La Fed compra titoli del debito corporate, quali le conseguenze?


Misure senza precedenti per una crisi senza precedenti. Chi tre mesi fa pensava che le banche centrali avessero esaurito gli strumenti per agire ha avuto un brusco risveglio. Con una nuova mossa a sorpresa, la Federal Reserve ha annunciato che avrebbe dato sostegno monetario al mercato per le emissioni di debito aziendale ad alto rendimento, compreso l'acquisto di ETF in questo segmento. Secondo Oliver Blackbourn, manager del team multi-asset di Janus Henderson Investors, questo stabilisce un nuovo punto di riferimento per il livello di rischio che la Fed è disposta ad assumersi. Per manager come Paul Benson, responsabile di Efficient Beta Fixed Income di Mellon (parte di BNY Mellon IM), è un chiaro segno che la Fed farà tutto il necessario per stabilizzare il mercato.

La decisione di entrare nel segmento ad alto rendimento arriva settimane dopo aver fatto il primo passo in quello aziendale. Il 23 marzo ha varcato il divieto di acquistare i titoli del credito, ma finora si è limitata alle obbligazioni investment grade. Il punto chiave di questa misura è che gli acquisti sono limitati alle emissioni ad alto rendimento che avevano un rating investment grade prima del 22 marzo. Vale a dire, una protezione per i ‘fallen angels’, aziende il cui rating scende di un gradino, diventando i cosiddetti junk bond. Secondo Benson, l'istituto monetario è preoccupato per la capacità degli emittenti di finanziarsi nei prossimi mesi a causa della Covid-19, in quanto i loro profitti sono in calo.

Il piano di liquidità, il Primary e Secondary Market Corporate Credit Facilities (P/SMCCF) prevedono un'iniezione di 500 miliardi e di 250 miliardi di dollari statunitense rispettivamente. Il programma durerà fino al 30 settembre, ma può essere prorogato. I fondi possono essere utilizzati per l'acquisto di debiti prevalentemente statunitensi, escluse le banche, e nella parte anteriore della curva (con limite di emissione a 4 anni per il mercato primario e a 5 anni per il mercato secondario). Secondo le parole di Clint Comeaux, gestore di fondi presso la Muzinich & Co. è più un tappo che un fattore in grado di invertire la tendenza negativa. "Il suo scopo è quello di costruire le basi per il finanziamento obbligazionario", spiega.

L’interpretazione

Questo il messaggio da tenere in conto: non è un acquisto indiscriminato, ma un sostegno agli angeli caduti dopo una crisi esogena. David Oliphant, direttore esecutivo degli investimenti a reddito fisso di Columbia Threadneedle, fornisce tre letture per l’intervento della Federal Reserve:

- Il raggio d'azione: è rivolto all'estremità corta della curva, la parte che più soffriva di illiquidità e sotto stress.

- La scala: è un acquisto significativo in termini di dimensioni.

- Il tempo di risposta: veloce.

Kevin Thozet, membro del comitato di investimento strategico di Carmignac, sottolinea due sfumature essenziali. Primo, che si tratta di una linea temporale per sostenere i mercati del credito. "La logica della Fed dietro il suo programma è principalmente quella di salvare le aziende e non di sostenere la crescita in sé", insiste. Ciò è illustrato in particolare dalla struttura del programma, che concentra due terzi degli acquisti obbligazionari sul mercato primario e un terzo degli acquisti obbligazionari per il mercato secondario (questo in confronto con la BCE che acquista effettivamente il 20% nei mercati primari e l'80% nei mercati secondari nell'ambito del programma CSPP). Analogamente, la durata del programma è prevista per un periodo di tempo relativamente breve (fino alla fine di settembre).

Secondo, che le banche centrali sono pienamente compromesse. "In realtà, tali decisioni sembrano aver ampiamente sorpreso i mercati (come dimostra la forte azione dei prezzi sui mercati del credito dopo l'annuncio, con spread ad alto rendimento che hanno goduto di uno dei loro giorni migliori da venti anni o più)", afferma Thozet.

L'impatto, in cifre

Il volume degli angeli caduti, come stimato da Pictet, potrebbe ammontare a 496 miliardi di dollari, il 7,4% dell'indice di investment grade dell'ICE BofAML US IG (il picco nel 2008 è stato del 6,8%) e 74 miliardi di euro, il 3% dell'ICE BofAML euro IG. "La percentuale di angeli caduti nell'indice del debito ad alto rendimento degli Stati Uniti può raggiungere il 40% dello stesso rispetto al 30% durante le crisi economiche del passato", dicono.

Ma bisogna tener conto del fatto che la misura non fermerà l'ondata di inadempienze che aumenteranno nello segmento ad alto rendimento che diversi gestori, come quelli di Invesco, si impegnano a segnalare. Né implica che la Fed stia acquistando emissioni da imprese con scarsa qualità creditizia. "Raggiunge la Ford Motor Co. ma non la Occidental Petroleum Corp", sottolinea Pictet. Per quanto riguarda gli acquisti di ETF, si tratta anche di una misura di stabilizzazione in quanto non può acquisire quelli che commerciano a premio al suo NAV ed è limitata al 20% dell'ETF. Quindi, secondo le stime di Comeaux, la Fed sarà in grado di acquistare solo l'1% del mercato statunitense ad alto rendimento, date le dimensioni degli ETF ammissibili.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 4 Siguiente