La BCE mette il pilota automatico per l'estate


I meeting estivi della Banca centrale europea sono soliti tenersi senza grandi novità (ad eccezione dell'estate 2012). Gli investitori si aspettavano poco dalla riunione di luglio e questo ed è stato così: nessun cambiamento negli stimoli monetari o annuncio di sviluppi futuri. Come ha affermato Konstantin Veit, senior manager di PIMCO, la BCE è entrata in modalità pilota automatico e si aspettava che l'Eurotower si astenesse dall'apportare modifiche al quadro della politica monetaria.

"La BCE è soddisfatta per ora della relativa calma sui mercati dei mercati che ha già messo in atto, ed è particolarmente incoraggiata dai risultati del suo programma di prestiti bancari TLTRO, che sta contribuendo ad evitare pressioni sui finanziamenti bancari", riassume Paul Diggle, economista senior di Aberdeen Standard Investments.

C'era solo una possibilità per avere un titolo dall’ultima riunione, ma il Presidente dell'Istituto Christine Lagarde, ha messo subito a tacere i dubbi: il Pandemic Emergency Purchase Programme (PEPP) ci sarà fino a quando non si sarà esaurito. Veit spiega la piccola controversia: "Nel verbale della riunione della BCE di giugno è stato detto che il PEPP deve essere inteso come un limite massimo, il che significa che in caso di grandi sorprese al rialzo nelle prospettive, non sarà necessario utilizzare l'intero pacchetto. Diversi membri del Comitato esecutivo hanno nel frattempo ripetuto questo messaggio, portando ad alcune speculazioni di mercato che la BCE potrebbe ridurre gli acquisti di PEPP prima del previsto. Considerate le prospettive di inflazione a medio termine, riteniamo che tali considerazioni siano fuori luogo e che le possibilità di non esaurire l'attuale programma siano molto scarse”.

In un certo senso, un incontro senza sorprese è un segnale positivo. "Lo stato dei mercati e dell'economia non richiede ulteriori interventi in questo momento. Le misure energiche adottate finora hanno contribuito ad alleviare le condizioni finanziarie dall'apice della crisi di marzo. Il Consiglio direttivo ha dato agli attuali programmi una grande flessibilità e, se necessario, sembra avere un adeguato margine di manovra, date le necessità di finanziamento dei Governi per combattere le conseguenze della pandemia", dice Anna Stupnytska, economista globale di Fidelity International che vede dei germogli verdi nei dati economici per giustificare questo previsione: gli indicatori ad alta frequenza suggeriscono che l'attività economica nella Zona euro continua ad accelerare, anche se la cautela dei consumatori e la debole domanda esterna pongono grandi sfide alla ripresa d'ora in poi.

Questa inattività può anche essere interpretata nel senso che la BCE sarebbe vicina ai limiti di ciò che può fare per sostenere in modo significativo le economie europee attraverso misure di politica monetaria. In effetti, una cosa su cui gli asset manager sono d'accordo è che l'impatto reale proverrà ora dalle decisioni politiche prese dall'Europa. Questa è il compito del recovery fund dell'UE di cui si sta discutendo in questi giorni. "Un rapido accordo su un importante pacchetto di sostegno farebbe molto di più per l'economia della Area euro di quanto la BCE possa fare ora. È probabile che la BCE si mantenga su una rotta ferma solo a partire da qui, aumentando il livello degli acquisti di attività come ritiene opportuno", prevede Oliver Blackbourn, gestore di fondi multi-asset presso Janus Henderson Investors.

Ci sono anche pochi nuovi sviluppi nell'economia europea. Bill Papadakis, il macro-strategist di Lombard Odier, sottolinea che la Banca centrale ha riconosciuto il miglioramento economico osservato da quando i mercati hanno toccato il fondo ad aprile, ma sottolinea anche i rischi rimanenti, impegnandosi a continuare a sostenere l'economia attraverso bassi tassi di interesse, acquisti di attività e generose e operazioni di rifinanziamento.

In questo contesto, i gestori di fondi internazionali si stanno avventurando a guardare più al medio termine, dove avranno bisogno di vedere di nuovo una BCE che si rivolga ai mercati e ai governi. Franck Dixmier, head of Global Fixed Income Investments diAllianz Global Investors, prevede che il PEPP sarà esteso in autunno per soddisfare le notevoli esigenze di finanziamento dei Governi nel 2021. "Questo dovrebbe raggiungere la cifra di 1.100 miliardi di Euro entro il 2021", prevede l'esperto. Il PEPP, già prorogato nella precedente riunione del 4 giugno, dovrebbe essere prorogato al 2022", dice.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 4 Siguiente