più ampie". E Rieder sottolinea la sfumatura di "almeno al ritmo attuale".

Non c'è stata praticamente nessuna reazione del mercato. Il punto in cui si è potuto rilevare l'impatto maggiore sono le valute. "Bloccate la partecipazione alla tendenza al rialzo del dollaro USA perché è finita", dice Jack McIntyre, manager di Brandywine Global, una consociata di Legg Mason. Secondo lui, la grande lettura dell’appuntamento di giugno è che il dollaro non avrà alcun sostegno almeno nei prossimi anni, poiché lo slogan che i tassi resteranno bassi più a lungo è radicato nella psiche della Fed. "È giunto il momento per gli asset non in dollari di recuperare il forte rimbalzo del mercato degli asset statunitensi", afferma.

La Fed ha anche aggiornato le sue previsioni macroeconomiche. Si prevede una contrazione dell'economia statunitense del 6,5% nel 2020, seguita da un rimbalzo del 5% nel 2021 e del 3,5% nel 2022. L'inflazione, tuttavia, rimarrà tiepida, al di sotto del suo obiettivo fino alla fine del 2022. Questa è, secondo Charles Diebel, responsabile del reddito fisso di Mediolanum International Funds, una valutazione moderata del rischio e della situazione economica attuale. "Non è sembrato di certo che dalla Fed prevedano un recupero a forma di V, anche se si aspettano un miglioramento materiale rispetto ai livelli attuali nella seconda metà dell’anno”.

Per quanto riguarda la disoccupazione, un dato su cui i mercati pongono particolare attenzione, si stima che chiuderà l'anno al 9,3% per poi scendere al 5,5% entro la fine del 2022. Ed ecco un aspetto interessante da analizzare, secondo Anna Stupnytska, responsabile dell'area Global Macroeconomics and Investment Strategy di Fidelity: il fatto che il tasso di disoccupazione di lungo periodo rimanga al 4,1%, suggerisce che non si prevedono danni permanenti sul mercato del lavoro, almeno in questo momento. Detto questo, la visione dell'occupazione a breve termine è piuttosto grigia. E, come sottolinea Sebastien Galy, responsabile della strategia macroeconomica di Nordea AM, la Grande crisi finanziaria ha dimostrato che il mercato del lavoro può migliorare più lentamente di quanto suggerito dalla Fed.

Anche Philippe Waechter, responsabile della ricerca economica di Ostrum AM (Natixis IM), invita a soffermarsi sulle previsioni sulla disoccupazione: "La differenza nelle previsioni tra i membri dell'FOMC è sorprendente. Qui non c'è unanimità. Nel 2021, il PIL potrebbe contrarsi del -1% secondo un membro o crescere del 7% secondo un altro. Il tasso di disoccupazione potrebbe salire al 4,5% o al 12%. Il modello di recupero non è chiaramente uniforme in tutta la Federal Reserve. Per questo motivo prevede che la lettura del verbale sarà utile sia per la giustificazione delle diverse previsioni, sia per la giustificazione di tassi stabili per il 2022, se la crescita inizierà a riprendersi.

I dati sul lavoro saranno un indicatore da monitorare. Lo stesso Powell ha insistito nel suo discorso per tenere la porta aperta per ulteriori stimoli, se necessario. Per Christian Scherrmann, economista statunitense del DWS, la Federal Reserve è a metà strada tra la modalità di crisi e quella di sostegno di una ripresa nascente. "Tuttavia, le incertezze rimangono alte e le prospettive suggeriscono una strada lunga e rocciosa. Ciò si riflette nel fatto che l'orientamento sul ritmo degli acquisti di QE è stato ridotto al ritmo attuale piuttosto che essere limitato da un programma mensile.

E quali potrebbero essere questi nuovi stimoli? Sia Scherrmann che Stupnytska e Leaviss si aspettano che la Fed metta in atto una sorta di controllo della curva dei tassi. Di questo si è già parlato durante l'incontro. Inoltre, per l'esperta di Fidelity verrà introdotto un quadro orientativo basato sui risultati durante la riunione di settembre.

Galy nota anche che Powell sta cercando il sostegno del Governo degli Stati Uniti. "Sospettiamo che vogliano vedere la Casa Bianca approvare un altro pacchetto fiscale, in quanto i tassi negativi e il monitoraggio delle prestazioni aiuterebbero in modo significativo l'emissione e la narrazione del presidente", analizza l'esperto della Nordea AM. BlackRock è di un'opinione simile: “è chiaro che il presidente della Fed ritiene che un maggiore aiuto da parte delle autorità fiscali aiuterebbe molto l'economia, e che la politica monetaria da sola non è sufficiente", dice Rieder.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 4 Siguiente