L'inattività della BCE fa volare l'Euro


La riunione di settembre della Banca centrale europea si è conclusa senza modifiche esplicite alla sua politica monetaria, ma non è stata priva di spunti degni di nota. Con la recente impennata dell'Euro e un'inflazione storicamente bassa in agosto, gli investitori guardavano all'Istituto per avere almeno degli indizi se entrambi i target fossero nel suo radar. Ma il messaggio inviato dal Presidente Christine Lagarde non è stato così forte come alcuni si aspettavano.

L'inflazione è stata al centro del dibattito. La BCE ha mantenuto la proiezione dei prezzi al consumo per il 2022 all'1,3%. La cosa più curiosa è che ha aumentato l'inflazione core dallo 0,9% all'1,1%, nonostante un euro più forte e l'output gap. Secondo la BCE, l'inflazione di fondo è scesa ‘in linea’ allo 0,4% in agosto a causa della riduzione dell'IVA tedesca e del rinvio delle vendite estive, nota Frederik Ducrozet, economista di Pictet WM. A suo parere, l'inflazione è ancora inaccettabilmente bassa e sarebbe un errore se questa valutazione fosse condivisa dal Consiglio direttivo della BCE.

Il punto chiave è che, mentre Lagarde ha menzionato i recenti movimenti dell'euro nel suo discorso di apertura e ha ribadito che si tratta di uno dei fattori che la BCE sta monitorando, ha anche ribadito che l'euro non è un obiettivo esplicito. O come sintetizza Annalisa Piazza, analista del reddito fisso di MFS Investment Management: "Non sembra esserci fretta di aumentare l'attuale pacchetto di stimoli”.

E questo ha avuto un effetto diretto sull'Euro. Come si può vedere nel grafico condiviso da MONEX EUROPE, le dichiarazioni della BCE sono state accolte con una spinta positiva dell'Euro nei confronti del Dollaro USA che è stato scambiato quasi un punto percentuale sopra il prezzo di apertura alla chiusura della conferenza.

image001__2_

Ed è anche un motivo di preoccupazione primario per Paul Diggle, capo economista di Aberdeen Standard Investments. "La BCE è stata sconcertantemente hawkish nella sua riunione di oggi", spiega. "Ha fatto delle revisioni al rialzo delle sue previsioni di crescita e di inflazione, e alla conferenza stampa Christine Lagarde è sembrata un po' più ottimista sulle prospettive di quanto pensiamo sia giustificato". "Una domanda depressa significa che l'inflazione di fondo rimarrà bassa, oscillando intorno ai livelli di agosto fino alla fine dell'anno. Il fatto è che la storia della BCE è segnata da numerosi episodi di esitazione, per poi essere costretta a fare di più in un secondo momento", lamenta Ducrozet. Pertanto, ASI prevede che la BCE sarà costretta a ulteriori misure accomodanti nel corso dell'anno.

Konstantin Veit, senior portfolio manager di PIMCO, è d'accordo nel valutare l'incontro come "marginalmente verso il lato del falco". "Non c'è dubbio che lo shock negativo dell'inflazione dovuto alla pandemia non sia stato ancora sufficientemente compensato", dice. Così ora tutti gli occhi sono puntati sulla riunione di dicembre, dove il mercato, questa volta, si aspetta più azioni che parole. "Crediamo ancora che le prospettive di inflazione, storicamente deboli, costringeranno la BCE a mettersi al lavoro relativamente presto, e ci aspettiamo che aumenti e prolunghi ulteriormente il nuovo PEPP a dicembre dagli attuali 1.350 miliardi di euro di acquisti fino alla fine di giugno 2021, poiché le prospettive di inflazione non convergono sufficientemente verso la forma pre-pandemica", sostiene.

Gli esperti sono concordi nel ritenere che la BCE debba agire. "La credibilità dell'obiettivo di inflazione della BCE è forse la più debole di tutte le principali banche centrali e gli spazi di manovra politici sono ancora troppo stretti per raggiungerlo, soprattutto nel contesto di un Euro più forte; ci aspettiamo un rinnovato sforzo monetario, sia attraverso ulteriori acquisti di attività o ulteriori tagli in territorio di tassi negativi", insiste Adrian Hilton, responsabile di tassi globali e valute di Columbia Threadneedle Investments.

Sono d'accordo da MFS IM. Considerano infatti alta la probabilità che la BCE estenda il suo programma PEPP nel corso di quest'anno (o all'inizio del 2021) quando le proiezioni della BCE si estenderanno fino al 2023.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente