La curva di Phillips è la chiave per guidare le politiche monetarie?


Il discorso di Jerome Powell al tradizionale incontro annuale dei banchieri centrali a Jackson Hole, quest'anno organizzato per via telematica, ha segnato una svolta nella politica monetaria della Fed. La priorità ora è l'occupazione a fronte di un'inflazione che da tempo non raggiunge il suo obiettivo del 2%. A questo proposito, Powell ha spiegato che cercherà di raggiungere un'inflazione media del 2% a lungo termine, in modo da poter vedere periodi in cui l'inflazione è tollerata al di sopra del 2% per compensare quelli in cui è stata inferiore. "Ciò significa che i tassi rimarranno bassi più a lungo", spiega Chris Iggo, responsabile degli investimenti di AXA IM.

Powell ha basato questo cambiamento sulla "debole risposta dell'inflazione alla rigidità del mercato del lavoro". La sua rappresentazione grafica è l'appiattimento della curva di Phillips - che ha anche menzionato nel discorso - che ha contribuito alla bassa inflazione. Aggiunge che "le aspettative di inflazione a lungo termine, che abbiamo visto da tempo come un importante motore dell'inflazione reale, e le pressioni disinflazionistiche globali possono aver frenato l'inflazione più di quanto generalmente previsto". Il Presidente della Fed nota con preoccupazione il persistere dell'inflazione inferiore rispetto all'obiettivo del 2% a lungo termine. Ci concentriamo su questo rapporto e spieghiamo come si è evoluto finora. È ancora in vigore? 

Cosa misura la curva di Phillips?

La curva di Phillips mostra la relazione inversa a breve termine tra inflazione e disoccupazione. Nel 1958, l'economista A. W. Phillips pubblicò un articolo sulla rivista britannica "Economica" in cui dimostrò che esisteva una correlazione negativa tra il tasso di disoccupazione e il tasso di inflazione, cioè che negli anni in cui la disoccupazione era bassa, l'inflazione tendeva ad essere alta e che negli anni in cui la disoccupazione era alta, l'inflazione tendeva ad essere bassa.

Questa relazione tra queste due variabili macroeconomiche - inflazione e disoccupazione - fino ad allora ignorata, è stata poi riaffermata in uno studio con dati relativi agli Stati Uniti da due economisti, Paul Samuelson e Rober Solow. Secondo il loro ragionamento, questa correlazione era dovuta al fatto che la bassa disoccupazione era legata all'elevata domanda aggregata, che esercitava una pressione al rialzo su salari e prezzi in tutta l'economia. Sono stati questi due economisti a chiamare questo rapporto negativo tra inflazione e disoccupazione la curva di Phillips.

Per Samuelson e Solow, la curva di Phillips ha offerto ai politici un menù di possibili combinazioni di inflazione e disoccupazione. Tuttavia, alla fine degli anni Sessanta si è incominciato a discutere se questo menù rimanesse stabile nel tempo. Milton Friedman ha sostenuto che una delle cose che la politica monetaria non può fare, se non nel brevissimo termine, è ridurre la disoccupazione aumentando l'inflazione. L'esperienza degli anni '70, quando l'inflazione e la disoccupazione sono saliti alle stelle, ha confermato questa affermazione. Uno shock negativo dell'offerta, come l'aumento dei prezzi mondiali del petrolio, presenta ai responsabili politici una scelta meno favorevole tra inflazione e disoccupazione. Quando la banca centrale comprime la crescita della massa monetaria per ridurre l'inflazione, sposta l'economia lungo la curva di Phillips a breve termine, con conseguente disoccupazione temporaneamente elevata.

1920px-NAIRU-SR-and-LR

Fonte: Wikipedia

Il costo della disinflazione dipende dalla rapidità con cui le aspettative di inflazione diminuiscono. Qui sta il nocciolo della questione: le aspettative. Alcuni economisti sostengono che un impegno credibile a favore di una bassa inflazione può ridurre il costo della disinflazione causando un rapido aggiustamento delle aspettative. Al momento, anche se non ci troviamo di fronte a uno scenario inflazionistico, ma piuttosto il contrario, ciò che rimane valido è il 'gioco' delle aspettative. Powell ha chiarito: "se si dovessero accumulare eccessive pressioni inflazionistiche o se le aspettative di inflazione dovessero salire al di sopra di livelli compatibili con il nostro obiettivo, non esiteremmo ad agire".

La relazione tra queste due variabili si è evoluta nel corso degli anni. Mentre a lungo termine la curva di Phillips diventa meno rilevante, questa equazione è ancora utilizzata a breve termine. Il passo compiuto dalla Fed nel suo cambiamento di politica monetaria deve ancora essere definito e resta da vedere se modificherà la roadmap delle altre banche centrali.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente