L’importanza della governance


Contributo a cura di Mike Everett, ESG investment director, Aberdeen Standard Investments. Contenuto sponsorizzato.

Nelle fasi di crisi, una buona corporate governance può fare la differenza. Mai come in questo momento CdA e manager sono chiamati a intraprendere azioni risolute che consentano alle proprie società di sopravvivere e prosperare in un futuro ancora incerto.

La società civile, i media e i governi stanno monitorando con attenzione le modalità con cui le aziende gestiscono le sfide imposte dalla pandemia. Le decisioni assunte dai responsabili della governance aziendale dovranno considerare una serie ampia di stakeholder, tra cui anche l’ambiente e le comunità in cui operano. È probabile che in base alle modalità di gestione di questa crisi, i dirigenti e i board determineranno l'eventuale estensione dei propri mandati.

La pandemia sta, inoltre, ponendo sempre più al centro dell'attenzione anche il ruolo degli investitori. Gli asset manager trasformano i risparmi dei clienti in capitale che promuove e, al contempo, beneficia della crescita messa a punto dalle aziende che hanno successo nel lungo termine. Gli investitori hanno dunque la responsabilità di sostenere le società in grado di dare le migliori risposte.

Ecco alcuni ambiti nei quali aziende e investitori dovranno concentrare gli sforzi.

Gestione del capitale

Per affrontare la pandemia, molte aziende dovranno sostenere costi aggiuntivi, soprattutto per trattare gli stakeholder in maniera equa e rispettosa. L'adozione di misure volte a tutelare la salute dei dipendenti è fondamentale, ma le aziende dovrebbero anche fare il possibile per sostenere la sicurezza finanziaria dei dipendenti nei limiti della fattibilità.

Nella ricerca di ulteriori capitali, le società devono essere in grado di fornire solide giustificazioni economiche e un'analisi dettagliata che copra almeno i successivi 12 mesi. Ciò dovrebbe prendere in considerazione l'eventuale riduzione dei dividendi, la rinegoziazione dei covenant e l'utilizzo di sostegni di emergenza da parte delle banche e del governo.

Coinvolgimento degli azionisti

Una parte importante dell’engagement tra società e azionisti si esplica nell'assemblea generale annuale (AGA). Ci troviamo nel pieno della stagione delle assemblee generali, che va da aprile a giugno. Dal momento che quasi ovunque gli assembramenti sono vietati, l'ultima serie di AGA è stata rinviata, ristretta in termini di partecipanti o svolta esclusivamente in modalità virtuale.

L'AGA rappresenta un appuntamento importante in cui gli azionisti possono chiamare a rispondere i CdA e i dirigenti. In situazioni normali, gli azionisti sono contrari alle assemblee virtuali, poiché ritengono di disporre di una minore capacità di partecipazione. Nelle circostanze attuali, le assemblee virtuali sono generalmente accettate, ma non dovrebbero diventare la norma in futuro.

Remunerazione dei dirigenti

Finora, il modo in cui le aziende e i dirigenti hanno trattato le retribuzioni per far fronte all'impatto del Covid-19 è stato generalmente positivo. Alcuni dirigenti hanno previsto tagli alla remunerazione fissa o variabile oppure hanno donato una quota del proprio compenso per aiutare chi è stato colpito dalla pandemia.

Le aziende e gli amministratori esecutivi devono dar prova di consapevolezza quando considerano le politiche di remunerazione e il livello complessivo di retribuzione. L'esperienza attuale nel Regno Unito indica che, sotto i riflettori del Covid-19, numerosi comitati per la remunerazione hanno deciso di adottare provvedimenti per adeguare i compensi.

Investimenti per un futuro migliore

In conclusione, le restrizioni applicate in tutto il mondo per far fronte alla pandemia hanno creato un contesto in cui il processo decisionale dei dirigenti e dei board è tornato ai fondamentali. I CdA e i dirigenti in grado di gestire con lungimiranza la governance aziendale durante la crisi getteranno le basi del loro successo a lungo termine. Tali aziende dovrebbero emergere con una reputazione più solida, uno scopo più chiaro e clienti, dipendenti e fornitori fidelizzati. Gli asset manager che individuano e sostengono tali società adesso, stanno investendo in un futuro migliore.

Per saperne di più su Aberdeen Standard Investments clicca qui

Professionisti
Società

Notizie correlate

Azioni europee, le prossime mosse

A parte l'inevitabile volatilità del momento, potrebbe essere il momento giusto per tornare ad investire in Europa. Contributo a cura di Ben Ritchie, Head of European Equities, Aberdeen Standard Investments. Contenuto sponsorizzato.

Anterior 1 2 Siguiente